Jane Fonda e Robert Redford, Leoni d’Oro alla carriera a Venezia74, sono i protagonisti di una delicata storia d’amore, tratta dall’omonimo romanzo di Kent Haruf. Sia chiaro, la parola amore non viene mai pronunciata nel film, come se il parlarne potesse distogliere i personaggi dal cercarlo, l’Amore, nelle forme dell’immediatezza che la loro età richiede. E se il bisogno di sentirsi meno soli appare più evidente a ottant’anni, ogni relazione non nasce forse “perché questo è l’ostacolo, la crosta da rompere: la solitudine dell’uomo – di noi e degli altri”, come scriveva Cesare Pavese? E farlo, o provarci, almeno, per quanto coraggio possa richiedere, a volte può essere semplice come attraversare la strada e domandare al proprio vicino “vieni a dormire da me, qualche volta”. Se poi si ha la fortuna di avere, come Jane Fonda, un vicino ancora affascinante come Robert Redford forse il coraggio diventa persino più facile da trovare.

Non è una proposta di matrimonio, precisa Addie, la protagonista. E’ per superare la notte – le notti sono terribili, no? – per parlare finché non ci si addormenta e percorrere, nel raccontarsi all’altro, corridoi di ricordi impolverati, scoprirli ancora abitati dalle emozioni. Per farlo in maniera diretta, senza bisogno di etichettare il conforto che si va trovando. Ed è proprio il fatto che la connessione tra i due protagonisti si stabilisca in maniera tanto onesta ad aver affascinato Redford, che racconta di aver voluto produrre questo film perché il cinema, oggi, si rivolge quasi esclusivamente ai giovani, soprattutto quando parla d’amore: Addie e Louis dimostrano, invece, che il futuro viene sentito con la stessa esuberante consistenza ogni volta che una storia ha inizio, qualunque sia l’età di chi ne viene coinvolto. Il film rappresenta per i due attori anche l’occasione per tornare a lavorare insieme a cinquant’anni di distanza da A piedi nudi nel parco e non appaiono certo meno fieri e luminosi di allora. “Allora recitavamo solo l’amore di una giovane coppia” racconta Jane Fonda “mentre la storia di questo film può appartenere davvero a tutti, per quanto tra i due protagonisti si venga ad instaurare una dinamica in qualche modo simile, con il personaggio femminile volitivo e trascinante”.

E’ la stessa Addie, infatti, a non volersi preoccupare se nella piccola città di quell’America rurale, dove le grandi pianure incontrano le montagne, il loro starsi vicini possa provocare scandalo. Succede all’inizio, finché Addie e Louis diventano orizzonte uno all’altro e gli altri, semplicemente, scompaiono: “Tutto quello che voglio è vivere la mia giornata e venire a raccontartela.” La regia di Ritesh Batra, talento emerso da uno dei laboratori per registi emergenti del Sundance Festival dello stesso Redford, è solida e delicata, avanza con ritmo ma ci consente, al tempo stesso, di indugiare sui personaggi per quel tempo sufficientemente lungo a leggere in loro quel che serve di noi stessi.

Su Netflix dal 29 settembre.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
locandina
Stefano Sollima

Soldado

7

Per il resto del mondo Soldado (o meglio, nel loro caso Day of the Soldado) è il...
locandina
Christopher McQuarrie

Mission: Impossible - Fallout

7

Giungono fondamentali conferme dall’ultimo episodio di Mission: Impossible. Una, neanche tanto sorprendente, riguarda il sempre gagliardo Tom...
locandina
Ari Aster

Hereditary

8

Meno male che l’hanno intuito tutti che Hereditary – Le radici del male marcia a un altro...
locandina
Gary Ross

Ocean's 8

6

Pace all’anima di Danny Ocean. In tutti i sensi. Più che giusto quindi che a ereditare il...
locandina
Rodrigo Cortés

Dark Hall

4

Il nuovo film di Rodrigo Cortés (Buried) ha un sottotitolo. Non immediatamente visibile: a volte ritornano. Un...
53917
Yorgos Lanthimos

Il sacrificio del cervo sacro

6.5

Indubbiamente l’unica salvezza di un film che pare non dare scampo a nessuno dei suoi personaggi è...
31170285_383905158779450_5862019829438873600_n
Yann Gonzalez

Knife + Heart

5

Di materiale per divertirsi nel nuovo film di Yann Gonzalez ce ne sarebbe parecchio: un assassino mascherato...
30420767-160224807978263-4557987999146023396-o_187a
Matteo Garrone

Dogman

8

In una storia che trasuderebbe vendetta, violenza, disagio mentale, atrocità fisiche degne del migliore (o peggiore) torture...
locandina (2)
Ron Howard

Solo: A Star Wars Story

7

L’universo di Star Wars è talmente pieno di immaginari – tra trilogie ufficiali, spin-off, serie animate, romanzi...
locandina
Ramin Bahrani

Fahrenheit 451

5

Saranno in molti a rimanere delusi dopo la visione di Fahrenheit 451, remake del film diretto da...
locandina (1)
Lars von Trier

The House That Jack Built

6

Primo titolo alternativo facile facile per The House that Jack Built, il nuovo film di Lars von...
Lazzaro_Felice_Poster_Film_FestivalCannes2018
Alice Rohrwacher

Lazzaro Felice

7

Il tempo si è fermato in Lazzaro felice, per Lazzaro e per la sua comunità. E il...
coverlg
Paul Dano

Wildlife

7

Montana, anni ’60. Una giovane famiglia americana come tante si è da poco trasferita in una nuova...
locandina
Asghar Farhadi

Everybody Knows

5.5

Una vecchia regola dell’analisi del film dice che dalla prima sequenza, a volte dai titoli di testa,...
loro-2-silvio-servillo
Paolo Sorrentino

Loro 2

8

“Essere buoni conviene”. Una filosofia di vita, di economia e soprattutto di politica: la bontà come merce...