Dall’iPhone al 35 millimetri, per Sean Baker il sogno americano e le sue declinazioni passano anche dal formato dei suoi film. Dopo il cellulare con cui ha girato Tangerine, il regista americano ha realizzato il nuovo The Florida Project nel formato del cinema classico con i colori e le frontiere dell’immaginario hollywoodiano per rileggere tutto a suo modo.

Ambientato in un comprensorio alle porte di Orlando, a pochi passi da Disney World, il film racconta la storia di due bambine vivaci e pestiferi, di una madre sbalestrata che cerca di dare loro la miglior vita possibile e di tutte le difficoltà che incontrano: comuni, quotidiane, implacabili. Scritto dal regista e Chris Bergoch, The Florida Project è un dramma quotidiano e minimo nel racconto ma iperrealista e appassionato nello stile che racconta cosa ne è oggi dei valori di vita a stelle strisce guardandoli però ad altezza di bambino.

Più che il rapporto tra le piccole attrici e la madre e più che la questione sociale del sottoproletariato americano, il vero soggetto del film di Baker è la spontaneità della vita fuori asse che racconta, la ribellione anarchica e tenerissima di una famiglia al mondo che le circonda, in cui le risate e gli sberleffi celano una rabbia sopita ma mai rancorosa: per questo The Florida Project nonostante le apparenze non è un film pop, ma è un film popolare, in cui c’è l’amore per tutto ciò che riguarda i personaggi, in cui c’è la voglia di superare ogni difficoltà con la forza del sogno, del gioco o del cinema come nel finale meraviglioso e impossibile: non a caso in quella fuga per la libertà il 35 millimetri torna a essere digitale, la musica dance o hip hop diventa orchestrale, il castello Disney suggella il sogno.

Baker conferma uno sguardo lucido e acuto che sa catturare la vita oltre il pensiero, anzi che diventa pensiero attraverso una fotografia che reinterpreta i colori, li ribalta di senso, li usa come strumenti di gioia e di lotta sottilmente politica proprio nel suo rifiuto di ogni autorità: un film davvero indipendente e profondamente contemporaneo, che non rincorre alcuna moda e sa creare un suo minuscolo, forse, ma pulsante immaginario.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
53917
Yorgos Lanthimos

Il sacrificio del cervo sacro

6.5

Indubbiamente l’unica salvezza di un film che pare non dare scampo a nessuno dei suoi personaggi è...
31170285_383905158779450_5862019829438873600_n
Yann Gonzalez

Knife + Heart

5

Di materiale per divertirsi nel nuovo film di Yann Gonzalez ce ne sarebbe parecchio: un assassino mascherato...
30420767-160224807978263-4557987999146023396-o_187a
Matteo Garrone

Dogman

8

In una storia che trasuderebbe vendetta, violenza, disagio mentale, atrocità fisiche degne del migliore (o peggiore) torture...
locandina (2)
Ron Howard

Solo: A Star Wars Story

7

L’universo di Star Wars è talmente pieno di immaginari – tra trilogie ufficiali, spin-off, serie animate, romanzi...
locandina
Ramin Bahrani

Fahrenheit 451

5

Saranno in molti a rimanere delusi dopo la visione di Fahrenheit 451, remake del film diretto da...
locandina (1)
Lars von Trier

The House That Jack Built

6

Primo titolo alternativo facile facile per The House that Jack Built, il nuovo film di Lars von...
Lazzaro_Felice_Poster_Film_FestivalCannes2018
Alice Rohrwacher

Lazzaro Felice

7

Il tempo si è fermato in Lazzaro felice, per Lazzaro e per la sua comunità. E il...
coverlg
Paul Dano

Wildlife

7

Montana, anni ’60. Una giovane famiglia americana come tante si è da poco trasferita in una nuova...
locandina
Asghar Farhadi

Everybody Knows

5.5

Una vecchia regola dell’analisi del film dice che dalla prima sequenza, a volte dai titoli di testa,...
loro-2-silvio-servillo
Paolo Sorrentino

Loro 2

8

“Essere buoni conviene”. Una filosofia di vita, di economia e soprattutto di politica: la bontà come merce...
121430920-a984694f-d13d-4700-a5a4-199d673d0ae0
Paolo Sorrentino

Loro 1

SV

Tutto documentato. Tutto arbitrario. Tutto vero e tutto falso. Ma anche tutto troppo. Paolo Sorrentino ci tiene...
Tonya-poster
Craig Gillespie

Tonya

8

Questa è la storia di Tonya Harding, pattinatrice americana, e del suo tonfo professionale avvenuto nel 1994...
locandina
Steven Spielberg

Ready Player One

7.5

Sembra voler rispondere a una precisa domanda Ready Player One, il nuovo film di Steven Spielberg che...
locandina
Alex Garland

Annientamento

8.5

Il lavoro che Alex Garland fa sulla fascinazione in Annientamento è fortissimo, tanto da diventare un futuro...