noah-locandina
Darren Aronofsky

Noah

5

Darren Aronofsky si dà al kolossal. È una pratica normale a Hollywood, e anche un po’ off, ossia se sei bravo ti danno sempre più soldi, con il rischio di fregarti. Dopo il successo de Il cigno nero, la Paramount ha offerto al regista la regia di Noah, filmone biblico sull’Arca di Noè declinato in chiave super-spettacolare: tra Dio e il regista, è il secondo a rimetterci le penne.

La narrazione biblica diventa la base per una sorta di fantasy in cui il Creatore affida a Noè il compito di salvare gli animali dal diluvio, punizione con la quale castigare gli uomini per come hanno ridotto la Terra: ma sono proprio gli stessi discendenti di Caino a voler entrare nell’Arca per salvarsi. Ne nascerà una dura battaglia. Scritto da Aronofsky con Ari Handel  assieme al non accreditato John Logan, Noah è un dramma apocalittico che utilizza elementi biblici per creare una cupa mitologia romanzesca, accostando Noè e il diluvio a creazioni di Tolkien o alla fantascienza messianica.

Un film nettamente diviso in due parti, quasi opposte: la prima che sfrutta immaginario e retorica da saga fantastica per reimmaginare, da prospettiva ebraica, vegetariana, con tocchi new age, una delle storia centrali del Vecchio Testamento, restando al corrivo livello delle super-produzioni hollywoodiane in cui i miliardi e gli effetti speciali annegano ogni tentativo personale, ogni ambizione di stile; la seconda in cui Aronofsky si ricollega all’esordio con Pi greco e racconta il viaggio d Noè nella follia fanatica dell’integralismo religioso che non si ferma davanti a nulla. E sebbene più interessante, si arena di fronte a un simbolismo greve e ridondante che spegne i risvolti più curiosi del racconto.

Su tutto però regna purtroppo una mancanza evidente e preoccupante di immaginazione, laddove il regista si affanna ad accumulare immagini, creandole con il computer o mettendole in scena, affastellando informazioni e dettagli, senza lasciare allo spettatore nessuno spiraglio visionario e bloccando ogni possibilità del film di aprirsi. Ci si dovrebbe limitare a godersi l’enorme baracca tecnologica e spettacolare, ma è difficile quando l’andamento del racconto e la vitalità dello stile sono imbrigliati.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
okja-poster-1
Bong Joon-ho

Okja

7.5

La pietra dello scandalo. Il film che al recente festival di Cannes ha fatto scattare la fatwa...
locandina
David Michôd

War Machine

6

Un paio di gambe storte sorregge un corpo rigidamente costretto in una postura dall’aria innaturale: è la...
mucchio_blame_poster
Dal 20 maggio su Netflix

Blame

6.5

Almodovar, pietà. Il cinema made in Netflix è una figata. Soprattutto se recapitato per tutti, nello stesso...
8o8
Lynne Ramsay

You Were Never Really Here

7

Il cinema di Lynne Ramsay è un cinema psico-patologico, in cui il delirio dei personaggi si rispecchia...
yju545
François Ozon

L'amant double

4

Non si può dire che L’amant double, il nuovo film di François Ozon, non sia chiaro fin...
kkkk
Ben Safdie, Joshua Safdie

Good Time

7.5

La vitalità del cinema nasce spesso dalle sue contraddizioni: Good Time dei fratelli Ben e Joshua Safdie...
grrere
Eugene Jarecki

Promised land

7.5

“Mister I ain’t a boy, no I’m a man\and I believe in a promised land”. E’ il...
vfewry
Sean Baker

The Florida project

8

Dall’iPhone al 35 millimetri, per Sean Baker il sogno americano e le sue declinazioni passano anche dal...
locandina
Fabio Grassadonia, Antonio Piazza

Sicilian Ghost Story

6

In un bosco che somiglia a quello delle fiabe, due giovani adolescenti si scambiano un bacio affettuoso....
tyutyu
Robert Campillo

120 battements par minute

8

Un cuore accelerato o un ritmo travolgente che possono essere sinonimi o contrari. Per Robin Campillo i...
locandina
Todd Haynes

Wonderstruck

8

Questo è un racconto che richiede pazienza e lentezza. Lo scrive Julianne Moore al piccolo protagonista di...
locandina
Terrence Malick

Song to Song

8

«Non c’è nessuna forma d’arte come il cinema per colpire la coscienza, scuotere le emozioni e raggiungere...
622506603
Rossella Schillaci

Libere

8

La Resistenza raccontata da Rossella Schillaci in Libere, documentario in uscita il 20 aprile nelle sale italiane,...