Di fronte a Star Wars – Episodio VII: Il risveglio della forza il critico deve farsi spazio tra tanti modi diversi di vivere e intendere il film, deve superare attese e pressioni, ma anche empiti – o rigetti – dovuti alla propria condizione di fan o detrattore: ma l’operazione di J. J. Abrams, che ha preso da George Lucas l’incarico di una nuova trilogia, fa cadere molte barriere e restare alcune conferme e certezze.

Il film si apre 30 anni dopo le vicende della trilogia originaria: la Resistenza sta cercando disperatamente Luke Skywalker, l’ultimo Jedi rimasto e l’unico capace di aiutare la Repubblica a sconfiggere il Primo Ordine. Scritto da Abrams con Michael Arndt e Lawrence Kasdan, Star Wars – Episodio VII: Il risveglio della forza è un appassionante film d’avventure spaziali, in cui la space opera si mescola con il fantasy cavalleresco, recuperando afflati e spirito che la nuova trilogia aveva accantonato.  Questo nuovo inizio decide di affidarsi inizialmente al sicuro approdo del primo film della serie come base ispirativa per i percorsi narrativi e drammaturgici. Questa base però evolve e il film diventa un prodotto in cui Abrams ha preso possesso di una mitologia e l’ha rielaborata secondo la propria statura di narratore, con intelligenza e personalità: basti pensare a come racconta i viaggi tra luce e oscurità di vari personaggi, a come queste traiettorie si incontrino e scontrino, o come prende scelte narrative radicali e impreviste, facendo crescere tensione e fascinazione su moduli già narrati. Ma, soprattutto, il talento di Abrams lo si coglie nella consapevolezza con cui riflette sul rapporto tra nuovi spettatori e vecchi adepti tessendo un racconto corale in cui il calore e il carisma di Han Solo, Leia o Chewbecca non oscuri l’impatto dei nuovi personaggi. Il resto è un intreccio di rimandi e invenzioni, di scene spettacolari e una regia che usa il movimento, gli spazi filmici e i movimenti di macchina da erede di Spielberg, di momenti di grande potenza visiva ed epica. Certo, Abrams non ha la grandezza demiurgica di Lucas ma è un abile defibrillatore, che sa con passione, tenacia e acume far tornare a battere i cuori di appassionati di un cinema in cui la frenesia e l’eccesso devono lasciare il posto al cuore umano dell’avventura.

 

Emanuele Rauco

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
locandina
Woody Allen

La ruota delle meraviglie

4.5

“Ho qualche guaio tra fantasia e realtà”: lo diceva Alvy/Allen in Io e Annie. Era il 1977...
locandina
Julien Temple

My Life Story

7

Più che un film, My Life Story è una testimonianza di cosa sia un entertainer, di cosa...
254690
Kantemir Balagov

Closeness

7.5

Comunicare la desolazione è cosa molto differente dall’esprimere la depressione. In quella sfumatura tra mimesi piatta e...
locandina
Colin Trevorrow

Il libro di Henry

5

La recensione più breve del mondo: Il libro di Henry sucks. Lo si scrive con un po’...
locandina
Kathryn Bigelow

Detroit

9

Kathryn Bigelow sta al cinema d’azione come George Romero sta al cinema d’orrore: ha introdotto nel genere,...
locandina
Janus Metz Pedersen

Borg McEnroe

6

Si dice che il tennis sia uno sport poco adatto al cinema. Per cercare di smentire questa...
gospel_604_alk_s_binder2_016-h_2017
Jennifer Lebeau

Trouble No More

6.5

“Puoi chiamarmi Bobby, puoi chiamarmi Zimmy /Puoi chiamarmi in ogni modo ma non importa quello che tu...
v1.bTsxMjMyNzU0OTtqOzE3NTEyOzEyMDA7Mjg0OzQwNQ
Philippe Van Leeuw

Insyriated

5.5

La guerra in Siria, o in un luogo analogo, fa parte dell’oppressione quotidiana, non è una tensione...
54108
Paolo e Vittorio Taviani

Una questione privata

5

È il 1943. Sulle colline delle Langhe le brigate dei partigiani combattono i fascisti. Gli scontri sono...
screen-shot-2017-09-05-at-1-22-03-pm
Scott Cooper

Hostiles

7.5

È più moderno che classico Hostiles (e di sicuro non classicista), più crepuscolare che mitologico. Il film...
locandina
Andy Muschietti

It

7.5

E alla fine arrivò It. L’abbiamo sognato, temuto a lungo. Ci ha indottrinato a meraviglia grazie ai...
locandina
Jonathan Dayton, Valerie Faris

La battaglia dei sessi

6

È interessante il modo sottile, quasi “subdolo”, con cui La battaglia dei sessi racconta un personaggio per...
locandina
Leonardo Di Costanzo

L'intrusa

8

“Succede che per salvare qualcuno devi escludere altri.” E’ partito da qui Leonardo Di Costanzo, da un...
locandina
Denis Villeneuve

Blade Runner 2049

8

“Hai mai visto un miracolo?” chiede Dave Bautista a Ryan Gosling all’inizio di Blade Runner 2049. La...
Outrage-0-Coda-620x329
Takeshi Kitano

Outrage Coda

6.5

Con Outrage Coda Takeshi Kitano conclude la trilogia iniziata nel 2010 con Outrage e proseguita nel 2012 con Outrage Beyond, campione d’incassi,...