Le tre sepolture, esordio alla regia dell’attore Tommy Lee Jones datato 2005, non era un fuoco di paglia. Lo dimostra senza dubbio al Festival di Cannes 2014, con The Homesman, il suo secondo film per il cinema (da vedere anche Sunset Limited per HBO), con il quale conferma di essere un autore di talento e grande forza.

Ispirato al romanzo di Glendon Swarthout, The Homesman è la storia di una donna (Hilary Swank) celibe che acconsente di accompagnare dall’altro lato del paese, nell’America del 19° secolo, tre donne divenute folli a un ricovero. Tra pericoli e difficoltà avrà al suo fianco un uomo che lei ha salvato dall’impiccagione. Scritto da Jones, Kieran Fitzgerald, Wesley A. Oliver e Miles Hood Swarthout, The Homesman è un western che cerca di unire lo spirito acre e disperato di Peckinpah con l’umanesimo di John Ford.

E Jones riesce nell’impresa con un film che sa trasformare un racconto e una narrazione apparentemente freddi, cinici e distaccati, fatti di crudeltà, imbarazzi quotidiani, ironia anche nei confronti del genere, in attimi di commozione, emozione, intensità etica e umana, per raccontare il viaggio di un’umanità folle ma mai disperata, capace di fare la cosa giusta a qualsiasi prezzo e per qualsiasi prezzo, ribaltando costantemente il nichilismo o l’idealismo nei rispettivi contrari.

Come storyteller, Jones è praticamente infallibile, come regista dimostra di essere il più grande westerner in circolazione: senso dello spazio, del tempo, del racconto e della messinscena formidabili, epica e pathos, capacità di dosare i tocchi e grande gestione degli attori. E soprattutto la consapevolezza che uno sguardo, un cenno all’apparenza minimo può portare calore e commozione nel pubblico: ai grandi registi basta un piccolo gesto sincero, per aprire un mondo nello spettatore. Jones è un grande regista.

 

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
locandina
Janus Metz Pedersen

Borg McEnroe

6

Si dice che il tennis sia uno sport poco adatto al cinema. Per cercare di smentire questa...
gospel_604_alk_s_binder2_016-h_2017
Jennifer Lebeau

Trouble No More

6.5

“Puoi chiamarmi Bobby, puoi chiamarmi Zimmy /Puoi chiamarmi in ogni modo ma non importa quello che tu...
v1.bTsxMjMyNzU0OTtqOzE3NTEyOzEyMDA7Mjg0OzQwNQ
Philippe Van Leeuw

Insyriated

5.5

La guerra in Siria, o in un luogo analogo, fa parte dell’oppressione quotidiana, non è una tensione...
54108
Paolo e Vittorio Taviani

Una questione privata

5

È il 1943. Sulle colline delle Langhe le brigate dei partigiani combattono i fascisti. Gli scontri sono...
screen-shot-2017-09-05-at-1-22-03-pm
Scott Cooper

Hostiles

7.5

È più moderno che classico Hostiles (e di sicuro non classicista), più crepuscolare che mitologico. Il film...
locandina
Andy Muschietti

It

7.5

E alla fine arrivò It. L’abbiamo sognato, temuto a lungo. Ci ha indottrinato a meraviglia grazie ai...
locandina
Jonathan Dayton, Valerie Faris

La battaglia dei sessi

6

È interessante il modo sottile, quasi “subdolo”, con cui La battaglia dei sessi racconta un personaggio per...
locandina
Leonardo Di Costanzo

L'intrusa

8

“Succede che per salvare qualcuno devi escludere altri.” E’ partito da qui Leonardo Di Costanzo, da un...
locandina
Denis Villeneuve

Blade Runner 2049

8

“Hai mai visto un miracolo?” chiede Dave Bautista a Ryan Gosling all’inizio di Blade Runner 2049. La...
Outrage-0-Coda-620x329
Takeshi Kitano

Outrage Coda

6.5

Con Outrage Coda Takeshi Kitano conclude la trilogia iniziata nel 2010 con Outrage e proseguita nel 2012 con Outrage Beyond, campione d’incassi,...
HANNAH-Charlotte-Rampling-2017-1
Andrea Pallaoro

Hannah

5.5

Lunga vita a chi cerca nuove strade e toni originali per raccontare le storie al cinema, purchè...
lou_luttiau_shain_boumedine_ophelie_bau
Abdellatif Kechiche

Mektoub, My Love: Canto uno

7

Ci sono infiniti modi di essere curiosi della vita e di volerla esplorare cinematograficamente. Osservare i personaggi...
morelli-e-rossi-ammore-e-malavita
Manetti Bros

Ammore e malavita

7.5

‘Parigi ha la Tour Eiffel, Roma ha il Colosseo e Napoli ha le vele di Scampìa’: comincia...
sakamoto-coda
Stephen Schible

Ryuichi Sakamoto: Coda

6.5

In conferenza stampa Ryūichi Sakamoto continua a muovere le dita. A Venezia74 per presentare il docufilm girato...
coverlg
Frederick Wiseman

Ex libris

7.5

“Così può essere l’uomo: esternamente un lupo, ma nell’anima un unicorno”: siamo alla New York Public Library,...
coverlg
Paolo Virzì

The Leisure Seeker

7.5

Alla prima di The Leisure Seeker, in concorso a Venezia74, gli applausi per Paolo Virzì scattano già ai...