Si capisce che la sfiga è assoluta in Passengers sin dal principio. Immaginate gigantesca e lussuosa (astro)nave da crociera che avanza spedita nello spazio per raggiungere Homestead II, colonia terrestre dove rifarsi una vita previa ibernazione lunga 120 anni. Con la Terra ridotta a un mondezzaio, inquinato e sovrappopolato, questo e altro. Succede però che nel corso del viaggio, a circa 90 anni dalla destinazione finale, una pioggia di meteoriti mandi in tilt il sistema della nave, risvegliando il passeggero Jim Preston (Chris Pratt). Gli altri 4999 passeggeri e i 258 membri dell’equipaggio continuano il loro tranquillo sonno in animazione sospesa. Allo smarrimento del giovane segue graduale deperimento mentale: restateci voi un anno su una Costa Crociera galattica con l’equivalente di un biglietto di terza classe. Sembra comico, ma non lo è. Jim decide quindi di risvegliare un’altra passeggera, la scrittrice Aurora Lane (Jennifer Lawrence). Gesto crudele ed egoista che pagherà caro. Ma, ripeto: restateci voi su quella nave immensa a parlare tutti i santi giorni con un robot-barman (Michael Sheen) che sembra prelevato dall’Overlook Hotel di Stephen King.

Ironia a parte, si capisce che tutto andrà storto in Passengers già a cominciare dalla stravagante stesura di un film di fantascienza ovviamente virato romance, in cui non accade nulla di rilevante. Neppure nella tanto reclamizzata scena bollente tra Pratt e la Lawrence (ovvero: chi se ne frega) o in quell’epilogo in cui tutto potrebbe volgere al peggio e che si riduce a fotocopia di tanti momenti al cardiopalma visti in numerosi film prima di questo. Come si fa a reggere per quasi due ore è un mistero. Probabilmente aiutano lo stupore high-tech-barra-deluxe dell’impianto scenografico, le meraviglie degli effetti speciali dentro e fuori la nave e, giusto per non infierire, la sola interpretazione della Lawrence. In realtà il tema di fondo del film, un Titanic nello spazio, con annessa storia d’amore, s’era parzialmente già visto in un mediometraggio del 1996 prodotto e supervisionato in Giappone da Mamoru Oshii dal titolo Remnant 6. Un piccolo film di 45 minuti che chiamava a raccolta la crème de la crème degli effetti speciali (Shinji Higuchi), del mecha design (Shoji Kawamori) e con un Kunitoshi Manda, abituale sceneggiatore di Kiyoshi Kurosawa, alle prime armi. Anche lì una nave spaziale, lunga appena 400 metri, finiva in panne causa meteorite. Oshii aveva però preteso impianto militare e ristrettezze visive in luogo di meticolosa analisi caratteriale dei personaggi. Passengers al contrario è tutto sfarzo, quasi oltraggioso. Punta sulla credibilità dei personaggi nella convinzione di ottemperare alla generale banalità con repertorio cool e glamour. Ma siamo ben lontani dall’obiettivo: Jim Preston è l’unico tecnico-operaio in mezzo all’universo che non sa riparare la sua cella d’ibernazione; il cognome della protagonista è un inno all’originalità. Insomma, siamo alle solite: Morten Tyldum, che ci aveva convinto con The Imitation Game, ora regala una sostanziale furbata. Costosa, retorica. Decisamente priva di significato.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
locandina
Woody Allen

La ruota delle meraviglie

4.5

“Ho qualche guaio tra fantasia e realtà”: lo diceva Alvy/Allen in Io e Annie. Era il 1977...
locandina
Julien Temple

My Life Story

7

Più che un film, My Life Story è una testimonianza di cosa sia un entertainer, di cosa...
254690
Kantemir Balagov

Closeness

7.5

Comunicare la desolazione è cosa molto differente dall’esprimere la depressione. In quella sfumatura tra mimesi piatta e...
locandina
Colin Trevorrow

Il libro di Henry

5

La recensione più breve del mondo: Il libro di Henry sucks. Lo si scrive con un po’...
locandina
Kathryn Bigelow

Detroit

9

Kathryn Bigelow sta al cinema d’azione come George Romero sta al cinema d’orrore: ha introdotto nel genere,...
locandina
Janus Metz Pedersen

Borg McEnroe

6

Si dice che il tennis sia uno sport poco adatto al cinema. Per cercare di smentire questa...
gospel_604_alk_s_binder2_016-h_2017
Jennifer Lebeau

Trouble No More

6.5

“Puoi chiamarmi Bobby, puoi chiamarmi Zimmy /Puoi chiamarmi in ogni modo ma non importa quello che tu...
v1.bTsxMjMyNzU0OTtqOzE3NTEyOzEyMDA7Mjg0OzQwNQ
Philippe Van Leeuw

Insyriated

5.5

La guerra in Siria, o in un luogo analogo, fa parte dell’oppressione quotidiana, non è una tensione...
54108
Paolo e Vittorio Taviani

Una questione privata

5

È il 1943. Sulle colline delle Langhe le brigate dei partigiani combattono i fascisti. Gli scontri sono...
screen-shot-2017-09-05-at-1-22-03-pm
Scott Cooper

Hostiles

7.5

È più moderno che classico Hostiles (e di sicuro non classicista), più crepuscolare che mitologico. Il film...
locandina
Andy Muschietti

It

7.5

E alla fine arrivò It. L’abbiamo sognato, temuto a lungo. Ci ha indottrinato a meraviglia grazie ai...
locandina
Jonathan Dayton, Valerie Faris

La battaglia dei sessi

6

È interessante il modo sottile, quasi “subdolo”, con cui La battaglia dei sessi racconta un personaggio per...
locandina
Leonardo Di Costanzo

L'intrusa

8

“Succede che per salvare qualcuno devi escludere altri.” E’ partito da qui Leonardo Di Costanzo, da un...
locandina
Denis Villeneuve

Blade Runner 2049

8

“Hai mai visto un miracolo?” chiede Dave Bautista a Ryan Gosling all’inizio di Blade Runner 2049. La...
Outrage-0-Coda-620x329
Takeshi Kitano

Outrage Coda

6.5

Con Outrage Coda Takeshi Kitano conclude la trilogia iniziata nel 2010 con Outrage e proseguita nel 2012 con Outrage Beyond, campione d’incassi,...