«Non c’è nessuna forma d’arte come il cinema per colpire la coscienza, scuotere le emozioni e raggiungere le stanze segrete dell’anima». Terrence Malick sembra aver preso alla lettera le parole di Ingmar Bergman, come dimostra la sua filmografia più recente, e a confermarlo c’è anche il suo ultimo lavoro Song to Song, una sorta di circolare chiusura di una trilogia iniziata con To the Wonder e proseguita con Knight of Cups. Il suo cinema, emblema di astrazione di matrice filosofica, anche in questa occasione si conferma come complessa espressione di immagini che trascendono la linearità della storia per raccontare i sentimenti così come si manifestano, prima ancora di poter essere maneggiati e di conseguenza contaminati.

Nella cornice di Austin, in Texas, BV è un musicista che cerca, finalmente, di ottenere il successo. Accanto a lui Faye, aspirante cantautrice dall’anima tormentata e Cook, un produttore controverso dagli appetiti insaziabili. Fra i tre si instaura un legame viscerale, fatto di amori sinceri e cadute nella perversione, desiderio di realizzazione e dolorosi tradimenti. Malick sta loro “addosso”, con una prossimità che li mette a nudo, lasciando che tutto intorno l’ambiente si manifesti nella sua potenza divina, fatta di luci e ombre, superfici trasparenti e natura incontaminata. Agli attori, ai quali Malick, come di consueto, affida un compito estremamente arduo, è richiesta una partecipazione emotiva ed espressiva davvero onerosa: la narrazione, infatti, più che attraverso la parola, si manifesta nei silenzi e negli sguardi, nei movimenti catturati da un obiettivo in cerca di frammenti visivi carichi di significato.

Il contraltare di una trama estremamente semplice, a tratti quasi ovvia e banale, è un’interiorità complessa e in qualche modo indecifrabile che la macchina da presa “ruba” dando vita a un modo di fare cinema che si realizza proprio davanti ai nostri occhi, quasi fosse in presa diretta. Lo spettatore può osservare il suo compiersi, e ricomporre le ellissi di immagini e significato che si realizzano sullo schermo: mentre la vita dei protagonisti prende forma e muta, anche il mondo circostante prosegue nel suo divenire incessante e perfetto, immortalato dalla potente fotografia di Emmanuel Lubezki.

La frammentazione di Malick, che spesso esula dalla dimensione diegetica per lasciare spazio a un tempo “altro” che è espressione del realizzarsi dei pensieri più intimi dei suoi protagonisti, pone al centro la natura umana nella sua complessità. C’è spazio per il diabolico vuoto interiore di Cook, che risucchia nella sua spirale la debolezza di Faye e Rhonda (giovane cameriera che diventa sua sposa), per la delicatezza d’animo di BV che incrocia, per un attimo, l’infelicità di Amanda (in una parentesi amorosa che non avrà sviluppi), ma anche per l’autenticità e la potenza della musica che ha il volto di Iggy Pop, Florence Welch o Patti Smith. Proprio a lei il regista affida il compito di esprimere una verità banalmente perfetta: per fare musica, a volte, «basta un accordo, uno solo». Ed è ciò che Malick , traslando il concetto, fa con il suo cinema: trasformare la semplicità in un’opera d’arte visiva.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
Outrage-0-Coda-620x329
Takeshi Kitano

Outrage Coda

6.5

Con Outrage Coda Takeshi Kitano conclude la trilogia iniziata nel 2010 con Outrage e proseguita nel 2012 con Outrage Beyond, campione d’incassi,...
HANNAH-Charlotte-Rampling-2017-1
Andrea Pallaoro

Hannah

5.5

Lunga vita a chi cerca nuove strade e toni originali per raccontare le storie al cinema, purchè...
lou_luttiau_shain_boumedine_ophelie_bau
Abdellatif Kechiche

Mektoub, My Love: Canto uno

7

Ci sono infiniti modi di essere curiosi della vita e di volerla esplorare cinematograficamente. Osservare i personaggi...
morelli-e-rossi-ammore-e-malavita
Manetti Bros

Ammore e malavita

7.5

‘Parigi ha la Tour Eiffel, Roma ha il Colosseo e Napoli ha le vele di Scampìa’: comincia...
sakamoto-coda
Stephen Schible

Ryuichi Sakamoto: Coda

6.5

In conferenza stampa Ryūichi Sakamoto continua a muovere le dita. A Venezia74 per presentare il docufilm girato...
coverlg
Frederick Wiseman

Ex libris

7.5

“Così può essere l’uomo: esternamente un lupo, ma nell’anima un unicorno”: siamo alla New York Public Library,...
coverlg
Paolo Virzì

The Leisure Seeker

7.5

Alla prima di The Leisure Seeker, in concorso a Venezia74, gli applausi per Paolo Virzì scattano già ai...
Lean-on-Pete-3-e1504274174891
Andrew Haigh

Lean on Pete

5

Di Lean on Pete di Andrew Haigh, film in Concorso a Venezia74, si potrebbero prevedere i punti...
DE7gkh6XcAA5Lso
Ritesh Batra

Our Souls at Night

8

Jane Fonda e Robert Redford, Leoni d’Oro alla carriera a Venezia74, sono i protagonisti di una delicata...
the-shape-of-water-trailer
Guillermo Del Toro

The Shape of Water

6

Chi lascia la sala prima della fine della proiezione e chi applaude ai titoli di coda. Il cinema...
59a6c77a88212
Alexander Payne

Downsizing

8

Avrebbe potuto rischiare di essere l’ennesimo film di fantascienza, Downsizing di Alexander Payne, se i suoi minuscoli...
okja-poster-1
Bong Joon-ho

Okja

7.5

La pietra dello scandalo. Il film che al recente festival di Cannes ha fatto scattare la fatwa...
locandina
David Michôd

War Machine

6

Un paio di gambe storte sorregge un corpo rigidamente costretto in una postura dall’aria innaturale: è la...
mucchio_blame_poster
Dal 20 maggio su Netflix

Blame

6.5

Almodovar, pietà. Il cinema made in Netflix è una figata. Soprattutto se recapitato per tutti, nello stesso...
8o8
Lynne Ramsay

You Were Never Really Here

7

Il cinema di Lynne Ramsay è un cinema psico-patologico, in cui il delirio dei personaggi si rispecchia...
yju545
François Ozon

L'amant double

4

Non si può dire che L’amant double, il nuovo film di François Ozon, non sia chiaro fin...