Ennesima casa infestata, altra buona ragione per costruirselo il domicilio, anziché affittare o acquistare le case degli altri. Certe dimore americane, piantate in mezzo a mendaci paradisi verdi con immancabile pontile su specchio d’acqua e albero secolare in giardino, e spettrali finestre che ti fissano astiose, sono tra le più fetenti in materia di film horror. E quindi set ideale di possessioni, oscure presenze e orrori che si perpetuano da un inquilino all’altro. Il cinema è il solo esorcismo davvero valido. Perché porta alla luce le tragedie sepolte e tenta di risolverle, talvolta riuscendovi. Qualcosa del genere accade anche in L’evocazione – The Conjuring, superbrivido estivo diretto da James Wan, il giovane regista conosciuto grazie a Saw e pure per Insidious, di cui questo film pare quasi un’appendice più riuscita e più spaventosa. La sola impertinenza, che forse ha frenato inizialmente la realizzazione della sceneggiatura del duo Chad e Carey Hayes prima di ottenere luce verde dalla New Line, il fatto che The Conjuring si ispira a eventi reali. La coppia di “esorcisti” barra indagatori psichici, Ed e Lorraine Warren, è piuttosto nota ai cultori del genere e non è nuova nemmeno al mondo del cinema: dietro Amityville Horror si allungano infatti le loro ombre investigative.

Come reale è la famiglia Perron, protagonista del film. Si trasferiscono in questa vecchia casa, padre madre e cinque figliole. C’è anche un cane che di varcare la soglia, neanche morto. Triste presagio. Lo troveranno comunque defunto in giardino, al limitare del quale troneggia appunto albero secolare e un pontile. Gli eventi funesti non tardano a manifestarsi, incrociati alle avventure dei coniugi Warren abituati a filmare le loro indagini e trasformarle in conferenze pubbliche. Tre i livelli di guardia, prima di incomodare il Vaticano per rituale autorizzazione esorcistica. Ma intanto le cose per i Perron si mettono piuttosto male con un finale già nella disposizione d’animo ideale per i sequel che – ovviamente – New Line ha in progetto grazie al successo americano della pellicola.

L’ambientazione vintage, l’azione si svolge nel 1971, sembra fatta apposta per ridurre l’invasiva presenza di effetti, trasformando la vecchia dimora in un labirinto di stanze e cunicoli che celano un orrore avvinghiato al buio o agli angoli più nascosti che la mdp va a scovare per terroristico bisogno di spaventare a morte il pubblico. Nulla da eccepire: o Wan è bravo di suo, o sa quali angoli stanare. Prende il terrore per i capelli e non solo lui, restituendolo sullo schermo con sorprendente perfezione. Il mix Poltergeist (uno staff si insedia in casa) più L’esorcista (ma senza prete in azione) compiono il resto del miracolo, incrementando il valore di pellicole come questa o il recente Sinister dotati entrambi di presenze demoniache spersonalizzate dagli stereotipi e più efficaci nel dare la caccia alle loro vittime. Ottima la performance di Vera Farmiga, materna nei panni di Lorraine Warren, e con una classe nel gestire l’orrore che mette in ombra il resto del cast.

 

 

 

 

Ultime recensioni Cinema / Visioni
locandina
David Michôd

War Machine

6

Un paio di gambe storte sorregge un corpo rigidamente costretto in una postura dall’aria innaturale: è la...
mucchio_blame_poster
Dal 20 maggio su Netflix

Blame

6.5

Almodovar, pietà. Il cinema made in Netflix è una figata. Soprattutto se recapitato per tutti, nello stesso...
8o8
Lynne Ramsay

You Were Never Really Here

7

Il cinema di Lynne Ramsay è un cinema psico-patologico, in cui il delirio dei personaggi si rispecchia...
yju545
François Ozon

L'amant double

4

Non si può dire che L’amant double, il nuovo film di François Ozon, non sia chiaro fin...
kkkk
Ben Safdie, Joshua Safdie

Good Time

7.5

La vitalità del cinema nasce spesso dalle sue contraddizioni: Good Time dei fratelli Ben e Joshua Safdie...
grrere
Eugene Jarecki

Promised land

7.5

“Mister I ain’t a boy, no I’m a man\and I believe in a promised land”. E’ il...
vfewry
Sean Baker

The Florida project

8

Dall’iPhone al 35 millimetri, per Sean Baker il sogno americano e le sue declinazioni passano anche dal...
locandina
Fabio Grassadonia, Antonio Piazza

Sicilian Ghost Story

6

In un bosco che somiglia a quello delle fiabe, due giovani adolescenti si scambiano un bacio affettuoso....
tyutyu
Robert Campillo

120 battements par minute

8

Un cuore accelerato o un ritmo travolgente che possono essere sinonimi o contrari. Per Robin Campillo i...
locandina
Todd Haynes

Wonderstruck

8

Questo è un racconto che richiede pazienza e lentezza. Lo scrive Julianne Moore al piccolo protagonista di...
locandina
Terrence Malick

Song to Song

8

«Non c’è nessuna forma d’arte come il cinema per colpire la coscienza, scuotere le emozioni e raggiungere...
622506603
Rossella Schillaci

Libere

8

La Resistenza raccontata da Rossella Schillaci in Libere, documentario in uscita il 20 aprile nelle sale italiane,...
locandina
Paul Verhoeven

Elle

8

Schermo nero e il suono della rottura di un vetro, poi gli occhi di un gatto che...