Voler rilanciare il sistema industriale del cinema italiano non significa solo cominciare a produrre film che abbiano ambizioni commerciali forti e impianti narrativi aperti ai generi (supereroi, drammi sportivi, thriller, eccetera), ma anche cercare di lavorare sulle dinamiche spettatoriali dentro una logica seriale. I sequel non sono (più) una bestemmia (forse, vista la pervicacia con cui Mainetti rifiuta di dare un seguito al suo Lo chiamavano Jeeg robot) e non solo nel campo della commedia nazional-popolare: Sydney Sibilia dopo il successo di Smetto quando voglio ha realizzato il suo seguito (Masterclass) e il terzo capitolo (Ad honorem), girandoli in contemporanea e costruendoli come un’unica saga dagli archi narrativi divergenti. Roba da cine-comic nostrano.

Il secondo film parte esattamente dove finiva il primo: con Alberto in commissariato dopo l’incidente stradale e la banda in vario modo dissolta. Pietro per esempio è in carcere. Ma il commissario Coletti, responsabile delle smart-drugs (le droghe non ancora illegali che la banda produceva), ha un’idea: far riunire la banda, per trovare le nuove droghe e chi le realizza, in cambio della libertà. Tutto facile finché una droga sintetica non li mette con le spalle al muro. Scritto da Sibilia con Francesca Manieri e Luigi Di Capua, Smetto quando voglio – Masterclass trasforma la commedia criminale del primo film in una pura action comedy dal contemporaneo gusto USA, in cui l’umorismo e le gag si sposano con la suspense, l’azione, le esplosioni e impossibili colpi di scena.

Ci mette una mezz’oretta circa il film a trovare una strada giusta, diversa dal semplice accumulo, dall’esagerazione delle situazioni già viste: la fotografia di Vladan Radovic sempre più satura e acida, la musica sempre più rombante, i caratteri sempre più calcati nei loro schemi. Se il primo film era ispirato a Breaking Bad qui si guarda a Better Call Saul, con la sensazione però che manchi quello spirito e quella scrittura. Insomma il film soffre di quell’”effetto scenografico” che auto-ironicamente Libero De Rienzo attribuisce a Edoardo Leo: farsi vedere, eccedere, fare di più anziché fare meglio. Ma la sceneggiatura trova proprio nelle narrazioni seriali per eccellenza, ossia la tv e il fumetto, gli spunti giusti per riportare il film all’altezza del predecessore: la costruzione ampia su tre film, in cui i vari elementi si mescolano e si ritrovano puntualmente, permette a Sibilia di realizzare un film in cui trovare un equilibrio difficile tra la suspense, il senso di avventura e la tensione plastica e le gag (c’è un eccellente inseguimento automobilistico che è anche la sequenza più comica del film), tra il tono del blockbuster e quello della commedia.

Ci riesce soprattutto grazie all’uso del dettaglio, all’utilizzo coerente di luoghi e oggetti, partendo dall’assunto che in Italia la cultura e il sapere vanno reinventati per poter essere apprezzati (dai residui architettonici alle armi all’avanguardia fino a motocicli del terzo Reich) e che è lo spirito stesso con cui il film nasce, cresce e procede fino ad arrivare a un finale inaspettato, in cui l’asticella del credibile e del visibile in una commedia si alza di molto e lancia la volata al terzo film (in uscita prevedibilmente fra un anno) in cui la pelle cambierà di nuovo, in cui assisteremo (con tanto di trailer incorporato, come in Ritorno al futuro 2 che annunciava il 3) a un altro modo di reinventare la commedia all’italiana, giocando a fare i Michael Bay. E di più non diciamo: vi basti sapere che Smetto quando voglio – Masterclass è uno dei rari film italiani per cui si ha voglia di scoprire cosa accade, in cui si ha voglia di vedere il seguito. Ha sicuramente perso in appiglio sociale e sguardo sulla realtà, ma ha guadagnato in divertimento e intrattenimento puri.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
locandina
David Michôd

War Machine

6

Un paio di gambe storte sorregge un corpo rigidamente costretto in una postura dall’aria innaturale: è la...
mucchio_blame_poster
Dal 20 maggio su Netflix

Blame

6.5

Almodovar, pietà. Il cinema made in Netflix è una figata. Soprattutto se recapitato per tutti, nello stesso...
8o8
Lynne Ramsay

You Were Never Really Here

7

Il cinema di Lynne Ramsay è un cinema psico-patologico, in cui il delirio dei personaggi si rispecchia...
yju545
François Ozon

L'amant double

4

Non si può dire che L’amant double, il nuovo film di François Ozon, non sia chiaro fin...
kkkk
Ben Safdie, Joshua Safdie

Good Time

7.5

La vitalità del cinema nasce spesso dalle sue contraddizioni: Good Time dei fratelli Ben e Joshua Safdie...
grrere
Eugene Jarecki

Promised land

7.5

“Mister I ain’t a boy, no I’m a man\and I believe in a promised land”. E’ il...
vfewry
Sean Baker

The Florida project

8

Dall’iPhone al 35 millimetri, per Sean Baker il sogno americano e le sue declinazioni passano anche dal...
locandina
Fabio Grassadonia, Antonio Piazza

Sicilian Ghost Story

6

In un bosco che somiglia a quello delle fiabe, due giovani adolescenti si scambiano un bacio affettuoso....
tyutyu
Robert Campillo

120 battements par minute

8

Un cuore accelerato o un ritmo travolgente che possono essere sinonimi o contrari. Per Robin Campillo i...
locandina
Todd Haynes

Wonderstruck

8

Questo è un racconto che richiede pazienza e lentezza. Lo scrive Julianne Moore al piccolo protagonista di...
locandina
Terrence Malick

Song to Song

8

«Non c’è nessuna forma d’arte come il cinema per colpire la coscienza, scuotere le emozioni e raggiungere...
622506603
Rossella Schillaci

Libere

8

La Resistenza raccontata da Rossella Schillaci in Libere, documentario in uscita il 20 aprile nelle sale italiane,...
locandina
Paul Verhoeven

Elle

8

Schermo nero e il suono della rottura di un vetro, poi gli occhi di un gatto che...