Ho dovuto aspettare il quinto film di Sofia Coppola, The Bling Ring, per capire che il suo cinema parla di una sola cosa: la noia. La cosa interessante è che ho avuto questa illuminazione durante il suo film meno convenzionalmente noioso di sempre, quello che fa uno sforzo in termini di trama e non potrebbe altrimenti, essendo basato eventi reali.
Galeotto fu un articolo di “Vanity Fair” ispirato all’incredibile truffa organizzata da cinque ragazzini ossessionati dalla fama che tra il 2008 e il 2009 hanno derubato le ville di Paris Hilton, di Orlando Bloom e di altri notabili di Hollywood. Il film è un ritratto abbastanza fedele, non moralista e non apologetico, di quello che succede quando sei adolescente e sai di essere “portato” per il denaro, la bellezza e la celebrità, ma ottuse circostanze materiali ti impediscono di dimostrarlo anche agli altri. La volontà di superare questa barriera spinge la teen gang verso il crimine, ma è difficile pensare che furti ai danni dei VIP siano davvero qualcosa di illegale. Pur non assolvendo i protagonisti, parte di The Bling Ring si basa su quest’ambiguità. Coppola non lo dice, è troppo furba e non è mai stata devota al cinema sociale, ma se non fosse colpa loro? Se fosse il sistema che li ha voluti così?

Il film regge: i dialoghi non sono artefatti e nonostante lo spazio eccessivo riservato a Emma Watson, il membro meno interessante della gang, la dinamica tra i ragazzi è godibile. La colonna sonora desta poche sorprese: che questi ragazzi ascoltino Azealia Banks e hip hop vario se lo aspettano un po’ tutti. The Bling Ring, come Spring Breakers, è un esempio efficace di tabloid cinema. Il film di Korine, però, parla di gangster mai esistiti e facendo uno sforzo di immaginazione, lisergico e sguaiato, astrae quelle figure dalla convenzionalità del reale, rendendole in qualche modo iconiche. È quello che dovrebbe fare un regista di talento, e Coppola lo è, ma qui si limita a fare la trasposizione di un fatto di cronaca. Onesta, ma senza guizzo. A questo punto non era meglio un documentario? Questa storia di adolescenti che bramano il lusso tende suo malgrado verso sociologismi che rischiano di far smarrire l’autrice in una schiera di registi che fanno la stessa cosa, ma meglio. Lascia perdere Hollywood, Coppola, e ridacci una sana estetica e indolente voglia di farla finita.

Pubblicato sul Mucchio 710

Ultime recensioni Cinema / Visioni
locandina
Paul Verhoeven

Elle

8

Schermo nero e il suono della rottura di un vetro, poi gli occhi di un gatto che...
locandina
Moritz Siebert, Estephan Wagner, Abou Bakar Sidibé

Les Sauteurs

8

Se c’è un argomento che ci parla  dello spirito del tempo è il muro, il confine, la...
locandina
Jean-Loup Felicioli, Alain Gagnol

Phantom Boy

7

Un ragazzino leucemico viene ricoverato in ospedale per ricevere adeguate cure, conosce uno sbirro finito sulla sedia...
locandina
Pablo Larraìn

Jackie

8

Il volto in primo piano è quello che tutti conosciamo. Quello di un’icona del ventesimo secolo, una...
la-la-land-poster-festival
Damien Chazelle

La La Land

8

A un certo punto di Io e Annie Woody Allen, alla proposta di trasferirsi a Los Angeles,...
locandina
Benedetta Argentieri, Bruno Chiaravalloti, Claudio Jampaglia

Our War

8.5

Presentato Fuori Concorso alla 73° Mostra del Cinema di Venezia, Our War nasce dall’incontro tra i giornalisti...
locandina
Sergei Loznitsa

Austerlitz

8

Una macchina da presa fissa riprende il passaggio dei tanti turisti in visita nel campo di concentramento...
o-DOPO-AMORE-1-570
Joachim Lafosse

Dopo l'amore

8.5

La sequenza chiave di Dopo l’amore – nelle sale dopo i successi riscossi a Cannes e a...
locandina-2
Léa Fehner

Les Ogres

8

Se in una colonna sonora ricchissima a un certo punto appare “24 mila baci” di Adriano Celentano,...
arrival-nuova-locandina-in-italiano
Denis Villeneuve

Arrival

8.5

L’impressione è che Denis Villeneuve faccia film per diletto. I generi narrativi che gli servono allo scopo...
locandina
Martin Scorsese

Silence

9

Per più di 20 anni, Silence è stato il “prossimo film di Martin Scorsese”. Ora il progetto,...
locandina
Robert Zemeckis

Allied - Un'ombra nascosta

6

Tutto è più bello a Casablanca, anche la guerra. Max e Marianne si incontrano per la prima...
locandina
Morten Tyldum

Passengers

5

Si capisce che la sfiga è assoluta in Passengers sin dal principio. Immaginate gigantesca e lussuosa (astro)nave...
locandina
Gareth Edwards

Rogue One: A Star Wars Story

7

Parte contromano Rogue One: A Star Wars Story per i fedelissimi della fanfara di John Williams. Niente...
locandina
Gastón Duprat, Mariano Cohn

Il cittadino illustre

7.5

L’arte deve scuotere gli animi, nel bene o nel male. La letteratura e il cinema, in questo...