locandina
Fabrizio Boni e Giorgio de Finis

Space Metropoliz

7.5

Quadrante stellare di Tor Sapienza, data astrale 2011: un gruppo di terrestri decide di rompere il lucchetto dell’ex-salumificio Fiorucci sulla Prenestina. Ci sono italiani, peruviani, rom, tunisini, ucraini e africani, tutti privati di un tetto sopra la testa, ora ripreso – ricreato – con le proprie mani: Metropoliz, la città meticcia. Occupazione fa rima con incertezza, ma si va avanti: quell’Occidente, sinonimo di libertà, avanzando riporta al punto di partenza, un mero sopravvivere, ora impedito nei diritti fondamentali: casa, lavoro, salute. Non rimane che guardare verso il cielo, il tetto dell’umanità. E alla Luna.

Questo l’avvio per la storia immaginata dai due registi, in questo film documentario: costruire un telescopio, poi un razzo per andare a vivere sulla Luna. Davanti allo spettatore, la pellicola dà vita a uno straordinario cantiere artistico, dove l’arte diviene l’occasione per riscoprirsi capaci di provare stupore in un luogo dove si fa fatica a “sbarcare il lunario.” La Luna, “un foglio bianco dove tutto è ancora possibile”, viene colorata da architetti, artisti, filosofi, informatici, astrofisici e altri mentre all’iniziomacchie di bianco si delineano nelle scene in fabbrica. Questi tratti si sovrappongono al colore dellafotografia, in caschi e “scafandri immaginari”, come recita la canzone omonima del film, suonata da i Bicchiere Mezzo Pieno, scintilla per la collaborazione tra i registi e la casa di produzione di Luca Argentero, voce narrante del film.

Tuttavia la vera forza del documentario sta nei metropoliziani stessi, che vincono una doppia sfida: quella contro la società, a dimostrare che immaginazione e sogno sono territori di tutti e simbolo di un’esigenza di cambiamento e riscatto, nonostante le difficoltà quotidiane; quella per l’attenzione dal pubblico, catalizzata più dal metropoliziano in tuta spaziale, che non dalle spiegazioni intorno ai suoi passi. In fondo la Luna “Non è di nessuno e nessuno la può comperare.” E forse nemmeno spiegare.

Ultime recensioni Cinema / Visioni
Outrage-0-Coda-620x329
Takeshi Kitano

Outrage Coda

6.5

Con Outrage Coda Takeshi Kitano conclude la trilogia iniziata nel 2010 con Outrage e proseguita nel 2012 con Outrage Beyond, campione d’incassi,...
HANNAH-Charlotte-Rampling-2017-1
Andrea Pallaoro

Hannah

5.5

Lunga vita a chi cerca nuove strade e toni originali per raccontare le storie al cinema, purchè...
lou_luttiau_shain_boumedine_ophelie_bau
Abdellatif Kechiche

Mektoub, My Love: Canto uno

7

Ci sono infiniti modi di essere curiosi della vita e di volerla esplorare cinematograficamente. Osservare i personaggi...
morelli-e-rossi-ammore-e-malavita
Manetti Bros

Ammore e malavita

7.5

‘Parigi ha la Tour Eiffel, Roma ha il Colosseo e Napoli ha le vele di Scampìa’: comincia...
sakamoto-coda
Stephen Schible

Ryuichi Sakamoto: Coda

6.5

In conferenza stampa Ryūichi Sakamoto continua a muovere le dita. A Venezia74 per presentare il docufilm girato...
coverlg
Frederick Wiseman

Ex libris

7.5

“Così può essere l’uomo: esternamente un lupo, ma nell’anima un unicorno”: siamo alla New York Public Library,...
coverlg
Paolo Virzì

The Leisure Seeker

7.5

Alla prima di The Leisure Seeker, in concorso a Venezia74, gli applausi per Paolo Virzì scattano già ai...
Lean-on-Pete-3-e1504274174891
Andrew Haigh

Lean on Pete

5

Di Lean on Pete di Andrew Haigh, film in Concorso a Venezia74, si potrebbero prevedere i punti...
DE7gkh6XcAA5Lso
Ritesh Batra

Our Souls at Night

8

Jane Fonda e Robert Redford, Leoni d’Oro alla carriera a Venezia74, sono i protagonisti di una delicata...
the-shape-of-water-trailer
Guillermo Del Toro

The Shape of Water

6

Chi lascia la sala prima della fine della proiezione e chi applaude ai titoli di coda. Il cinema...
59a6c77a88212
Alexander Payne

Downsizing

8

Avrebbe potuto rischiare di essere l’ennesimo film di fantascienza, Downsizing di Alexander Payne, se i suoi minuscoli...
okja-poster-1
Bong Joon-ho

Okja

7.5

La pietra dello scandalo. Il film che al recente festival di Cannes ha fatto scattare la fatwa...
locandina
David Michôd

War Machine

6

Un paio di gambe storte sorregge un corpo rigidamente costretto in una postura dall’aria innaturale: è la...
mucchio_blame_poster
Dal 20 maggio su Netflix

Blame

6.5

Almodovar, pietà. Il cinema made in Netflix è una figata. Soprattutto se recapitato per tutti, nello stesso...
8o8
Lynne Ramsay

You Were Never Really Here

7

Il cinema di Lynne Ramsay è un cinema psico-patologico, in cui il delirio dei personaggi si rispecchia...
yju545
François Ozon

L'amant double

4

Non si può dire che L’amant double, il nuovo film di François Ozon, non sia chiaro fin...