noah-locandina
Darren Aronofsky

Noah

5

Darren Aronofsky si dà al kolossal. È una pratica normale a Hollywood, e anche un po’ off, ossia se sei bravo ti danno sempre più soldi, con il rischio di fregarti. Dopo il successo de Il cigno nero, la Paramount ha offerto al regista la regia di Noah, filmone biblico sull’Arca di Noè declinato in chiave super-spettacolare: tra Dio e il regista, è il secondo a rimetterci le penne.

La narrazione biblica diventa la base per una sorta di fantasy in cui il Creatore affida a Noè il compito di salvare gli animali dal diluvio, punizione con la quale castigare gli uomini per come hanno ridotto la Terra: ma sono proprio gli stessi discendenti di Caino a voler entrare nell’Arca per salvarsi. Ne nascerà una dura battaglia. Scritto da Aronofsky con Ari Handel  assieme al non accreditato John Logan, Noah è un dramma apocalittico che utilizza elementi biblici per creare una cupa mitologia romanzesca, accostando Noè e il diluvio a creazioni di Tolkien o alla fantascienza messianica.

Un film nettamente diviso in due parti, quasi opposte: la prima che sfrutta immaginario e retorica da saga fantastica per reimmaginare, da prospettiva ebraica, vegetariana, con tocchi new age, una delle storia centrali del Vecchio Testamento, restando al corrivo livello delle super-produzioni hollywoodiane in cui i miliardi e gli effetti speciali annegano ogni tentativo personale, ogni ambizione di stile; la seconda in cui Aronofsky si ricollega all’esordio con Pi greco e racconta il viaggio d Noè nella follia fanatica dell’integralismo religioso che non si ferma davanti a nulla. E sebbene più interessante, si arena di fronte a un simbolismo greve e ridondante che spegne i risvolti più curiosi del racconto.

Su tutto però regna purtroppo una mancanza evidente e preoccupante di immaginazione, laddove il regista si affanna ad accumulare immagini, creandole con il computer o mettendole in scena, affastellando informazioni e dettagli, senza lasciare allo spettatore nessuno spiraglio visionario e bloccando ogni possibilità del film di aprirsi. Ci si dovrebbe limitare a godersi l’enorme baracca tecnologica e spettacolare, ma è difficile quando l’andamento del racconto e la vitalità dello stile sono imbrigliati.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
Tonya-poster
Craig Gillespie

Tonya

8

Questa è la storia di Tonya Harding, pattinatrice americana, e del suo tonfo professionale avvenuto nel 1994...
locandina
Steven Spielberg

Ready Player One

7.5

Sembra voler rispondere a una precisa domanda Ready Player One, il nuovo film di Steven Spielberg che...
locandina
Alex Garland

Annientamento

8.5

Il lavoro che Alex Garland fa sulla fascinazione in Annientamento è fortissimo, tanto da diventare un futuro...
locandina-2
Adina Pintilie

Touch me Not

5

È Touch me not di Adina Pintilie ad aggiudicarsi, a sorpresa, l’Orso d’oro per la 68° edizione della Berlinale....
locandina
Damiano D'Innocenzo, Fabio D'Innocenzo

La terra dell'abbastanza

6.5

Sembra uno spin-off di Gomorra, La terra dell’abbastanza, l’esordio dei gemelli D’Innocenzo presentato con un notevole riscontro all’ultimo...
locandina
Paul Thomas Anderson

Il filo nascosto

9

Reynolds Woodcock è un abile sarto che veste l’aristocrazia della Londra degli anni Cinquanta. I suoi abiti...
locandina
Steven Soderbergh

Unsane

8

Ci pensava già da un paio d’anni, Steven Soderbergh, a girare un film con l’iPhone e l’occasione...
locandina
José Padilha

7 Days in Entebbe

7

La vicenda è nota: nel 1976 il Fronte per la liberazione della Palestina dirotta un aereo francese...
locandina-ver
Laura Bispuri

Figlia mia

7.5

“E perché la devi curare? É malata?” Ecco, Figlia mia sta tutto qui, in questo confronto tra due donne...
locandina
Christian Duguay

Un sacchetto di biglie

7.5

Nella Parigi invasa dai nazisti, Joseph Joffo e il fratello Maurice si divertono spensierati. Il padre Roman...
locandina
Woody Allen

La ruota delle meraviglie

4.5

“Ho qualche guaio tra fantasia e realtà”: lo diceva Alvy/Allen in Io e Annie. Era il 1977...
locandina
Julien Temple

My Life Story

7

Più che un film, My Life Story è una testimonianza di cosa sia un entertainer, di cosa...