locandina
Oliver Stone

Snowden

5

Se nel finale di un film basato su fatti e persone reali, il protagonista affronta il sole in controluce come un eroe epico, con tanti di violini in crescendo, standing ovation, dichiarazioni di stima e sguardi verso l’infinito e oltre, la biografia diventa un’agiografia: Oliver Stone ha deciso che il suo Snowden sia al servizio di un santino nella lotta contro i governi cattivi.

Ma il regista gioca una partita impari fin da subito, utilizzando come cornice la realizzazione del documentario Citizenfour che dell’uomo e del personaggio aveva raccontato tutto e meglio: partendo dall’incontro con Laura Poitras e i giornalisti che fecero scoppiare il caso, il film – scritto da Stone con Kierean Fitzgerald a partire da due inchieste giornalistiche – descrive la carriera di Edward da quando entra in CIA fino alla scoperta di una rete mondiale con cui il governo americano è in grado di spiare chiunque gli rovina la vita.

Se l’impianto ideologico era prevedibile e in fondo fa parte del gioco – anche se accettare un mini-comizio in cui Stone si incarna in Snowden (il piuttosto bravo Joseph Gordon-Levitt) è arduo -, quello che non ci si aspetta dal regista è la piattezza monocorde che si avverte dopo l’inizio scorrevole: gli aspetti interiori finiscono per appesantire la narrazione e si nota la completa mancanza di vigore stilistico. Non si chiede certo il rigore appassionato di JFK ma almeno, sorprendentemente visto l’autore, un certo furore registico. La tensione e la suspense, invece, sono completamente mal gestite (basti vedere come il gran finale con i file copiati e la “liberazione” in controluce sia del tutto sottotono nel montaggio, indegno di una serie tv), la messinscena è placida e un po’ fasulla.

Il messaggio è chiaro, e ci mancherebbe: la terza guerra mondiale è già in atto, è on line, la combattono hacker di varia specie e ne siamo tutti coinvolti, volenti o nolenti, fin dalla webcam del nostro laptop. Ma il film più che una chiamata alle armi sembra una chiamata persa, il ritratto acritico di un uomo che si è inserito nelle pieghe della legge e della società, che ha guardato in faccia le ambiguità del contemporaneo. Ecco, di quelle ambiguità in Snowden non vi è traccia.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
locandina
Martin Scorsese

Silence

9

Per più di 20 anni, Silence è stato il “prossimo film di Martin Scorsese”. Ora il progetto,...
locandina
Robert Zemeckis

Allied - Un'ombra nascosta

6

Tutto è più bello a Casablanca, anche la guerra. Max e Marianne si incontrano per la prima...
locandina
Morten Tyldum

Passengers

5

Si capisce che la sfiga è assoluta in Passengers sin dal principio. Immaginate gigantesca e lussuosa (astro)nave...
locandina
Gareth Edwards

Rogue One: A Star Wars Story

7

Parte contromano Rogue One: A Star Wars Story per i fedelissimi della fanfara di John Williams. Niente...
locandina
Gastón Duprat, Mariano Cohn

Il cittadino illustre

7.5

L’arte deve scuotere gli animi, nel bene o nel male. La letteratura e il cinema, in questo...
free-fire-ben-wheatley-poster-2
Ben Wheatley

Free Fire

6.5

Da un certo punto in poi, in Free Fire – il nuovo film di Ben Wheatley che...
locandina
Oliver Stone

Snowden

5

Se nel finale di un film basato su fatti e persone reali, il protagonista affronta il sole...
maxresdefault
Jeff Feuerzeig

Author: The JT LeRoy Story

7

Social prima di te. Parafrasando Enrico Ruggeri, una biografia di JT LeRoy potrebbe avere questo titolo: c’è...
between-us-indie-movie
Rafael Palacio Illingworth

Between Us

7

A  Rafael Palacio Illingworth riesce un’operazione niente affatto semplice: rendere toccanti e coinvolgenti dei cliché narrativi, fargli superare...
locandina
Na Hong-jin

The Wailing

6.5

Tra le poche certezze del cinefilo, soprattutto di quello che viene in trasferta al Torino Film Festival,...
locandina
Tom Ford

Animali notturni

8

La vendetta è un bisogno cieco, subdolo, che si insinua nella mente umana come un virus e...
locandina
Travis Knight

Kubo e la spada magica

8

La spada magica è il modo “infantile” che la distribuzione ha adottato per tradurre le due corde...
locandina

8.5

6 gennaio 1948. Pablo Neruda, senatore della Repubblica Cilena, davanti ai suoi colleghi si scaglia contro il...
locandina
Ewan McGregor

American Pastoral

4.5

Seymour “Lo Svedese” Levov è la sintesi ideale del sogno americano: bello, “moglie perfetta, casa perfetta, figlia...
locandina
Liza Johnson

Elvis & Nixon

6.5

Negli Archivi Nazionali degli Stati Uniti d’America è conservata una fotografia datata 21 dicembre 1970 che è,...