locandina
Benedetta Argentieri, Bruno Chiaravalloti, Claudio Jampaglia

Our War

8.5

Presentato Fuori Concorso alla 73° Mostra del Cinema di Venezia, Our War nasce dall’incontro tra i giornalisti Benedetta Argentieri e Claudio Jampaglia con il filmaker Bruno Chiaravalloti. Tre sguardi dietro la macchina da presa, tre voci sullo schermo per raccontare la scelta di chi ha lasciato una confortevole vita occidentale per combattere a fianco dei miliziani curdi contro l’ISIS in Siria. A prestare al documentario la propria esperienza e i filmati realizzati al fronte sono Joshua Bell, Karim Franceschi e Rafael Kardari .

Bell, l’ex marine, sembra uscito da un film di Gus Van Sant. Si è arruolato in attesa di sapere che fare da grande e, dopo le missioni in Iraq e Afghanistan, è partito per la Siria in fuga da se stesso. Eppure, l’uomo che adesso tiene alta la bandiera YPG di fronte all’obelisco di Washington è un uomo vivo di un entusiasmo che il proprio esercito – confessa – non è mai riuscito a suscitargli.

Karim Franceschi, l’italiano, è per metà arabo e per metà partigiano. È approdato a Kobane per una missione umanitaria e ha scelto di tornare da soldato. Ha una voce allegra, come si conviene al coraggio, dal suo avamposto militare racconta la resistenza che inizia a preservare la propria umanità, prima ancora che la propria vita. Con i compagni si condividono scherzi, giacigli, tè brucianti, ci si passano bombe daesh come fossero sigarette. Franceschi abbraccia un kalashnikov annata 1942, lo stesso utilizzato nella Seconda Guerra Mondiale da Zajcev a Stalingrado (“poetico, no?”), mentre fuori, attraverso la feritoia, i novecento metri di distanza dalla prima linea del nemico diventano contorni di case spaventosamente vicine.

Rafael Kardari è partito dalla Svezia dopo aver visto il video di un’esecuzione di bambini da parte dell’Isis. Fa fatica a raccontare ciò che ha visto laggiù, tuttavia, mentre guida nel traffico di Stoccolma, le sue parole poggiano su una quotidianità fluida, dove si salutano gli amici certi di rivederli l’indomani. A Kardari sono bastati pochi giorni di viaggio e alcune ore di addestramento per passare da una vita ‘normale’ a quella in cui è ‘normale’ uccidere un altro uomo.

Sarebbe facile segnare una riga che delimiti i buoni dai cattivi, ma non si tratta di finzione: quello che vediamo è un documentario di guerra e si spara da ambo le parti, eroi di Our War compresi.E quando la scena di Kobane esplode su un Inferno senza discromie, l’illusione di poter capire si polverizza e torna forte, ineludibile, la domanda: perché si sceglie di affrontare tutto questo? Le motivazioni dei protagonisti intrecciano in modo inestricabile vissuto personale e visione del mondo, sospese tra le immagini di vita ordinaria e le testimonianze dal confine: Kardari ha origini curdo-irachene, eppure vuole fare il possibile per fermare l’avanzata del terrorismo in Occidente, mosso da una consapevolezza da europeo; Bell cercava una guerra e ha trovato un futuro da trascorrere in un Kurdistan pacificato; Franceschi sta per partire di nuovo: sente di dover combattere per una nuova era, come quella segnata dalla Guerra Civile spagnola e dalla Rivoluzione Cubana. Non sa se vale la pena morire per queste cose, ma ritiene che sicuramente valga la pena rischiare la vita per esse.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
locandina
Christian Duguay

Un sacchetto di biglie

7.5

Nella Parigi invasa dai nazisti, Joseph Joffo e il fratello Maurice si divertono spensierati. Il padre Roman...
locandina
Woody Allen

La ruota delle meraviglie

4.5

“Ho qualche guaio tra fantasia e realtà”: lo diceva Alvy/Allen in Io e Annie. Era il 1977...
locandina
Julien Temple

My Life Story

7

Più che un film, My Life Story è una testimonianza di cosa sia un entertainer, di cosa...
254690
Kantemir Balagov

Closeness

7.5

Comunicare la desolazione è cosa molto differente dall’esprimere la depressione. In quella sfumatura tra mimesi piatta e...
locandina
Colin Trevorrow

Il libro di Henry

5

La recensione più breve del mondo: Il libro di Henry sucks. Lo si scrive con un po’...
locandina
Kathryn Bigelow

Detroit

9

Kathryn Bigelow sta al cinema d’azione come George Romero sta al cinema d’orrore: ha introdotto nel genere,...
locandina
Janus Metz Pedersen

Borg McEnroe

6

Si dice che il tennis sia uno sport poco adatto al cinema. Per cercare di smentire questa...
gospel_604_alk_s_binder2_016-h_2017
Jennifer Lebeau

Trouble No More

6.5

“Puoi chiamarmi Bobby, puoi chiamarmi Zimmy /Puoi chiamarmi in ogni modo ma non importa quello che tu...
v1.bTsxMjMyNzU0OTtqOzE3NTEyOzEyMDA7Mjg0OzQwNQ
Philippe Van Leeuw

Insyriated

5.5

La guerra in Siria, o in un luogo analogo, fa parte dell’oppressione quotidiana, non è una tensione...
54108
Paolo e Vittorio Taviani

Una questione privata

5

È il 1943. Sulle colline delle Langhe le brigate dei partigiani combattono i fascisti. Gli scontri sono...
screen-shot-2017-09-05-at-1-22-03-pm
Scott Cooper

Hostiles

7.5

È più moderno che classico Hostiles (e di sicuro non classicista), più crepuscolare che mitologico. Il film...
locandina
Andy Muschietti

It

7.5

E alla fine arrivò It. L’abbiamo sognato, temuto a lungo. Ci ha indottrinato a meraviglia grazie ai...
locandina
Jonathan Dayton, Valerie Faris

La battaglia dei sessi

6

È interessante il modo sottile, quasi “subdolo”, con cui La battaglia dei sessi racconta un personaggio per...
locandina
Leonardo Di Costanzo

L'intrusa

8

“Succede che per salvare qualcuno devi escludere altri.” E’ partito da qui Leonardo Di Costanzo, da un...
locandina
Denis Villeneuve

Blade Runner 2049

8

“Hai mai visto un miracolo?” chiede Dave Bautista a Ryan Gosling all’inizio di Blade Runner 2049. La...