Ogni storia di vampiri che si rispetti è anche una storia di decadenza, emarginazione, tossicodipendenza, talvolta di sesso, non di rado d’amore. Un bagaglio di temi universali e di umane miserie che al Jim Jarmusch che si accingeva a lavorare al suo decimo film in sessant’anni di vita (aspettate…quanti!?) deve essere parso incredibilmente famigliare: lo stesso ordine del giorno viene regolarmente squadernato anche da una certa musica, che è il filo rosso di tutta la sua produzione cinematografica (e non di solo quella: a tempo perso, il regista milita nei rumorosi SQURL, in questa sede firmatari della colonna sonora). Da qui al far indossare al protagonista di Only Lovers Left Alive, Tom Hiddleston, i panni del musicista – rocker “ad alta fedeltà”, per la precisione – il passo deve essere stato breve. È un modo come un altro di avvicinare un immaginario per tradizione così poco affine al cineasta che, prima ancora che le famigerate creature si palesassero, già ci eravamo divisi tra scettici e paurosi (tipico, quando si parla di vampiri).

Da una parte si schieravano i cultori di horror e affini, diffidenti dall’ennesimo auteur prestato al cinema di genere; dall’altra – se possibile ancor più maliziosi – gli estimatori di Jarmusch, che temevano di ritrovarselo alle prese con una versione di Twilight appena più gotica e snob. Dopo la visione le diffidenze e i timori non trovano più fondamento. Dovevamo immaginarcelo che all’autore di Daunbailò di prelievi di sangue e canini aguzzi fregasse meno di niente, e che di mostri ci avrebbe parlato solo quando avesse voluto parlarci di noi… E in fondo, non è proprio questo che deve fare in ogni storia di vampiri che si rispetti?

Adam e Eve, dunque, amanti in saecula saeculorum. Lui delillianamente recluso in una villa a Detroit, si procura sangue dagli ambulatori e si fa recapitare a casa amplificatori e strumentazione d’antan. Toccherà a lei (Tilda Swinton), da brava fidanzata in apprensione, lasciare la Tangeri che fu rifugio di scrittori e poeti in autoesilio dagli Stati Uniti e raggiungerlo con il primo aereo. Notturno. Nelle gite di coppia dopo il tramonto i due vagano per una Detroit che è un fantasma di città. Nei nostri tempi ci si muovono goffi, costretti a tenersi in contatto attraverso la Rete, a prenotare voli con scali improbabili, a fare tappezzeria durante le serate nei pub (in uno di questi suonano pure i White Hills!) e girare al largo dalle giugulari: sanno che “siamo nel ventunesimo secolo” e certi costumi non si portano più.

L’elìte decaduta che rappresentano era una nobiltà tutta culturale, fatta di belle arti e alte letture, che li ha lasciati unici superstiti in mezzo agli zombie, ovvero le creature senza cervello – a sentire Adam pare che soprattutto la mondana L.A. ne sia affollata.
La controversa prospettiva di una storia che attraversa i secoli la scontiamo con qualche ingenuità di sceneggiatura (una valigia improvvisa con dentro Cervantes e Wallace; appesi alla pareti i ritratti di Hendrix e Bach, manco fossimo all’Hard Rock Cafè di Vienna…) e qualche furbizia nello stile filmico: come già nel precedente Limits Of Control, la regia tende
al preziosismo, quando non al capriccio, generosa di riprese dall’alto e di movimenti
di macchina spettacolari. Qualche volta le dice bene, qualche altra molto meno, ma sono particolari di forma e non devono distrarre da un tutto che avvicina la poetica del newyorchese nella sostanza. I suoi amanti sopravvissuti, dichiara lui, sono “outsider inconsueti, e per questo hanno una visione più ampia sulla storia”. Come due reduci si corrono incontro e si riabbracciano davanti a un’umanità al crepuscolo. Anche il loro, quindi, è una sorta di Twilight, ma vi garantiamo che la vista da qui è tutt’altra cosa.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
okja-poster-1
Bong Joon-ho

Okja

7.5

La pietra dello scandalo. Il film che al recente festival di Cannes ha fatto scattare la fatwa...
locandina
David Michôd

War Machine

6

Un paio di gambe storte sorregge un corpo rigidamente costretto in una postura dall’aria innaturale: è la...
mucchio_blame_poster
Dal 20 maggio su Netflix

Blame

6.5

Almodovar, pietà. Il cinema made in Netflix è una figata. Soprattutto se recapitato per tutti, nello stesso...
8o8
Lynne Ramsay

You Were Never Really Here

7

Il cinema di Lynne Ramsay è un cinema psico-patologico, in cui il delirio dei personaggi si rispecchia...
yju545
François Ozon

L'amant double

4

Non si può dire che L’amant double, il nuovo film di François Ozon, non sia chiaro fin...
kkkk
Ben Safdie, Joshua Safdie

Good Time

7.5

La vitalità del cinema nasce spesso dalle sue contraddizioni: Good Time dei fratelli Ben e Joshua Safdie...
grrere
Eugene Jarecki

Promised land

7.5

“Mister I ain’t a boy, no I’m a man\and I believe in a promised land”. E’ il...
vfewry
Sean Baker

The Florida project

8

Dall’iPhone al 35 millimetri, per Sean Baker il sogno americano e le sue declinazioni passano anche dal...
locandina
Fabio Grassadonia, Antonio Piazza

Sicilian Ghost Story

6

In un bosco che somiglia a quello delle fiabe, due giovani adolescenti si scambiano un bacio affettuoso....
tyutyu
Robert Campillo

120 battements par minute

8

Un cuore accelerato o un ritmo travolgente che possono essere sinonimi o contrari. Per Robin Campillo i...
locandina
Todd Haynes

Wonderstruck

8

Questo è un racconto che richiede pazienza e lentezza. Lo scrive Julianne Moore al piccolo protagonista di...
locandina
Terrence Malick

Song to Song

8

«Non c’è nessuna forma d’arte come il cinema per colpire la coscienza, scuotere le emozioni e raggiungere...
622506603
Rossella Schillaci

Libere

8

La Resistenza raccontata da Rossella Schillaci in Libere, documentario in uscita il 20 aprile nelle sale italiane,...