Ho dovuto aspettare il quinto film di Sofia Coppola, The Bling Ring, per capire che il suo cinema parla di una sola cosa: la noia. La cosa interessante è che ho avuto questa illuminazione durante il suo film meno convenzionalmente noioso di sempre, quello che fa uno sforzo in termini di trama e non potrebbe altrimenti, essendo basato eventi reali.
Galeotto fu un articolo di “Vanity Fair” ispirato all’incredibile truffa organizzata da cinque ragazzini ossessionati dalla fama che tra il 2008 e il 2009 hanno derubato le ville di Paris Hilton, di Orlando Bloom e di altri notabili di Hollywood. Il film è un ritratto abbastanza fedele, non moralista e non apologetico, di quello che succede quando sei adolescente e sai di essere “portato” per il denaro, la bellezza e la celebrità, ma ottuse circostanze materiali ti impediscono di dimostrarlo anche agli altri. La volontà di superare questa barriera spinge la teen gang verso il crimine, ma è difficile pensare che furti ai danni dei VIP siano davvero qualcosa di illegale. Pur non assolvendo i protagonisti, parte di The Bling Ring si basa su quest’ambiguità. Coppola non lo dice, è troppo furba e non è mai stata devota al cinema sociale, ma se non fosse colpa loro? Se fosse il sistema che li ha voluti così?

Il film regge: i dialoghi non sono artefatti e nonostante lo spazio eccessivo riservato a Emma Watson, il membro meno interessante della gang, la dinamica tra i ragazzi è godibile. La colonna sonora desta poche sorprese: che questi ragazzi ascoltino Azealia Banks e hip hop vario se lo aspettano un po’ tutti. The Bling Ring, come Spring Breakers, è un esempio efficace di tabloid cinema. Il film di Korine, però, parla di gangster mai esistiti e facendo uno sforzo di immaginazione, lisergico e sguaiato, astrae quelle figure dalla convenzionalità del reale, rendendole in qualche modo iconiche. È quello che dovrebbe fare un regista di talento, e Coppola lo è, ma qui si limita a fare la trasposizione di un fatto di cronaca. Onesta, ma senza guizzo. A questo punto non era meglio un documentario? Questa storia di adolescenti che bramano il lusso tende suo malgrado verso sociologismi che rischiano di far smarrire l’autrice in una schiera di registi che fanno la stessa cosa, ma meglio. Lascia perdere Hollywood, Coppola, e ridacci una sana estetica e indolente voglia di farla finita.

Pubblicato sul Mucchio 710

Ultime recensioni Cinema / Visioni
locandina
Liza Johnson

Elvis & Nixon

6.5

Negli Archivi Nazionali degli Stati Uniti d’America è conservata una fotografia datata 21 dicembre 1970 che è,...
locandina
Laurie Anderson

Heart of a Dog

9

Secondo la celebre definizione di Cocteau, il cinema è la morte al lavoro e la settima arte...
Wacken-3d-bd_cover
Norbert Heitker

Wacken - Louder than Hell

6.5

“I Beatles facevano schifo, gli Stones facevano schifo e anche i Led Zeppelin. Ma noi facciamo più...
foxcatcher-nuovo-trailer-e-locandina-del-dramma-con-channing-tatum-e-steve-carell-1
Bennett Miller

Foxcatcher

8

A dispetto delle apparenze, Foxcatcher non è un film biografico. Neanche sportivo. È un film storico che...
loc
Lucas Moodysson

We are the best

8

Ci sono film che ti fanno uscire dalla sala con il viso bagnato dalle lacrime, altri ti...
L1zsrAx
Xavier Dolan

Mommy

9

Quando sulle note di Wonderwall degli Oasis, il protagonista che corre sullo skate allarga l’inquadratura passando dall’immagine...
25498-deux-jours-une-nuit-film-des-freres-500x0-2
Jean-Pierre e Luc Dardenne

Deux jours, une nuit

8

Sono i beniamini del festival di Cannes, con due palme d’oro in carriera e molti riconoscimenti. E...
the-homesman
Tommy Lee Jones

The Homesman

8

Le tre sepolture, esordio alla regia dell’attore Tommy Lee Jones datato 2005, non era un fuoco di...
le-meraviglie-poster-italiano-alice-rohrwacher-2_news
Alice Rohrwacher

Le meraviglie

8

Opera seconda, dopo un esordio che era stato molto amato dalla critica e dai festival, che viene...
solo-gli-amanti-sopravvivono-film
Jim Jarmusch

Solo gli amanti sopravvivono

7.5

Ogni storia di vampiri che si rispetti è anche una storia di decadenza, emarginazione, tossicodipendenza, talvolta di...
winter_sleep_poster-620x835-1
Nuri Bilge Ceylan

Winter Sleep

9

Tra i luoghi comuni della critica cinematografica, ma anche letteraria, forse culturale in toto, è che la...
2014_05_NationalGalleryFlyerLight-page-001
Frederick Wiseman

National Gallery

8

Che sia il più grande documentarista vivente pare pacifico. Che Frederick Wiseman però, a più di 80...