Ennesima casa infestata, altra buona ragione per costruirselo il domicilio, anziché affittare o acquistare le case degli altri. Certe dimore americane, piantate in mezzo a mendaci paradisi verdi con immancabile pontile su specchio d’acqua e albero secolare in giardino, e spettrali finestre che ti fissano astiose, sono tra le più fetenti in materia di film horror. E quindi set ideale di possessioni, oscure presenze e orrori che si perpetuano da un inquilino all’altro. Il cinema è il solo esorcismo davvero valido. Perché porta alla luce le tragedie sepolte e tenta di risolverle, talvolta riuscendovi. Qualcosa del genere accade anche in L’evocazione – The Conjuring, superbrivido estivo diretto da James Wan, il giovane regista conosciuto grazie a Saw e pure per Insidious, di cui questo film pare quasi un’appendice più riuscita e più spaventosa. La sola impertinenza, che forse ha frenato inizialmente la realizzazione della sceneggiatura del duo Chad e Carey Hayes prima di ottenere luce verde dalla New Line, il fatto che The Conjuring si ispira a eventi reali. La coppia di “esorcisti” barra indagatori psichici, Ed e Lorraine Warren, è piuttosto nota ai cultori del genere e non è nuova nemmeno al mondo del cinema: dietro Amityville Horror si allungano infatti le loro ombre investigative.

Come reale è la famiglia Perron, protagonista del film. Si trasferiscono in questa vecchia casa, padre madre e cinque figliole. C’è anche un cane che di varcare la soglia, neanche morto. Triste presagio. Lo troveranno comunque defunto in giardino, al limitare del quale troneggia appunto albero secolare e un pontile. Gli eventi funesti non tardano a manifestarsi, incrociati alle avventure dei coniugi Warren abituati a filmare le loro indagini e trasformarle in conferenze pubbliche. Tre i livelli di guardia, prima di incomodare il Vaticano per rituale autorizzazione esorcistica. Ma intanto le cose per i Perron si mettono piuttosto male con un finale già nella disposizione d’animo ideale per i sequel che – ovviamente – New Line ha in progetto grazie al successo americano della pellicola.

L’ambientazione vintage, l’azione si svolge nel 1971, sembra fatta apposta per ridurre l’invasiva presenza di effetti, trasformando la vecchia dimora in un labirinto di stanze e cunicoli che celano un orrore avvinghiato al buio o agli angoli più nascosti che la mdp va a scovare per terroristico bisogno di spaventare a morte il pubblico. Nulla da eccepire: o Wan è bravo di suo, o sa quali angoli stanare. Prende il terrore per i capelli e non solo lui, restituendolo sullo schermo con sorprendente perfezione. Il mix Poltergeist (uno staff si insedia in casa) più L’esorcista (ma senza prete in azione) compiono il resto del miracolo, incrementando il valore di pellicole come questa o il recente Sinister dotati entrambi di presenze demoniache spersonalizzate dagli stereotipi e più efficaci nel dare la caccia alle loro vittime. Ottima la performance di Vera Farmiga, materna nei panni di Lorraine Warren, e con una classe nel gestire l’orrore che mette in ombra il resto del cast.

 

 

 

 

Ultime recensioni Cinema / Visioni
locandina
Liza Johnson

Elvis & Nixon

6.5

Negli Archivi Nazionali degli Stati Uniti d’America è conservata una fotografia datata 21 dicembre 1970 che è,...
locandina
Laurie Anderson

Heart of a Dog

9

Secondo la celebre definizione di Cocteau, il cinema è la morte al lavoro e la settima arte...
Wacken-3d-bd_cover
Norbert Heitker

Wacken - Louder than Hell

6.5

“I Beatles facevano schifo, gli Stones facevano schifo e anche i Led Zeppelin. Ma noi facciamo più...
foxcatcher-nuovo-trailer-e-locandina-del-dramma-con-channing-tatum-e-steve-carell-1
Bennett Miller

Foxcatcher

8

A dispetto delle apparenze, Foxcatcher non è un film biografico. Neanche sportivo. È un film storico che...
loc
Lucas Moodysson

We are the best

8

Ci sono film che ti fanno uscire dalla sala con il viso bagnato dalle lacrime, altri ti...
L1zsrAx
Xavier Dolan

Mommy

9

Quando sulle note di Wonderwall degli Oasis, il protagonista che corre sullo skate allarga l’inquadratura passando dall’immagine...
25498-deux-jours-une-nuit-film-des-freres-500x0-2
Jean-Pierre e Luc Dardenne

Deux jours, une nuit

8

Sono i beniamini del festival di Cannes, con due palme d’oro in carriera e molti riconoscimenti. E...
the-homesman
Tommy Lee Jones

The Homesman

8

Le tre sepolture, esordio alla regia dell’attore Tommy Lee Jones datato 2005, non era un fuoco di...
le-meraviglie-poster-italiano-alice-rohrwacher-2_news
Alice Rohrwacher

Le meraviglie

8

Opera seconda, dopo un esordio che era stato molto amato dalla critica e dai festival, che viene...
solo-gli-amanti-sopravvivono-film
Jim Jarmusch

Solo gli amanti sopravvivono

7.5

Ogni storia di vampiri che si rispetti è anche una storia di decadenza, emarginazione, tossicodipendenza, talvolta di...
winter_sleep_poster-620x835-1
Nuri Bilge Ceylan

Winter Sleep

9

Tra i luoghi comuni della critica cinematografica, ma anche letteraria, forse culturale in toto, è che la...
2014_05_NationalGalleryFlyerLight-page-001
Frederick Wiseman

National Gallery

8

Che sia il più grande documentarista vivente pare pacifico. Che Frederick Wiseman però, a più di 80...