Ogni storia di vampiri che si rispetti è anche una storia di decadenza, emarginazione, tossicodipendenza, talvolta di sesso, non di rado d’amore. Un bagaglio di temi universali e di umane miserie che al Jim Jarmusch che si accingeva a lavorare al suo decimo film in sessant’anni di vita (aspettate…quanti!?) deve essere parso incredibilmente famigliare: lo stesso ordine del giorno viene regolarmente squadernato anche da una certa musica, che è il filo rosso di tutta la sua produzione cinematografica (e non di solo quella: a tempo perso, il regista milita nei rumorosi SQURL, in questa sede firmatari della colonna sonora). Da qui al far indossare al protagonista di Only Lovers Left Alive, Tom Hiddleston, i panni del musicista – rocker “ad alta fedeltà”, per la precisione – il passo deve essere stato breve. È un modo come un altro di avvicinare un immaginario per tradizione così poco affine al cineasta che, prima ancora che le famigerate creature si palesassero, già ci eravamo divisi tra scettici e paurosi (tipico, quando si parla di vampiri).

Da una parte si schieravano i cultori di horror e affini, diffidenti dall’ennesimo auteur prestato al cinema di genere; dall’altra – se possibile ancor più maliziosi – gli estimatori di Jarmusch, che temevano di ritrovarselo alle prese con una versione di Twilight appena più gotica e snob. Dopo la visione le diffidenze e i timori non trovano più fondamento. Dovevamo immaginarcelo che all’autore di Daunbailò di prelievi di sangue e canini aguzzi fregasse meno di niente, e che di mostri ci avrebbe parlato solo quando avesse voluto parlarci di noi… E in fondo, non è proprio questo che deve fare in ogni storia di vampiri che si rispetti?

Adam e Eve, dunque, amanti in saecula saeculorum. Lui delillianamente recluso in una villa a Detroit, si procura sangue dagli ambulatori e si fa recapitare a casa amplificatori e strumentazione d’antan. Toccherà a lei (Tilda Swinton), da brava fidanzata in apprensione, lasciare la Tangeri che fu rifugio di scrittori e poeti in autoesilio dagli Stati Uniti e raggiungerlo con il primo aereo. Notturno. Nelle gite di coppia dopo il tramonto i due vagano per una Detroit che è un fantasma di città. Nei nostri tempi ci si muovono goffi, costretti a tenersi in contatto attraverso la Rete, a prenotare voli con scali improbabili, a fare tappezzeria durante le serate nei pub (in uno di questi suonano pure i White Hills!) e girare al largo dalle giugulari: sanno che “siamo nel ventunesimo secolo” e certi costumi non si portano più.

L’elìte decaduta che rappresentano era una nobiltà tutta culturale, fatta di belle arti e alte letture, che li ha lasciati unici superstiti in mezzo agli zombie, ovvero le creature senza cervello – a sentire Adam pare che soprattutto la mondana L.A. ne sia affollata.
La controversa prospettiva di una storia che attraversa i secoli la scontiamo con qualche ingenuità di sceneggiatura (una valigia improvvisa con dentro Cervantes e Wallace; appesi alla pareti i ritratti di Hendrix e Bach, manco fossimo all’Hard Rock Cafè di Vienna…) e qualche furbizia nello stile filmico: come già nel precedente Limits Of Control, la regia tende
al preziosismo, quando non al capriccio, generosa di riprese dall’alto e di movimenti
di macchina spettacolari. Qualche volta le dice bene, qualche altra molto meno, ma sono particolari di forma e non devono distrarre da un tutto che avvicina la poetica del newyorchese nella sostanza. I suoi amanti sopravvissuti, dichiara lui, sono “outsider inconsueti, e per questo hanno una visione più ampia sulla storia”. Come due reduci si corrono incontro e si riabbracciano davanti a un’umanità al crepuscolo. Anche il loro, quindi, è una sorta di Twilight, ma vi garantiamo che la vista da qui è tutt’altra cosa.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
121430920-a984694f-d13d-4700-a5a4-199d673d0ae0
Paolo Sorrentino

Loro 1

SV

Tutto documentato. Tutto arbitrario. Tutto vero e tutto falso. Ma anche tutto troppo. Paolo Sorrentino ci tiene...
Tonya-poster
Craig Gillespie

Tonya

8

Questa è la storia di Tonya Harding, pattinatrice americana, e del suo tonfo professionale avvenuto nel 1994...
locandina
Steven Spielberg

Ready Player One

7.5

Sembra voler rispondere a una precisa domanda Ready Player One, il nuovo film di Steven Spielberg che...
locandina
Alex Garland

Annientamento

8.5

Il lavoro che Alex Garland fa sulla fascinazione in Annientamento è fortissimo, tanto da diventare un futuro...
locandina-2
Adina Pintilie

Touch me Not

5

È Touch me not di Adina Pintilie ad aggiudicarsi, a sorpresa, l’Orso d’oro per la 68° edizione della Berlinale....
locandina
Damiano D'Innocenzo, Fabio D'Innocenzo

La terra dell'abbastanza

6.5

Sembra uno spin-off di Gomorra, La terra dell’abbastanza, l’esordio dei gemelli D’Innocenzo presentato con un notevole riscontro all’ultimo...
locandina
Paul Thomas Anderson

Il filo nascosto

9

Reynolds Woodcock è un abile sarto che veste l’aristocrazia della Londra degli anni Cinquanta. I suoi abiti...
locandina
Steven Soderbergh

Unsane

8

Ci pensava già da un paio d’anni, Steven Soderbergh, a girare un film con l’iPhone e l’occasione...
locandina
José Padilha

7 Days in Entebbe

7

La vicenda è nota: nel 1976 il Fronte per la liberazione della Palestina dirotta un aereo francese...
locandina-ver
Laura Bispuri

Figlia mia

7.5

“E perché la devi curare? É malata?” Ecco, Figlia mia sta tutto qui, in questo confronto tra due donne...
locandina
Christian Duguay

Un sacchetto di biglie

7.5

Nella Parigi invasa dai nazisti, Joseph Joffo e il fratello Maurice si divertono spensierati. Il padre Roman...
locandina
Woody Allen

La ruota delle meraviglie

4.5

“Ho qualche guaio tra fantasia e realtà”: lo diceva Alvy/Allen in Io e Annie. Era il 1977...