Ogni storia di vampiri che si rispetti è anche una storia di decadenza, emarginazione, tossicodipendenza, talvolta di sesso, non di rado d’amore. Un bagaglio di temi universali e di umane miserie che al Jim Jarmusch che si accingeva a lavorare al suo decimo film in sessant’anni di vita (aspettate…quanti!?) deve essere parso incredibilmente famigliare: lo stesso ordine del giorno viene regolarmente squadernato anche da una certa musica, che è il filo rosso di tutta la sua produzione cinematografica (e non di solo quella: a tempo perso, il regista milita nei rumorosi SQURL, in questa sede firmatari della colonna sonora). Da qui al far indossare al protagonista di Only Lovers Left Alive, Tom Hiddleston, i panni del musicista – rocker “ad alta fedeltà”, per la precisione – il passo deve essere stato breve. È un modo come un altro di avvicinare un immaginario per tradizione così poco affine al cineasta che, prima ancora che le famigerate creature si palesassero, già ci eravamo divisi tra scettici e paurosi (tipico, quando si parla di vampiri).

Da una parte si schieravano i cultori di horror e affini, diffidenti dall’ennesimo auteur prestato al cinema di genere; dall’altra – se possibile ancor più maliziosi – gli estimatori di Jarmusch, che temevano di ritrovarselo alle prese con una versione di Twilight appena più gotica e snob. Dopo la visione le diffidenze e i timori non trovano più fondamento. Dovevamo immaginarcelo che all’autore di Daunbailò di prelievi di sangue e canini aguzzi fregasse meno di niente, e che di mostri ci avrebbe parlato solo quando avesse voluto parlarci di noi… E in fondo, non è proprio questo che deve fare in ogni storia di vampiri che si rispetti?

Adam e Eve, dunque, amanti in saecula saeculorum. Lui delillianamente recluso in una villa a Detroit, si procura sangue dagli ambulatori e si fa recapitare a casa amplificatori e strumentazione d’antan. Toccherà a lei (Tilda Swinton), da brava fidanzata in apprensione, lasciare la Tangeri che fu rifugio di scrittori e poeti in autoesilio dagli Stati Uniti e raggiungerlo con il primo aereo. Notturno. Nelle gite di coppia dopo il tramonto i due vagano per una Detroit che è un fantasma di città. Nei nostri tempi ci si muovono goffi, costretti a tenersi in contatto attraverso la Rete, a prenotare voli con scali improbabili, a fare tappezzeria durante le serate nei pub (in uno di questi suonano pure i White Hills!) e girare al largo dalle giugulari: sanno che “siamo nel ventunesimo secolo” e certi costumi non si portano più.

L’elìte decaduta che rappresentano era una nobiltà tutta culturale, fatta di belle arti e alte letture, che li ha lasciati unici superstiti in mezzo agli zombie, ovvero le creature senza cervello – a sentire Adam pare che soprattutto la mondana L.A. ne sia affollata.
La controversa prospettiva di una storia che attraversa i secoli la scontiamo con qualche ingenuità di sceneggiatura (una valigia improvvisa con dentro Cervantes e Wallace; appesi alla pareti i ritratti di Hendrix e Bach, manco fossimo all’Hard Rock Cafè di Vienna…) e qualche furbizia nello stile filmico: come già nel precedente Limits Of Control, la regia tende
al preziosismo, quando non al capriccio, generosa di riprese dall’alto e di movimenti
di macchina spettacolari. Qualche volta le dice bene, qualche altra molto meno, ma sono particolari di forma e non devono distrarre da un tutto che avvicina la poetica del newyorchese nella sostanza. I suoi amanti sopravvissuti, dichiara lui, sono “outsider inconsueti, e per questo hanno una visione più ampia sulla storia”. Come due reduci si corrono incontro e si riabbracciano davanti a un’umanità al crepuscolo. Anche il loro, quindi, è una sorta di Twilight, ma vi garantiamo che la vista da qui è tutt’altra cosa.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
locandina
Jonathan Dayton, Valerie Faris

La battaglia dei sessi

6

È interessante il modo sottile, quasi “subdolo”, con cui La battaglia dei sessi racconta un personaggio per...
locandina
Leonardo Di Costanzo

L'intrusa

8

“Succede che per salvare qualcuno devi escludere altri.” E’ partito da qui Leonardo Di Costanzo, da un...
locandina
Denis Villeneuve

Blade Runner 2049

8

“Hai mai visto un miracolo?” chiede Dave Bautista a Ryan Gosling all’inizio di Blade Runner 2049. La...
Outrage-0-Coda-620x329
Takeshi Kitano

Outrage Coda

6.5

Con Outrage Coda Takeshi Kitano conclude la trilogia iniziata nel 2010 con Outrage e proseguita nel 2012 con Outrage Beyond, campione d’incassi,...
HANNAH-Charlotte-Rampling-2017-1
Andrea Pallaoro

Hannah

5.5

Lunga vita a chi cerca nuove strade e toni originali per raccontare le storie al cinema, purchè...
lou_luttiau_shain_boumedine_ophelie_bau
Abdellatif Kechiche

Mektoub, My Love: Canto uno

7

Ci sono infiniti modi di essere curiosi della vita e di volerla esplorare cinematograficamente. Osservare i personaggi...
morelli-e-rossi-ammore-e-malavita
Manetti Bros

Ammore e malavita

7.5

‘Parigi ha la Tour Eiffel, Roma ha il Colosseo e Napoli ha le vele di Scampìa’: comincia...
sakamoto-coda
Stephen Schible

Ryuichi Sakamoto: Coda

6.5

In conferenza stampa Ryūichi Sakamoto continua a muovere le dita. A Venezia74 per presentare il docufilm girato...
coverlg
Frederick Wiseman

Ex libris

7.5

“Così può essere l’uomo: esternamente un lupo, ma nell’anima un unicorno”: siamo alla New York Public Library,...
coverlg
Paolo Virzì

The Leisure Seeker

7.5

Alla prima di The Leisure Seeker, in concorso a Venezia74, gli applausi per Paolo Virzì scattano già ai...
Lean-on-Pete-3-e1504274174891
Andrew Haigh

Lean on Pete

5

Di Lean on Pete di Andrew Haigh, film in Concorso a Venezia74, si potrebbero prevedere i punti...
DE7gkh6XcAA5Lso
Ritesh Batra

Our Souls at Night

8

Jane Fonda e Robert Redford, Leoni d’Oro alla carriera a Venezia74, sono i protagonisti di una delicata...
the-shape-of-water-trailer
Guillermo Del Toro

The Shape of Water

6

Chi lascia la sala prima della fine della proiezione e chi applaude ai titoli di coda. Il cinema...
59a6c77a88212
Alexander Payne

Downsizing

8

Avrebbe potuto rischiare di essere l’ennesimo film di fantascienza, Downsizing di Alexander Payne, se i suoi minuscoli...
okja-poster-1
Bong Joon-ho

Okja

7.5

La pietra dello scandalo. Il film che al recente festival di Cannes ha fatto scattare la fatwa...
locandina
David Michôd

War Machine

6

Un paio di gambe storte sorregge un corpo rigidamente costretto in una postura dall’aria innaturale: è la...