“Mister I ain’t a boy, no I’m a man\and I believe in a promised land”. E’ il 1978. Bruce Springsteen vive il suo anno di grazia e un tour epocale sta per trasformare “il futuro del rock” in uno dei miti della musica mondiale. Siamo nel periodo in cui sogni si perdono nell’oscurita ai margini della città, una fase talmente eccezionale per il musicista da permettergli il lusso di regalare ad altri un brano del valore di “Fire”. Ma non a un signore qualunque, niente di meno che a Elvis Presley: un omaggio da parte del Boss al Re. Presley però muore poco prima di poter ascoltare il demo del brano, che verra poi inciso da The Pointer Sisters, e con lui se ne va la voce che aveva acceso la passione per la musica nell’anima di Springsteen (rimane scolpito nella mitologia del rock il suo tentativo d’irruzione a Graceland) e di una nazione intera. Il 16 agosto del 1977 l’America perdeva una delle icone che avevano contribuito a creare quella chimera chiamata Sogno Americano. Era stata promessa una terra di sogni e speranze, ma qualcuno l’aveva davvero mai vista?

Il regista Eugene Jarecki cerca una risposta a questa domanda in un viaggio on the road a bordo della Rolls  Royce comprata da Presley nel 1963, in un percorso che parte da Tupelo e arriva a Las Vegas passando per Memphis e Hollywood. A bordo della vettura inglese, scelta paradossale ma azzeccata, salgono musicisti, attori come Ethan Hawke e Alec Baldwin, ma soprattutto gente comune che ha visto in Elvis un mito irraggiungibile, un’icona da sfruttare, oppure il simbolo di quell’America bianca che ha vampirizzato la musica black per trasformarla in prodotto di consumo per la massa. Promised Land è tre film in uno – politico, musicale, storico -, e per questa ragione non tutto fila liscio durante la visione, ma che riesce a condensare nell’immagine di Elvis, un working class hero divenuto stanco e obeso  entertainer per il pubblico di Las Vegas, il simbolo perfetto di un paese condannato alla creazione eterna di sogni da vendere a se stesso. Il documentario incrocia la carriera di Elvis, ritratto nella sua progressiva decadenza, con la crisi in cui sembra essere precipitata l’America e che ha trovato, secondo la lettura del regista, in Trump il suo punto d’arrivo. Due figure straordinariamente diverse, eppure perfette per misurare la temperatura di una nazione dalle eterne contraddizioni.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
okja-poster-1
Bong Joon-ho

Okja

7.5

La pietra dello scandalo. Il film che al recente festival di Cannes ha fatto scattare la fatwa...
locandina
David Michôd

War Machine

6

Un paio di gambe storte sorregge un corpo rigidamente costretto in una postura dall’aria innaturale: è la...
mucchio_blame_poster
Dal 20 maggio su Netflix

Blame

6.5

Almodovar, pietà. Il cinema made in Netflix è una figata. Soprattutto se recapitato per tutti, nello stesso...
8o8
Lynne Ramsay

You Were Never Really Here

7

Il cinema di Lynne Ramsay è un cinema psico-patologico, in cui il delirio dei personaggi si rispecchia...
yju545
François Ozon

L'amant double

4

Non si può dire che L’amant double, il nuovo film di François Ozon, non sia chiaro fin...
kkkk
Ben Safdie, Joshua Safdie

Good Time

7.5

La vitalità del cinema nasce spesso dalle sue contraddizioni: Good Time dei fratelli Ben e Joshua Safdie...
grrere
Eugene Jarecki

Promised land

7.5

“Mister I ain’t a boy, no I’m a man\and I believe in a promised land”. E’ il...
vfewry
Sean Baker

The Florida project

8

Dall’iPhone al 35 millimetri, per Sean Baker il sogno americano e le sue declinazioni passano anche dal...
locandina
Fabio Grassadonia, Antonio Piazza

Sicilian Ghost Story

6

In un bosco che somiglia a quello delle fiabe, due giovani adolescenti si scambiano un bacio affettuoso....
tyutyu
Robert Campillo

120 battements par minute

8

Un cuore accelerato o un ritmo travolgente che possono essere sinonimi o contrari. Per Robin Campillo i...
locandina
Todd Haynes

Wonderstruck

8

Questo è un racconto che richiede pazienza e lentezza. Lo scrive Julianne Moore al piccolo protagonista di...
locandina
Terrence Malick

Song to Song

8

«Non c’è nessuna forma d’arte come il cinema per colpire la coscienza, scuotere le emozioni e raggiungere...
622506603
Rossella Schillaci

Libere

8

La Resistenza raccontata da Rossella Schillaci in Libere, documentario in uscita il 20 aprile nelle sale italiane,...