locandina
Fabrizio Boni e Giorgio de Finis

Space Metropoliz

7.5

Quadrante stellare di Tor Sapienza, data astrale 2011: un gruppo di terrestri decide di rompere il lucchetto dell’ex-salumificio Fiorucci sulla Prenestina. Ci sono italiani, peruviani, rom, tunisini, ucraini e africani, tutti privati di un tetto sopra la testa, ora ripreso – ricreato – con le proprie mani: Metropoliz, la città meticcia. Occupazione fa rima con incertezza, ma si va avanti: quell’Occidente, sinonimo di libertà, avanzando riporta al punto di partenza, un mero sopravvivere, ora impedito nei diritti fondamentali: casa, lavoro, salute. Non rimane che guardare verso il cielo, il tetto dell’umanità. E alla Luna.

Questo l’avvio per la storia immaginata dai due registi, in questo film documentario: costruire un telescopio, poi un razzo per andare a vivere sulla Luna. Davanti allo spettatore, la pellicola dà vita a uno straordinario cantiere artistico, dove l’arte diviene l’occasione per riscoprirsi capaci di provare stupore in un luogo dove si fa fatica a “sbarcare il lunario.” La Luna, “un foglio bianco dove tutto è ancora possibile”, viene colorata da architetti, artisti, filosofi, informatici, astrofisici e altri mentre all’iniziomacchie di bianco si delineano nelle scene in fabbrica. Questi tratti si sovrappongono al colore dellafotografia, in caschi e “scafandri immaginari”, come recita la canzone omonima del film, suonata da i Bicchiere Mezzo Pieno, scintilla per la collaborazione tra i registi e la casa di produzione di Luca Argentero, voce narrante del film.

Tuttavia la vera forza del documentario sta nei metropoliziani stessi, che vincono una doppia sfida: quella contro la società, a dimostrare che immaginazione e sogno sono territori di tutti e simbolo di un’esigenza di cambiamento e riscatto, nonostante le difficoltà quotidiane; quella per l’attenzione dal pubblico, catalizzata più dal metropoliziano in tuta spaziale, che non dalle spiegazioni intorno ai suoi passi. In fondo la Luna “Non è di nessuno e nessuno la può comperare.” E forse nemmeno spiegare.

Ultime recensioni Cinema / Visioni
locandina
Liza Johnson

Elvis & Nixon

6.5

Negli Archivi Nazionali degli Stati Uniti d’America è conservata una fotografia datata 21 dicembre 1970 che è,...
locandina
Laurie Anderson

Heart of a Dog

9

Secondo la celebre definizione di Cocteau, il cinema è la morte al lavoro e la settima arte...
Wacken-3d-bd_cover
Norbert Heitker

Wacken - Louder than Hell

6.5

“I Beatles facevano schifo, gli Stones facevano schifo e anche i Led Zeppelin. Ma noi facciamo più...
foxcatcher-nuovo-trailer-e-locandina-del-dramma-con-channing-tatum-e-steve-carell-1
Bennett Miller

Foxcatcher

8

A dispetto delle apparenze, Foxcatcher non è un film biografico. Neanche sportivo. È un film storico che...
loc
Lucas Moodysson

We are the best

8

Ci sono film che ti fanno uscire dalla sala con il viso bagnato dalle lacrime, altri ti...
L1zsrAx
Xavier Dolan

Mommy

9

Quando sulle note di Wonderwall degli Oasis, il protagonista che corre sullo skate allarga l’inquadratura passando dall’immagine...
25498-deux-jours-une-nuit-film-des-freres-500x0-2
Jean-Pierre e Luc Dardenne

Deux jours, une nuit

8

Sono i beniamini del festival di Cannes, con due palme d’oro in carriera e molti riconoscimenti. E...
the-homesman
Tommy Lee Jones

The Homesman

8

Le tre sepolture, esordio alla regia dell’attore Tommy Lee Jones datato 2005, non era un fuoco di...
le-meraviglie-poster-italiano-alice-rohrwacher-2_news
Alice Rohrwacher

Le meraviglie

8

Opera seconda, dopo un esordio che era stato molto amato dalla critica e dai festival, che viene...
solo-gli-amanti-sopravvivono-film
Jim Jarmusch

Solo gli amanti sopravvivono

7.5

Ogni storia di vampiri che si rispetti è anche una storia di decadenza, emarginazione, tossicodipendenza, talvolta di...
winter_sleep_poster-620x835-1
Nuri Bilge Ceylan

Winter Sleep

9

Tra i luoghi comuni della critica cinematografica, ma anche letteraria, forse culturale in toto, è che la...
2014_05_NationalGalleryFlyerLight-page-001
Frederick Wiseman

National Gallery

8

Che sia il più grande documentarista vivente pare pacifico. Che Frederick Wiseman però, a più di 80...