Jane Fonda e Robert Redford, Leoni d’Oro alla carriera a Venezia74, sono i protagonisti di una delicata storia d’amore, tratta dall’omonimo romanzo di Kent Haruf. Sia chiaro, la parola amore non viene mai pronunciata nel film, come se il parlarne potesse distogliere i personaggi dal cercarlo, l’Amore, nelle forme dell’immediatezza che la loro età richiede. E se il bisogno di sentirsi meno soli appare più evidente a ottant’anni, ogni relazione non nasce forse “perché questo è l’ostacolo, la crosta da rompere: la solitudine dell’uomo – di noi e degli altri”, come scriveva Cesare Pavese? E farlo, o provarci, almeno, per quanto coraggio possa richiedere, a volte può essere semplice come attraversare la strada e domandare al proprio vicino “vieni a dormire da me, qualche volta”. Se poi si ha la fortuna di avere, come Jane Fonda, un vicino ancora affascinante come Robert Redford forse il coraggio diventa persino più facile da trovare.

Non è una proposta di matrimonio, precisa Addie, la protagonista. E’ per superare la notte – le notti sono terribili, no? – per parlare finché non ci si addormenta e percorrere, nel raccontarsi all’altro, corridoi di ricordi impolverati, scoprirli ancora abitati dalle emozioni. Per farlo in maniera diretta, senza bisogno di etichettare il conforto che si va trovando. Ed è proprio il fatto che la connessione tra i due protagonisti si stabilisca in maniera tanto onesta ad aver affascinato Redford, che racconta di aver voluto produrre questo film perché il cinema, oggi, si rivolge quasi esclusivamente ai giovani, soprattutto quando parla d’amore: Addie e Louis dimostrano, invece, che il futuro viene sentito con la stessa esuberante consistenza ogni volta che una storia ha inizio, qualunque sia l’età di chi ne viene coinvolto. Il film rappresenta per i due attori anche l’occasione per tornare a lavorare insieme a cinquant’anni di distanza da A piedi nudi nel parco e non appaiono certo meno fieri e luminosi di allora. “Allora recitavamo solo l’amore di una giovane coppia” racconta Jane Fonda “mentre la storia di questo film può appartenere davvero a tutti, per quanto tra i due protagonisti si venga ad instaurare una dinamica in qualche modo simile, con il personaggio femminile volitivo e trascinante”.

E’ la stessa Addie, infatti, a non volersi preoccupare se nella piccola città di quell’America rurale, dove le grandi pianure incontrano le montagne, il loro starsi vicini possa provocare scandalo. Succede all’inizio, finché Addie e Louis diventano orizzonte uno all’altro e gli altri, semplicemente, scompaiono: “Tutto quello che voglio è vivere la mia giornata e venire a raccontartela.” La regia di Ritesh Batra, talento emerso da uno dei laboratori per registi emergenti del Sundance Festival dello stesso Redford, è solida e delicata, avanza con ritmo ma ci consente, al tempo stesso, di indugiare sui personaggi per quel tempo sufficientemente lungo a leggere in loro quel che serve di noi stessi.

Su Netflix dal 29 settembre.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
locandina
Janus Metz Pedersen

Borg McEnroe

6

Si dice che il tennis sia uno sport poco adatto al cinema. Per cercare di smentire questa...
gospel_604_alk_s_binder2_016-h_2017
Jennifer Lebeau

Trouble No More

6.5

“Puoi chiamarmi Bobby, puoi chiamarmi Zimmy /Puoi chiamarmi in ogni modo ma non importa quello che tu...
v1.bTsxMjMyNzU0OTtqOzE3NTEyOzEyMDA7Mjg0OzQwNQ
Philippe Van Leeuw

Insyriated

5.5

La guerra in Siria, o in un luogo analogo, fa parte dell’oppressione quotidiana, non è una tensione...
54108
Paolo e Vittorio Taviani

Una questione privata

5

È il 1943. Sulle colline delle Langhe le brigate dei partigiani combattono i fascisti. Gli scontri sono...
screen-shot-2017-09-05-at-1-22-03-pm
Scott Cooper

Hostiles

7.5

È più moderno che classico Hostiles (e di sicuro non classicista), più crepuscolare che mitologico. Il film...
locandina
Andy Muschietti

It

7.5

E alla fine arrivò It. L’abbiamo sognato, temuto a lungo. Ci ha indottrinato a meraviglia grazie ai...
locandina
Jonathan Dayton, Valerie Faris

La battaglia dei sessi

6

È interessante il modo sottile, quasi “subdolo”, con cui La battaglia dei sessi racconta un personaggio per...
locandina
Leonardo Di Costanzo

L'intrusa

8

“Succede che per salvare qualcuno devi escludere altri.” E’ partito da qui Leonardo Di Costanzo, da un...
locandina
Denis Villeneuve

Blade Runner 2049

8

“Hai mai visto un miracolo?” chiede Dave Bautista a Ryan Gosling all’inizio di Blade Runner 2049. La...
Outrage-0-Coda-620x329
Takeshi Kitano

Outrage Coda

6.5

Con Outrage Coda Takeshi Kitano conclude la trilogia iniziata nel 2010 con Outrage e proseguita nel 2012 con Outrage Beyond, campione d’incassi,...
HANNAH-Charlotte-Rampling-2017-1
Andrea Pallaoro

Hannah

5.5

Lunga vita a chi cerca nuove strade e toni originali per raccontare le storie al cinema, purchè...
lou_luttiau_shain_boumedine_ophelie_bau
Abdellatif Kechiche

Mektoub, My Love: Canto uno

7

Ci sono infiniti modi di essere curiosi della vita e di volerla esplorare cinematograficamente. Osservare i personaggi...
morelli-e-rossi-ammore-e-malavita
Manetti Bros

Ammore e malavita

7.5

‘Parigi ha la Tour Eiffel, Roma ha il Colosseo e Napoli ha le vele di Scampìa’: comincia...
sakamoto-coda
Stephen Schible

Ryuichi Sakamoto: Coda

6.5

In conferenza stampa Ryūichi Sakamoto continua a muovere le dita. A Venezia74 per presentare il docufilm girato...
coverlg
Frederick Wiseman

Ex libris

7.5

“Così può essere l’uomo: esternamente un lupo, ma nell’anima un unicorno”: siamo alla New York Public Library,...
coverlg
Paolo Virzì

The Leisure Seeker

7.5

Alla prima di The Leisure Seeker, in concorso a Venezia74, gli applausi per Paolo Virzì scattano già ai...