Un altro film concerto dei Rolling Stones? Basterebbe il solo annuncio dell’ennesima uscita in una filmografia che – restando a quelli ufficiali – ha ormai superato la ventina di titoli, per far passare la voglia a chiunque non sia uno stonesiano irriducibile. Meglio resistere alla tentazione e guardarselo, invece, questo Rolling Stones Olé, Olé, Olé!, al cinema per una sera soltanto, lunedì 10 aprile, nel centinaio di sale italiane in cui Wanted Cinema lo distribuisce. Il regista Paul Dugdale, specialista del rockumentary, ha seguito il quartetto nelle dieci tappe del tour in Sud America tra febbraio e marzo dell’anno scorso. Argentina, Cile, Brasile, Perù, Uruguay. Sullo sfondo, i preparativi per quello che potrebbe essere l’ultimo grande traguardo della loro carriera: il concerto de L’Avana, prima storica apertura di Cuba al rock’n’roll. Una trattativa complessa, faticosa ma talmente desiderata da Jagger e soci da non desistere nemmeno quando ci si mettono di traverso prima Obama e poi il Papa.

Gli Stones sono la bella copia di se stessi, folgoranti ai limiti del plausibile sul palco, ancora stregati di quel potere elettrico e incendiario che da mezzo secolo agita cuori a tutte le latitudini. Fuori dalle arene, in viaggio e nelle camere d’albergo, si mostrano poi straordinariamente generosi di aneddoti e confessioni, genuinamente curiosi verso quella parte di mondo e le genti che la abitano. A tratti persino intimisti, come Jagger e Richards quando nel dietro le quinte di San Paolo si abbandonano a reciproche parole d’affetto – proprio così! – forti di un rapporto oggi di certo meno burrascoso di qualche decennio fa, prima di eseguire per intero una “Honky Tonk Women”, chitarra acustica e voce, che da sola giustifica i 100 minuti in sala.

Il documentario, però, è soprattutto un film sul pubblico dei Rolling Stones nei luoghi dove il culto è ancora relativamente giovane e ammantato di quel fascino eversivo a lungo fomentato dalla messa al bando dei regimi militari, con vette di fanatismo che nemmeno nei Sessanta. Si scopre quindi che nei bar di Buenos Aires quella dei “Rolingas” è una scelta di vita, insospettabile subcultura da strada con i suoi codici e rituali più vivi che mai. E poi uomini adulti che cadono in ginocchio al passare di Jagger, lacrime, sorrisi, abbracci splendidamente immortalati da una camera che sul piano tecnico si concede lussi solitamente proibiti al genere – il piano sequenza di apertura nella favela, il drone che dall’oceano sorvola Lima fino a incontrare Richards su una terrazza d’albergo. Il finale è un trionfo davanti al milione e duecentomila esseri umani presenti alla Ciudad Deportiva della capitale cubana. “Penso che finalmente le cose stiano cambiando”, li saluta Jagger prima di attaccare “It’s Only Rock’n’Roll (But I like It)”: ecco fatta la Revolución.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
locandina
Woody Allen

La ruota delle meraviglie

4.5

“Ho qualche guaio tra fantasia e realtà”: lo diceva Alvy/Allen in Io e Annie. Era il 1977...
locandina
Julien Temple

My Life Story

7

Più che un film, My Life Story è una testimonianza di cosa sia un entertainer, di cosa...
254690
Kantemir Balagov

Closeness

7.5

Comunicare la desolazione è cosa molto differente dall’esprimere la depressione. In quella sfumatura tra mimesi piatta e...
locandina
Colin Trevorrow

Il libro di Henry

5

La recensione più breve del mondo: Il libro di Henry sucks. Lo si scrive con un po’...
locandina
Kathryn Bigelow

Detroit

9

Kathryn Bigelow sta al cinema d’azione come George Romero sta al cinema d’orrore: ha introdotto nel genere,...
locandina
Janus Metz Pedersen

Borg McEnroe

6

Si dice che il tennis sia uno sport poco adatto al cinema. Per cercare di smentire questa...
gospel_604_alk_s_binder2_016-h_2017
Jennifer Lebeau

Trouble No More

6.5

“Puoi chiamarmi Bobby, puoi chiamarmi Zimmy /Puoi chiamarmi in ogni modo ma non importa quello che tu...
v1.bTsxMjMyNzU0OTtqOzE3NTEyOzEyMDA7Mjg0OzQwNQ
Philippe Van Leeuw

Insyriated

5.5

La guerra in Siria, o in un luogo analogo, fa parte dell’oppressione quotidiana, non è una tensione...
54108
Paolo e Vittorio Taviani

Una questione privata

5

È il 1943. Sulle colline delle Langhe le brigate dei partigiani combattono i fascisti. Gli scontri sono...
screen-shot-2017-09-05-at-1-22-03-pm
Scott Cooper

Hostiles

7.5

È più moderno che classico Hostiles (e di sicuro non classicista), più crepuscolare che mitologico. Il film...
locandina
Andy Muschietti

It

7.5

E alla fine arrivò It. L’abbiamo sognato, temuto a lungo. Ci ha indottrinato a meraviglia grazie ai...
locandina
Jonathan Dayton, Valerie Faris

La battaglia dei sessi

6

È interessante il modo sottile, quasi “subdolo”, con cui La battaglia dei sessi racconta un personaggio per...
locandina
Leonardo Di Costanzo

L'intrusa

8

“Succede che per salvare qualcuno devi escludere altri.” E’ partito da qui Leonardo Di Costanzo, da un...
locandina
Denis Villeneuve

Blade Runner 2049

8

“Hai mai visto un miracolo?” chiede Dave Bautista a Ryan Gosling all’inizio di Blade Runner 2049. La...
Outrage-0-Coda-620x329
Takeshi Kitano

Outrage Coda

6.5

Con Outrage Coda Takeshi Kitano conclude la trilogia iniziata nel 2010 con Outrage e proseguita nel 2012 con Outrage Beyond, campione d’incassi,...