Outrage-0-Coda-620x329
Takeshi Kitano

Outrage Coda

6.5

Con Outrage Coda Takeshi Kitano conclude la trilogia iniziata nel 2010 con Outrage e proseguita nel 2012 con Outrage Beyond, campione d’incassi, realizzato in seguito al grande successo commerciale conseguito dal primo film. La novità non sta certo nella tematica, l’efferata yakuza giapponese tante volte raccontata da Kitano nella sua lunga filmografia (qui alla sua 18sima prova di regia), quanto nel suo essere, rispetto a quel mondo, monodimensionale e chiusa verso l’esterno. Proprio la contrapposizione della vita ‘normale’ all’opacità della violenza e la capacità di stabilire una linea di continuità tra i due diversi registri narrativi aveva saputo creare la poesia con cui Kitano si era affermato sulla scena internazionale prima con Sonatine (1993) e poi con Hana-bi (1997), Leone d’Oro al Festival di Venezia. Gli eroi di questi film non sono meno collusi con la malavita dei protagonisti di Outrage ma, rispetto a questo, affermano la propria umanità al di sopra dell’appartenenza all’organizzazione. Accanto alla morte violenta che scorre via veloce come il volo di una munizione, la morte individuale imponeva la lentezza che scaturisce dal restringersi del campo d’osservazione e che qui manca. Come i due precedenti Outrage Coda è un puro film di intrattenimento e la stessa trama, cambiata più volte dall’autore durante le riprese, è interamente costruita intorno alla coreografia della brutalità e alla necessità di diversificare il modo di eliminare i vari personaggi. E che l’intero racconto debba esaurirsi nell’orizzonte del criminal movie appare chiaro fin dall’inizio della lunga scìa di sangue che caratterizza il film, facendo ritrovare il primo cadavere su una spiaggia: è una violazione dell’ordine lirico di Kitano che del mare ha sempre fatto una sorta di rifugio per i suoi personaggi e un luogo di redenzione, foss’anche attraverso la morte.

Ma qui non c’è possibilità di redenzione per nessuno, perché lo stesso mondo della yakuza, dimentico delle proprie leggi di fedeltà assoluta alla propria gerarchia, sembra destinato all’implosione. Una decadenza denunciata apertamente e coincidente con la perdita di un vero e proprio codice d’onore: i nuovi capi non hanno i tatuaggi che distinguono gli appartenenti alla ‘famiglia’ dal resto della popolazione, gli errori non vengono più riparati con lo yubitsume (il taglio del dito mignolo) e l’obbedienza non rappresenta più un valore da rispettare pena la perdità della propria dignità. La storia, infatti, è un aggrovigliato sistema di tradimenti per la conquista della supremazia all’interno di uno stesso clan che va a collidere con una fazione opposta a cui appartiene Otomo, interpretato da Beat Takeshi, come Kitano suole firmare le sue interpretazioni attoriali. Non è l’anti-eroe e non è buono il personaggio Otomo: è solo, in un panorama di totale disfacimento morale, un uomo con un senso del codice meno disintegrato degli altri. Un gangster fuori moda, come viene definito nel film, insieme a cui spicca la figura di un altro membro della vecchia guardia, quel Mister Chang capace di opporre stile e fermezza persino di fronte alla minaccia di una pistola che gli viene puntata contro a distanza ravvicinata. Il ritmo è sostenuto, non lascia spazio a riflessioni: qui solo le azioni contano e solo le azioni giuste possono permetterti di rimanere vivo. Peccato non saper cogliere le sfumature linguistiche su cui il film gioca e che aiuterebbe a identificare con maggior facilità le parti in campo, distinguendo tra coreani, giapponesi di Tokyo e ‘provinciali’, identità da rimuovere, a giudicare dall’avversione per il dialetto del nuovo boss. In Outrage coda la corsa al potere travolge tutto e tutti, in una totale perdita di punti di riferimento che nega allo spettatore una qualunque possibilità di empatia.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
Outrage-0-Coda-620x329
Takeshi Kitano

Outrage Coda

6.5

Con Outrage Coda Takeshi Kitano conclude la trilogia iniziata nel 2010 con Outrage e proseguita nel 2012 con Outrage Beyond, campione d’incassi,...
HANNAH-Charlotte-Rampling-2017-1
Andrea Pallaoro

Hannah

5.5

Lunga vita a chi cerca nuove strade e toni originali per raccontare le storie al cinema, purchè...
lou_luttiau_shain_boumedine_ophelie_bau
Abdellatif Kechiche

Mektoub, My Love: Canto uno

7

Ci sono infiniti modi di essere curiosi della vita e di volerla esplorare cinematograficamente. Osservare i personaggi...
morelli-e-rossi-ammore-e-malavita
Manetti Bros

Ammore e malavita

7.5

‘Parigi ha la Tour Eiffel, Roma ha il Colosseo e Napoli ha le vele di Scampìa’: comincia...
sakamoto-coda
Stephen Schible

Ryuichi Sakamoto: Coda

6.5

In conferenza stampa Ryūichi Sakamoto continua a muovere le dita. A Venezia74 per presentare il docufilm girato...
coverlg
Frederick Wiseman

Ex libris

7.5

“Così può essere l’uomo: esternamente un lupo, ma nell’anima un unicorno”: siamo alla New York Public Library,...
coverlg
Paolo Virzì

The Leisure Seeker

7.5

Alla prima di The Leisure Seeker, in concorso a Venezia74, gli applausi per Paolo Virzì scattano già ai...
Lean-on-Pete-3-e1504274174891
Andrew Haigh

Lean on Pete

5

Di Lean on Pete di Andrew Haigh, film in Concorso a Venezia74, si potrebbero prevedere i punti...
DE7gkh6XcAA5Lso
Ritesh Batra

Our Souls at Night

8

Jane Fonda e Robert Redford, Leoni d’Oro alla carriera a Venezia74, sono i protagonisti di una delicata...
the-shape-of-water-trailer
Guillermo Del Toro

The Shape of Water

6

Chi lascia la sala prima della fine della proiezione e chi applaude ai titoli di coda. Il cinema...
59a6c77a88212
Alexander Payne

Downsizing

8

Avrebbe potuto rischiare di essere l’ennesimo film di fantascienza, Downsizing di Alexander Payne, se i suoi minuscoli...
okja-poster-1
Bong Joon-ho

Okja

7.5

La pietra dello scandalo. Il film che al recente festival di Cannes ha fatto scattare la fatwa...
locandina
David Michôd

War Machine

6

Un paio di gambe storte sorregge un corpo rigidamente costretto in una postura dall’aria innaturale: è la...
mucchio_blame_poster
Dal 20 maggio su Netflix

Blame

6.5

Almodovar, pietà. Il cinema made in Netflix è una figata. Soprattutto se recapitato per tutti, nello stesso...
8o8
Lynne Ramsay

You Were Never Really Here

7

Il cinema di Lynne Ramsay è un cinema psico-patologico, in cui il delirio dei personaggi si rispecchia...
yju545
François Ozon

L'amant double

4

Non si può dire che L’amant double, il nuovo film di François Ozon, non sia chiaro fin...