locandina
Jean-Loup Felicioli, Alain Gagnol

Phantom Boy

7

Un ragazzino leucemico viene ricoverato in ospedale per ricevere adeguate cure, conosce uno sbirro finito sulla sedia a rotelle dopo un’aggressione e lo aiuta a sgominare una maldestra banda di criminali guidata da un uomo con il volto sfigurato che minaccia la città di New York. In loro compagnia una intraprendente giornalista, che nella versione originale del film ha la voce di Audrey Tautou. Con la parola “invidia” scolpita sulla fronte, parliamo di un piccolo film di animazione francese, Phantom Boy, che ha molto da offrire sia in termini di spettacolo sia di materia su cui riflettere in merito al mondo dell’animazione.

Grazie a talento visionario, ironia e una solida trama per un cartoon, la coppia di registi Felicioli/Gagnol, che sicuramente ricorderete per Un gatto a Parigi, dimostrano come si possa realizzare un’opera diligente e per nulla bamboccesca con i mezzi dell’animazione tradizionale, sorvegliata da uso discreto del computer. Se scorrete con attenzione i credits non potrà sfuggirvi la messe di individui e società che hanno messo mano al portafoglio per finanziare la pellicola. I “comitati di produzione” sono ormai la prassi per tirare avanti – anche laddove non si direbbe (il Giappone degli anime cinematografici). È un segno dei tempi. Ma spiega benissimo come si possa fare cinema animato di qualità e dai nobilissimi propositi, visto che Phantom Boy parla di un ragazzino malato di leucemia e del modo avventuroso con il quale affronta la malattia. Non da solo, ma con un nuovo amico e la presenza della famiglia, e della sorellina più piccola in particolare cui racconta storie da supereroi. Cosa più unica che rara.

Una prassi produttiva che andrebbe importata in Italia, dove una cultura e una macchina organizzativa di tale portata sono quasi una chimera. Per dirne una: dietro la realizzazione del film di Felicioli e Gagnol c’è Folimage, storica casa di produzione dalle cui fila è uscito il bellissimo Tante Hilda!, film che ancora qui non è stato distribuito. Qualcuno dovrebbe spiegarcene il perché senza tirare in ballo lo strapotere delle produzioni digitali hollywoodiane. Phantom Boy è due spanne superiore a suddette produzioni. Per cominciare non è un film ruffiano, altro privilegio assai raro, inoltre il piacere delle immagini create artigianalmente e poi ripassate al computer (come gli sfondi che hanno preso spunto da fotografie di New York) restituiscono allo spettatore una sorta di veduta pittorica che richiama alla mente Picasso e De Chirico. L’incrocio tra i fumetti e il noir alla base della trama con occhio puntato sulle produzioni di Stan Lee degli anni 60, che come dicono i due autori hanno molto in comune nella loro vivacità narrativa ed estetica “urbana”, si combina a meraviglia con le esigenze della storia narrata qui: c’è tanta azione e movimento nonostante i due protagonisti siano reclusi in un ospedale (verrebbe voglia di scomodare perfino l’Hitchcock di Una finestra sul cortile ma in chiave di viaggio astrale, con visioni a distanza).

Soprattutto, Phantom Boy parla al pubblico più giovane con sincerità e grande umanità. È un film che li fa sentire adulti, nel modo più pulito possibile. E senza pretendere nulla in cambio.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
Outrage-0-Coda-620x329
Takeshi Kitano

Outrage Coda

6.5

Con Outrage Coda Takeshi Kitano conclude la trilogia iniziata nel 2010 con Outrage e proseguita nel 2012 con Outrage Beyond, campione d’incassi,...
HANNAH-Charlotte-Rampling-2017-1
Andrea Pallaoro

Hannah

5.5

Lunga vita a chi cerca nuove strade e toni originali per raccontare le storie al cinema, purchè...
lou_luttiau_shain_boumedine_ophelie_bau
Abdellatif Kechiche

Mektoub, My Love: Canto uno

7

Ci sono infiniti modi di essere curiosi della vita e di volerla esplorare cinematograficamente. Osservare i personaggi...
morelli-e-rossi-ammore-e-malavita
Manetti Bros

Ammore e malavita

7.5

‘Parigi ha la Tour Eiffel, Roma ha il Colosseo e Napoli ha le vele di Scampìa’: comincia...
sakamoto-coda
Stephen Schible

Ryuichi Sakamoto: Coda

6.5

In conferenza stampa Ryūichi Sakamoto continua a muovere le dita. A Venezia74 per presentare il docufilm girato...
coverlg
Frederick Wiseman

Ex libris

7.5

“Così può essere l’uomo: esternamente un lupo, ma nell’anima un unicorno”: siamo alla New York Public Library,...
coverlg
Paolo Virzì

The Leisure Seeker

7.5

Alla prima di The Leisure Seeker, in concorso a Venezia74, gli applausi per Paolo Virzì scattano già ai...
Lean-on-Pete-3-e1504274174891
Andrew Haigh

Lean on Pete

5

Di Lean on Pete di Andrew Haigh, film in Concorso a Venezia74, si potrebbero prevedere i punti...
DE7gkh6XcAA5Lso
Ritesh Batra

Our Souls at Night

8

Jane Fonda e Robert Redford, Leoni d’Oro alla carriera a Venezia74, sono i protagonisti di una delicata...
the-shape-of-water-trailer
Guillermo Del Toro

The Shape of Water

6

Chi lascia la sala prima della fine della proiezione e chi applaude ai titoli di coda. Il cinema...
59a6c77a88212
Alexander Payne

Downsizing

8

Avrebbe potuto rischiare di essere l’ennesimo film di fantascienza, Downsizing di Alexander Payne, se i suoi minuscoli...
okja-poster-1
Bong Joon-ho

Okja

7.5

La pietra dello scandalo. Il film che al recente festival di Cannes ha fatto scattare la fatwa...
locandina
David Michôd

War Machine

6

Un paio di gambe storte sorregge un corpo rigidamente costretto in una postura dall’aria innaturale: è la...
mucchio_blame_poster
Dal 20 maggio su Netflix

Blame

6.5

Almodovar, pietà. Il cinema made in Netflix è una figata. Soprattutto se recapitato per tutti, nello stesso...
8o8
Lynne Ramsay

You Were Never Really Here

7

Il cinema di Lynne Ramsay è un cinema psico-patologico, in cui il delirio dei personaggi si rispecchia...
yju545
François Ozon

L'amant double

4

Non si può dire che L’amant double, il nuovo film di François Ozon, non sia chiaro fin...