locandina
Oliver Stone

Snowden

5

Se nel finale di un film basato su fatti e persone reali, il protagonista affronta il sole in controluce come un eroe epico, con tanti di violini in crescendo, standing ovation, dichiarazioni di stima e sguardi verso l’infinito e oltre, la biografia diventa un’agiografia: Oliver Stone ha deciso che il suo Snowden sia al servizio di un santino nella lotta contro i governi cattivi.

Ma il regista gioca una partita impari fin da subito, utilizzando come cornice la realizzazione del documentario Citizenfour che dell’uomo e del personaggio aveva raccontato tutto e meglio: partendo dall’incontro con Laura Poitras e i giornalisti che fecero scoppiare il caso, il film – scritto da Stone con Kierean Fitzgerald a partire da due inchieste giornalistiche – descrive la carriera di Edward da quando entra in CIA fino alla scoperta di una rete mondiale con cui il governo americano è in grado di spiare chiunque gli rovina la vita.

Se l’impianto ideologico era prevedibile e in fondo fa parte del gioco – anche se accettare un mini-comizio in cui Stone si incarna in Snowden (il piuttosto bravo Joseph Gordon-Levitt) è arduo -, quello che non ci si aspetta dal regista è la piattezza monocorde che si avverte dopo l’inizio scorrevole: gli aspetti interiori finiscono per appesantire la narrazione e si nota la completa mancanza di vigore stilistico. Non si chiede certo il rigore appassionato di JFK ma almeno, sorprendentemente visto l’autore, un certo furore registico. La tensione e la suspense, invece, sono completamente mal gestite (basti vedere come il gran finale con i file copiati e la “liberazione” in controluce sia del tutto sottotono nel montaggio, indegno di una serie tv), la messinscena è placida e un po’ fasulla.

Il messaggio è chiaro, e ci mancherebbe: la terza guerra mondiale è già in atto, è on line, la combattono hacker di varia specie e ne siamo tutti coinvolti, volenti o nolenti, fin dalla webcam del nostro laptop. Ma il film più che una chiamata alle armi sembra una chiamata persa, il ritratto acritico di un uomo che si è inserito nelle pieghe della legge e della società, che ha guardato in faccia le ambiguità del contemporaneo. Ecco, di quelle ambiguità in Snowden non vi è traccia.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
okja-poster-1
Bong Joon-ho

Okja

7.5

La pietra dello scandalo. Il film che al recente festival di Cannes ha fatto scattare la fatwa...
locandina
David Michôd

War Machine

6

Un paio di gambe storte sorregge un corpo rigidamente costretto in una postura dall’aria innaturale: è la...
mucchio_blame_poster
Dal 20 maggio su Netflix

Blame

6.5

Almodovar, pietà. Il cinema made in Netflix è una figata. Soprattutto se recapitato per tutti, nello stesso...
8o8
Lynne Ramsay

You Were Never Really Here

7

Il cinema di Lynne Ramsay è un cinema psico-patologico, in cui il delirio dei personaggi si rispecchia...
yju545
François Ozon

L'amant double

4

Non si può dire che L’amant double, il nuovo film di François Ozon, non sia chiaro fin...
kkkk
Ben Safdie, Joshua Safdie

Good Time

7.5

La vitalità del cinema nasce spesso dalle sue contraddizioni: Good Time dei fratelli Ben e Joshua Safdie...
grrere
Eugene Jarecki

Promised land

7.5

“Mister I ain’t a boy, no I’m a man\and I believe in a promised land”. E’ il...
vfewry
Sean Baker

The Florida project

8

Dall’iPhone al 35 millimetri, per Sean Baker il sogno americano e le sue declinazioni passano anche dal...
locandina
Fabio Grassadonia, Antonio Piazza

Sicilian Ghost Story

6

In un bosco che somiglia a quello delle fiabe, due giovani adolescenti si scambiano un bacio affettuoso....
tyutyu
Robert Campillo

120 battements par minute

8

Un cuore accelerato o un ritmo travolgente che possono essere sinonimi o contrari. Per Robin Campillo i...
locandina
Todd Haynes

Wonderstruck

8

Questo è un racconto che richiede pazienza e lentezza. Lo scrive Julianne Moore al piccolo protagonista di...
locandina
Terrence Malick

Song to Song

8

«Non c’è nessuna forma d’arte come il cinema per colpire la coscienza, scuotere le emozioni e raggiungere...
622506603
Rossella Schillaci

Libere

8

La Resistenza raccontata da Rossella Schillaci in Libere, documentario in uscita il 20 aprile nelle sale italiane,...