locandina
Oliver Stone

Snowden

5

Se nel finale di un film basato su fatti e persone reali, il protagonista affronta il sole in controluce come un eroe epico, con tanti di violini in crescendo, standing ovation, dichiarazioni di stima e sguardi verso l’infinito e oltre, la biografia diventa un’agiografia: Oliver Stone ha deciso che il suo Snowden sia al servizio di un santino nella lotta contro i governi cattivi.

Ma il regista gioca una partita impari fin da subito, utilizzando come cornice la realizzazione del documentario Citizenfour che dell’uomo e del personaggio aveva raccontato tutto e meglio: partendo dall’incontro con Laura Poitras e i giornalisti che fecero scoppiare il caso, il film – scritto da Stone con Kierean Fitzgerald a partire da due inchieste giornalistiche – descrive la carriera di Edward da quando entra in CIA fino alla scoperta di una rete mondiale con cui il governo americano è in grado di spiare chiunque gli rovina la vita.

Se l’impianto ideologico era prevedibile e in fondo fa parte del gioco – anche se accettare un mini-comizio in cui Stone si incarna in Snowden (il piuttosto bravo Joseph Gordon-Levitt) è arduo -, quello che non ci si aspetta dal regista è la piattezza monocorde che si avverte dopo l’inizio scorrevole: gli aspetti interiori finiscono per appesantire la narrazione e si nota la completa mancanza di vigore stilistico. Non si chiede certo il rigore appassionato di JFK ma almeno, sorprendentemente visto l’autore, un certo furore registico. La tensione e la suspense, invece, sono completamente mal gestite (basti vedere come il gran finale con i file copiati e la “liberazione” in controluce sia del tutto sottotono nel montaggio, indegno di una serie tv), la messinscena è placida e un po’ fasulla.

Il messaggio è chiaro, e ci mancherebbe: la terza guerra mondiale è già in atto, è on line, la combattono hacker di varia specie e ne siamo tutti coinvolti, volenti o nolenti, fin dalla webcam del nostro laptop. Ma il film più che una chiamata alle armi sembra una chiamata persa, il ritratto acritico di un uomo che si è inserito nelle pieghe della legge e della società, che ha guardato in faccia le ambiguità del contemporaneo. Ecco, di quelle ambiguità in Snowden non vi è traccia.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
locandina
Woody Allen

La ruota delle meraviglie

4.5

“Ho qualche guaio tra fantasia e realtà”: lo diceva Alvy/Allen in Io e Annie. Era il 1977...
locandina
Julien Temple

My Life Story

7

Più che un film, My Life Story è una testimonianza di cosa sia un entertainer, di cosa...
254690
Kantemir Balagov

Closeness

7.5

Comunicare la desolazione è cosa molto differente dall’esprimere la depressione. In quella sfumatura tra mimesi piatta e...
locandina
Colin Trevorrow

Il libro di Henry

5

La recensione più breve del mondo: Il libro di Henry sucks. Lo si scrive con un po’...
locandina
Kathryn Bigelow

Detroit

9

Kathryn Bigelow sta al cinema d’azione come George Romero sta al cinema d’orrore: ha introdotto nel genere,...
locandina
Janus Metz Pedersen

Borg McEnroe

6

Si dice che il tennis sia uno sport poco adatto al cinema. Per cercare di smentire questa...
gospel_604_alk_s_binder2_016-h_2017
Jennifer Lebeau

Trouble No More

6.5

“Puoi chiamarmi Bobby, puoi chiamarmi Zimmy /Puoi chiamarmi in ogni modo ma non importa quello che tu...
v1.bTsxMjMyNzU0OTtqOzE3NTEyOzEyMDA7Mjg0OzQwNQ
Philippe Van Leeuw

Insyriated

5.5

La guerra in Siria, o in un luogo analogo, fa parte dell’oppressione quotidiana, non è una tensione...
54108
Paolo e Vittorio Taviani

Una questione privata

5

È il 1943. Sulle colline delle Langhe le brigate dei partigiani combattono i fascisti. Gli scontri sono...
screen-shot-2017-09-05-at-1-22-03-pm
Scott Cooper

Hostiles

7.5

È più moderno che classico Hostiles (e di sicuro non classicista), più crepuscolare che mitologico. Il film...
locandina
Andy Muschietti

It

7.5

E alla fine arrivò It. L’abbiamo sognato, temuto a lungo. Ci ha indottrinato a meraviglia grazie ai...
locandina
Jonathan Dayton, Valerie Faris

La battaglia dei sessi

6

È interessante il modo sottile, quasi “subdolo”, con cui La battaglia dei sessi racconta un personaggio per...
locandina
Leonardo Di Costanzo

L'intrusa

8

“Succede che per salvare qualcuno devi escludere altri.” E’ partito da qui Leonardo Di Costanzo, da un...
locandina
Denis Villeneuve

Blade Runner 2049

8

“Hai mai visto un miracolo?” chiede Dave Bautista a Ryan Gosling all’inizio di Blade Runner 2049. La...
Outrage-0-Coda-620x329
Takeshi Kitano

Outrage Coda

6.5

Con Outrage Coda Takeshi Kitano conclude la trilogia iniziata nel 2010 con Outrage e proseguita nel 2012 con Outrage Beyond, campione d’incassi,...