noah-locandina
Darren Aronofsky

Noah

5

Darren Aronofsky si dà al kolossal. È una pratica normale a Hollywood, e anche un po’ off, ossia se sei bravo ti danno sempre più soldi, con il rischio di fregarti. Dopo il successo de Il cigno nero, la Paramount ha offerto al regista la regia di Noah, filmone biblico sull’Arca di Noè declinato in chiave super-spettacolare: tra Dio e il regista, è il secondo a rimetterci le penne.

La narrazione biblica diventa la base per una sorta di fantasy in cui il Creatore affida a Noè il compito di salvare gli animali dal diluvio, punizione con la quale castigare gli uomini per come hanno ridotto la Terra: ma sono proprio gli stessi discendenti di Caino a voler entrare nell’Arca per salvarsi. Ne nascerà una dura battaglia. Scritto da Aronofsky con Ari Handel  assieme al non accreditato John Logan, Noah è un dramma apocalittico che utilizza elementi biblici per creare una cupa mitologia romanzesca, accostando Noè e il diluvio a creazioni di Tolkien o alla fantascienza messianica.

Un film nettamente diviso in due parti, quasi opposte: la prima che sfrutta immaginario e retorica da saga fantastica per reimmaginare, da prospettiva ebraica, vegetariana, con tocchi new age, una delle storia centrali del Vecchio Testamento, restando al corrivo livello delle super-produzioni hollywoodiane in cui i miliardi e gli effetti speciali annegano ogni tentativo personale, ogni ambizione di stile; la seconda in cui Aronofsky si ricollega all’esordio con Pi greco e racconta il viaggio d Noè nella follia fanatica dell’integralismo religioso che non si ferma davanti a nulla. E sebbene più interessante, si arena di fronte a un simbolismo greve e ridondante che spegne i risvolti più curiosi del racconto.

Su tutto però regna purtroppo una mancanza evidente e preoccupante di immaginazione, laddove il regista si affanna ad accumulare immagini, creandole con il computer o mettendole in scena, affastellando informazioni e dettagli, senza lasciare allo spettatore nessuno spiraglio visionario e bloccando ogni possibilità del film di aprirsi. Ci si dovrebbe limitare a godersi l’enorme baracca tecnologica e spettacolare, ma è difficile quando l’andamento del racconto e la vitalità dello stile sono imbrigliati.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
locandina
Christian Duguay

Un sacchetto di biglie

7.5

Nella Parigi invasa dai nazisti, Joseph Joffo e il fratello Maurice si divertono spensierati. Il padre Roman...
locandina
Woody Allen

La ruota delle meraviglie

4.5

“Ho qualche guaio tra fantasia e realtà”: lo diceva Alvy/Allen in Io e Annie. Era il 1977...
locandina
Julien Temple

My Life Story

7

Più che un film, My Life Story è una testimonianza di cosa sia un entertainer, di cosa...
254690
Kantemir Balagov

Closeness

7.5

Comunicare la desolazione è cosa molto differente dall’esprimere la depressione. In quella sfumatura tra mimesi piatta e...
locandina
Colin Trevorrow

Il libro di Henry

5

La recensione più breve del mondo: Il libro di Henry sucks. Lo si scrive con un po’...
locandina
Kathryn Bigelow

Detroit

9

Kathryn Bigelow sta al cinema d’azione come George Romero sta al cinema d’orrore: ha introdotto nel genere,...
locandina
Janus Metz Pedersen

Borg McEnroe

6

Si dice che il tennis sia uno sport poco adatto al cinema. Per cercare di smentire questa...
gospel_604_alk_s_binder2_016-h_2017
Jennifer Lebeau

Trouble No More

6.5

“Puoi chiamarmi Bobby, puoi chiamarmi Zimmy /Puoi chiamarmi in ogni modo ma non importa quello che tu...
v1.bTsxMjMyNzU0OTtqOzE3NTEyOzEyMDA7Mjg0OzQwNQ
Philippe Van Leeuw

Insyriated

5.5

La guerra in Siria, o in un luogo analogo, fa parte dell’oppressione quotidiana, non è una tensione...
54108
Paolo e Vittorio Taviani

Una questione privata

5

È il 1943. Sulle colline delle Langhe le brigate dei partigiani combattono i fascisti. Gli scontri sono...
screen-shot-2017-09-05-at-1-22-03-pm
Scott Cooper

Hostiles

7.5

È più moderno che classico Hostiles (e di sicuro non classicista), più crepuscolare che mitologico. Il film...
locandina
Andy Muschietti

It

7.5

E alla fine arrivò It. L’abbiamo sognato, temuto a lungo. Ci ha indottrinato a meraviglia grazie ai...
locandina
Jonathan Dayton, Valerie Faris

La battaglia dei sessi

6

È interessante il modo sottile, quasi “subdolo”, con cui La battaglia dei sessi racconta un personaggio per...
locandina
Leonardo Di Costanzo

L'intrusa

8

“Succede che per salvare qualcuno devi escludere altri.” E’ partito da qui Leonardo Di Costanzo, da un...
locandina
Denis Villeneuve

Blade Runner 2049

8

“Hai mai visto un miracolo?” chiede Dave Bautista a Ryan Gosling all’inizio di Blade Runner 2049. La...