Voler rilanciare il sistema industriale del cinema italiano non significa solo cominciare a produrre film che abbiano ambizioni commerciali forti e impianti narrativi aperti ai generi (supereroi, drammi sportivi, thriller, eccetera), ma anche cercare di lavorare sulle dinamiche spettatoriali dentro una logica seriale. I sequel non sono (più) una bestemmia (forse, vista la pervicacia con cui Mainetti rifiuta di dare un seguito al suo Lo chiamavano Jeeg robot) e non solo nel campo della commedia nazional-popolare: Sydney Sibilia dopo il successo di Smetto quando voglio ha realizzato il suo seguito (Masterclass) e il terzo capitolo (Ad honorem), girandoli in contemporanea e costruendoli come un’unica saga dagli archi narrativi divergenti. Roba da cine-comic nostrano.

Il secondo film parte esattamente dove finiva il primo: con Alberto in commissariato dopo l’incidente stradale e la banda in vario modo dissolta. Pietro per esempio è in carcere. Ma il commissario Coletti, responsabile delle smart-drugs (le droghe non ancora illegali che la banda produceva), ha un’idea: far riunire la banda, per trovare le nuove droghe e chi le realizza, in cambio della libertà. Tutto facile finché una droga sintetica non li mette con le spalle al muro. Scritto da Sibilia con Francesca Manieri e Luigi Di Capua, Smetto quando voglio – Masterclass trasforma la commedia criminale del primo film in una pura action comedy dal contemporaneo gusto USA, in cui l’umorismo e le gag si sposano con la suspense, l’azione, le esplosioni e impossibili colpi di scena.

Ci mette una mezz’oretta circa il film a trovare una strada giusta, diversa dal semplice accumulo, dall’esagerazione delle situazioni già viste: la fotografia di Vladan Radovic sempre più satura e acida, la musica sempre più rombante, i caratteri sempre più calcati nei loro schemi. Se il primo film era ispirato a Breaking Bad qui si guarda a Better Call Saul, con la sensazione però che manchi quello spirito e quella scrittura. Insomma il film soffre di quell’”effetto scenografico” che auto-ironicamente Libero De Rienzo attribuisce a Edoardo Leo: farsi vedere, eccedere, fare di più anziché fare meglio. Ma la sceneggiatura trova proprio nelle narrazioni seriali per eccellenza, ossia la tv e il fumetto, gli spunti giusti per riportare il film all’altezza del predecessore: la costruzione ampia su tre film, in cui i vari elementi si mescolano e si ritrovano puntualmente, permette a Sibilia di realizzare un film in cui trovare un equilibrio difficile tra la suspense, il senso di avventura e la tensione plastica e le gag (c’è un eccellente inseguimento automobilistico che è anche la sequenza più comica del film), tra il tono del blockbuster e quello della commedia.

Ci riesce soprattutto grazie all’uso del dettaglio, all’utilizzo coerente di luoghi e oggetti, partendo dall’assunto che in Italia la cultura e il sapere vanno reinventati per poter essere apprezzati (dai residui architettonici alle armi all’avanguardia fino a motocicli del terzo Reich) e che è lo spirito stesso con cui il film nasce, cresce e procede fino ad arrivare a un finale inaspettato, in cui l’asticella del credibile e del visibile in una commedia si alza di molto e lancia la volata al terzo film (in uscita prevedibilmente fra un anno) in cui la pelle cambierà di nuovo, in cui assisteremo (con tanto di trailer incorporato, come in Ritorno al futuro 2 che annunciava il 3) a un altro modo di reinventare la commedia all’italiana, giocando a fare i Michael Bay. E di più non diciamo: vi basti sapere che Smetto quando voglio – Masterclass è uno dei rari film italiani per cui si ha voglia di scoprire cosa accade, in cui si ha voglia di vedere il seguito. Ha sicuramente perso in appiglio sociale e sguardo sulla realtà, ma ha guadagnato in divertimento e intrattenimento puri.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
locandina
Woody Allen

La ruota delle meraviglie

4.5

“Ho qualche guaio tra fantasia e realtà”: lo diceva Alvy/Allen in Io e Annie. Era il 1977...
locandina
Julien Temple

My Life Story

7

Più che un film, My Life Story è una testimonianza di cosa sia un entertainer, di cosa...
254690
Kantemir Balagov

Closeness

7.5

Comunicare la desolazione è cosa molto differente dall’esprimere la depressione. In quella sfumatura tra mimesi piatta e...
locandina
Colin Trevorrow

Il libro di Henry

5

La recensione più breve del mondo: Il libro di Henry sucks. Lo si scrive con un po’...
locandina
Kathryn Bigelow

Detroit

9

Kathryn Bigelow sta al cinema d’azione come George Romero sta al cinema d’orrore: ha introdotto nel genere,...
locandina
Janus Metz Pedersen

Borg McEnroe

6

Si dice che il tennis sia uno sport poco adatto al cinema. Per cercare di smentire questa...
gospel_604_alk_s_binder2_016-h_2017
Jennifer Lebeau

Trouble No More

6.5

“Puoi chiamarmi Bobby, puoi chiamarmi Zimmy /Puoi chiamarmi in ogni modo ma non importa quello che tu...
v1.bTsxMjMyNzU0OTtqOzE3NTEyOzEyMDA7Mjg0OzQwNQ
Philippe Van Leeuw

Insyriated

5.5

La guerra in Siria, o in un luogo analogo, fa parte dell’oppressione quotidiana, non è una tensione...
54108
Paolo e Vittorio Taviani

Una questione privata

5

È il 1943. Sulle colline delle Langhe le brigate dei partigiani combattono i fascisti. Gli scontri sono...
screen-shot-2017-09-05-at-1-22-03-pm
Scott Cooper

Hostiles

7.5

È più moderno che classico Hostiles (e di sicuro non classicista), più crepuscolare che mitologico. Il film...
locandina
Andy Muschietti

It

7.5

E alla fine arrivò It. L’abbiamo sognato, temuto a lungo. Ci ha indottrinato a meraviglia grazie ai...
locandina
Jonathan Dayton, Valerie Faris

La battaglia dei sessi

6

È interessante il modo sottile, quasi “subdolo”, con cui La battaglia dei sessi racconta un personaggio per...
locandina
Leonardo Di Costanzo

L'intrusa

8

“Succede che per salvare qualcuno devi escludere altri.” E’ partito da qui Leonardo Di Costanzo, da un...
locandina
Denis Villeneuve

Blade Runner 2049

8

“Hai mai visto un miracolo?” chiede Dave Bautista a Ryan Gosling all’inizio di Blade Runner 2049. La...
Outrage-0-Coda-620x329
Takeshi Kitano

Outrage Coda

6.5

Con Outrage Coda Takeshi Kitano conclude la trilogia iniziata nel 2010 con Outrage e proseguita nel 2012 con Outrage Beyond, campione d’incassi,...