“Mister I ain’t a boy, no I’m a man\and I believe in a promised land”. E’ il 1978. Bruce Springsteen vive il suo anno di grazia e un tour epocale sta per trasformare “il futuro del rock” in uno dei miti della musica mondiale. Siamo nel periodo in cui sogni si perdono nell’oscurita ai margini della città, una fase talmente eccezionale per il musicista da permettergli il lusso di regalare ad altri un brano del valore di “Fire”. Ma non a un signore qualunque, niente di meno che a Elvis Presley: un omaggio da parte del Boss al Re. Presley però muore poco prima di poter ascoltare il demo del brano, che verra poi inciso da The Pointer Sisters, e con lui se ne va la voce che aveva acceso la passione per la musica nell’anima di Springsteen (rimane scolpito nella mitologia del rock il suo tentativo d’irruzione a Graceland) e di una nazione intera. Il 16 agosto del 1977 l’America perdeva una delle icone che avevano contribuito a creare quella chimera chiamata Sogno Americano. Era stata promessa una terra di sogni e speranze, ma qualcuno l’aveva davvero mai vista?

Il regista Eugene Jarecki cerca una risposta a questa domanda in un viaggio on the road a bordo della Rolls  Royce comprata da Presley nel 1963, in un percorso che parte da Tupelo e arriva a Las Vegas passando per Memphis e Hollywood. A bordo della vettura inglese, scelta paradossale ma azzeccata, salgono musicisti, attori come Ethan Hawke e Alec Baldwin, ma soprattutto gente comune che ha visto in Elvis un mito irraggiungibile, un’icona da sfruttare, oppure il simbolo di quell’America bianca che ha vampirizzato la musica black per trasformarla in prodotto di consumo per la massa. Promised Land è tre film in uno – politico, musicale, storico – e per questa ragione non tutto fila liscio durante la visione, eppure ha l’indubbio merito di riuscire a condensare nell’immagine di Elvis, un working class hero divenuto stanco e obeso entertainer per il pubblico di Las Vegas, il simbolo perfetto di un paese condannato alla creazione eterna di sogni da vendere a se stesso. Il documentario incrocia la carriera di Elvis, ritratto nella sua progressiva decadenza, con la crisi in cui sembra essere precipitata l’America e che ha trovato, secondo la lettura del regista, in Trump il suo punto d’arrivo. Due figure straordinariamente diverse, eppure perfette per misurare la temperatura di una nazione dalle eterne contraddizioni.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
53917
Yorgos Lanthimos

Il sacrificio del cervo sacro

6.5

Indubbiamente l’unica salvezza di un film che pare non dare scampo a nessuno dei suoi personaggi è...
31170285_383905158779450_5862019829438873600_n
Yann Gonzalez

Knife + Heart

5

Di materiale per divertirsi nel nuovo film di Yann Gonzalez ce ne sarebbe parecchio: un assassino mascherato...
30420767-160224807978263-4557987999146023396-o_187a
Matteo Garrone

Dogman

8

In una storia che trasuderebbe vendetta, violenza, disagio mentale, atrocità fisiche degne del migliore (o peggiore) torture...
locandina (2)
Ron Howard

Solo: A Star Wars Story

7

L’universo di Star Wars è talmente pieno di immaginari – tra trilogie ufficiali, spin-off, serie animate, romanzi...
locandina
Ramin Bahrani

Fahrenheit 451

5

Saranno in molti a rimanere delusi dopo la visione di Fahrenheit 451, remake del film diretto da...
locandina (1)
Lars von Trier

The House That Jack Built

6

Primo titolo alternativo facile facile per The House that Jack Built, il nuovo film di Lars von...
Lazzaro_Felice_Poster_Film_FestivalCannes2018
Alice Rohrwacher

Lazzaro Felice

7

Il tempo si è fermato in Lazzaro felice, per Lazzaro e per la sua comunità. E il...
coverlg
Paul Dano

Wildlife

7

Montana, anni ’60. Una giovane famiglia americana come tante si è da poco trasferita in una nuova...
locandina
Asghar Farhadi

Everybody Knows

5.5

Una vecchia regola dell’analisi del film dice che dalla prima sequenza, a volte dai titoli di testa,...
loro-2-silvio-servillo
Paolo Sorrentino

Loro 2

8

“Essere buoni conviene”. Una filosofia di vita, di economia e soprattutto di politica: la bontà come merce...
121430920-a984694f-d13d-4700-a5a4-199d673d0ae0
Paolo Sorrentino

Loro 1

SV

Tutto documentato. Tutto arbitrario. Tutto vero e tutto falso. Ma anche tutto troppo. Paolo Sorrentino ci tiene...
Tonya-poster
Craig Gillespie

Tonya

8

Questa è la storia di Tonya Harding, pattinatrice americana, e del suo tonfo professionale avvenuto nel 1994...
locandina
Steven Spielberg

Ready Player One

7.5

Sembra voler rispondere a una precisa domanda Ready Player One, il nuovo film di Steven Spielberg che...
locandina
Alex Garland

Annientamento

8.5

Il lavoro che Alex Garland fa sulla fascinazione in Annientamento è fortissimo, tanto da diventare un futuro...