locandina
Fabio Grassadonia, Antonio Piazza

Sicilian Ghost Story

6

In un bosco che somiglia a quello delle fiabe, due giovani adolescenti si scambiano un bacio affettuoso. L’intensità di quella vicinanza li lega nello spirito. Sono sognatori che nella magica aura di quell’ambiente possono immaginare qualunque cosa. Ma quando la realtà, con il suo crudele evolversi, li risveglia nel modo più terribile, il sogno svanisce.

È una Sicilia inedita quella immortalata da Fabio Grassadonia e Antonio Piazza nel loro Sicilian Ghost Story. Un’isola fatta di radure e grotte, di acqua che scorre dalle fonti e che si adagia in un lago. Il mare è solo un pensiero, un profumo nella memoria di Giuseppe, rapito e usato come ricatto nei confronti di un padre che ha la colpa di essere un pentito e un collaboratore di giustizia. C’è una storia di mafia al centro della trama, ispirata al racconto Un cavaliere bianco di Marco Massarola, ma il modo in cui viene raccontata è del tutto originale. Nel silenzio di una cittadina che non riesce a farsi sconvolgere da niente, l’unica voce di dissenso e di ribellione è quella di Lena. Non può accettare la scomparsa di Giuseppe, ma soprattutto, non può tollerare che questa tragedia si sia insinuata nella normalità delle cose. Cerca Giuseppe con ogni mezzo possibile, anche attraverso un’immaginazione che a tratti si trasforma in veggenza.

Mentre Lena lotta con tutte le sue forze contro la staticità degli adulti che la circondano, sui quali il dramma della sparizione di un ragazzino sembra scivolare via senza lasciare traccia, Giuseppe viene mostrato nella sua condizione di prigioniero. Una catena tiene in ostaggio un corpo che subisce una rovina inevitabile, ma non imprigiona il suo spirito che riesce a fuggire, aggrappandosi al ricordo di Lena e di quel bosco incantato. Il racconto di Grassadonia e Piazza, già autori di Salvo che nel 2013 ottenne importanti riconoscimenti a Cannes, cerca un punto di incontro tra una storia drammatica e una messa in scena d’autore. Le immagini, impreziosite dalla fotografia di Luca Bigazzi, trasportano lo spettatore in un altrove in bilico tra verità e illusione. Invitano ad entrare in una dimensione percettiva molto complessa, che richiede un importante atto di fiducia, e nella quale l’esperienza si fa sensoriale, ancor più che visiva. Ma questa autorialità è frenata dal faticoso procedere della trama, che si fa zavorra soprattutto nell’instabile recitazione di alcuni degli interpreti.

I due registi sembrano non riuscire a tenere a freno la loro immaginazione che sfocia in un’opera troppo corposa, che ha troppo da dire e forse si prende un po’ troppo tempo per farlo. Si percepisce una dissonanza tra la bellezza di ciò che si vede e il modo in cui viene descritto, ma nonostante questo Sicilian Ghost Story rimane un film di valore, che abbandona i cliché sul tema della mafia per spaziare più intimamente sulla natura umana. Un luogo indecifrabile che può ospitare gli istinti più crudeli, ma che, a ben vedere, può anche dare forma alla poesia della fiaba.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
locandina
Woody Allen

La ruota delle meraviglie

4.5

“Ho qualche guaio tra fantasia e realtà”: lo diceva Alvy/Allen in Io e Annie. Era il 1977...
locandina
Julien Temple

My Life Story

7

Più che un film, My Life Story è una testimonianza di cosa sia un entertainer, di cosa...
254690
Kantemir Balagov

Closeness

7.5

Comunicare la desolazione è cosa molto differente dall’esprimere la depressione. In quella sfumatura tra mimesi piatta e...
locandina
Colin Trevorrow

Il libro di Henry

5

La recensione più breve del mondo: Il libro di Henry sucks. Lo si scrive con un po’...
locandina
Kathryn Bigelow

Detroit

9

Kathryn Bigelow sta al cinema d’azione come George Romero sta al cinema d’orrore: ha introdotto nel genere,...
locandina
Janus Metz Pedersen

Borg McEnroe

6

Si dice che il tennis sia uno sport poco adatto al cinema. Per cercare di smentire questa...
gospel_604_alk_s_binder2_016-h_2017
Jennifer Lebeau

Trouble No More

6.5

“Puoi chiamarmi Bobby, puoi chiamarmi Zimmy /Puoi chiamarmi in ogni modo ma non importa quello che tu...
v1.bTsxMjMyNzU0OTtqOzE3NTEyOzEyMDA7Mjg0OzQwNQ
Philippe Van Leeuw

Insyriated

5.5

La guerra in Siria, o in un luogo analogo, fa parte dell’oppressione quotidiana, non è una tensione...
54108
Paolo e Vittorio Taviani

Una questione privata

5

È il 1943. Sulle colline delle Langhe le brigate dei partigiani combattono i fascisti. Gli scontri sono...
screen-shot-2017-09-05-at-1-22-03-pm
Scott Cooper

Hostiles

7.5

È più moderno che classico Hostiles (e di sicuro non classicista), più crepuscolare che mitologico. Il film...
locandina
Andy Muschietti

It

7.5

E alla fine arrivò It. L’abbiamo sognato, temuto a lungo. Ci ha indottrinato a meraviglia grazie ai...
locandina
Jonathan Dayton, Valerie Faris

La battaglia dei sessi

6

È interessante il modo sottile, quasi “subdolo”, con cui La battaglia dei sessi racconta un personaggio per...
locandina
Leonardo Di Costanzo

L'intrusa

8

“Succede che per salvare qualcuno devi escludere altri.” E’ partito da qui Leonardo Di Costanzo, da un...
locandina
Denis Villeneuve

Blade Runner 2049

8

“Hai mai visto un miracolo?” chiede Dave Bautista a Ryan Gosling all’inizio di Blade Runner 2049. La...
Outrage-0-Coda-620x329
Takeshi Kitano

Outrage Coda

6.5

Con Outrage Coda Takeshi Kitano conclude la trilogia iniziata nel 2010 con Outrage e proseguita nel 2012 con Outrage Beyond, campione d’incassi,...