Chi lascia la sala prima della fine della proiezione e chi applaude ai titoli di coda. Il cinema di Guillermo Del Toro è così, deve piacere il genere, sempre ammesso che si riesca a racchiudere in un solo genere la multiformità di stimoli che caratterizza tutti i suoi film. A due anni di distanza da Crimson Peak, il regista messicano torna con una favola che definisce come un ‘antidoto contro il cinismo’: la storia d’amore di due esseri irregolari nell’anno che vede scoppiare la Crisi dei Missili a Cuba. “Eppure l’America del 2017” dice Del Toro “non è poi tanto diversa da quella del 1962 che ho scelto di portare sullo schermo: ancora si dibatte con gli stessi problemi legati al razzismo e al sessismo. Sono messicano, so bene cosa significa essere guardato come diverso.” E il Diverso, nel film, non ha solo le squame della creatura anfibia rinvenuta nel fondo delle acque amazzoniche, proprio come Il Mostro della Laguna, film cult del cinema horror del 1954 di cui ‘il mostro’ ha pressoché le stesse fattezze. Sally Hawkins, la pluripremiata attrice britannica protagonista del film ha una menomazione fisica, i suoi amici un colore della pelle non socialmente accettato o un’inclinazione affettiva che può essere pericoloso esprimere.

Eppure, per quanto totalmente condotto su un piano di fantasia, Del Toro definisce il suo film estremamente politico, nella misura in cui svegliarsi al mattino e non accettare di cedere alla paura rappresenta l’atto politico per eccellenza, perché capace di cambiare lo status quo. Un Teorema di Pasolini con pesce, come lo stessa regista ha definito la storia, in cui la creatura è l’unico personaggio della storia a non avere un nome perché tende ad assumere i contorni di una differente rappresentazione per ciascuno dei personaggi, proprio come nel film di Pasolini. Del Toro ammette di essere più interessato all’impatto emozionale delle immagini rispetto alle parole, tanto da aver cominciato a pensare alla fotografia tre anni prima di cominciare le riprese ed aver speso ben sei ore per settare le luci della scena che vede l’unione dei due protagonisti. Il plot, infatti, non scatena particolare tensione nemmeno quando viene inserito un preciso timing in pieno stile film d’azione. I personaggi sono statici nella loro definizione manichea, e non basta una spia russa dal cuore tenero infiltrata in un laboratorio di ricerca americano in piena Guerra Fredda a rimescolare le carte in tavola: si dichiara fin da subito che si tratta di una favola, con tanto di voce narrante in apertura della storia per sdoganare ogni tipo di eccentricità o distopia. La colonna sonora di Alexandre Desplat scorre tra romanticismo e atmosfere più oscure: una caratteristica tutta francese spiega Desplat, che si è ispirato all’acqua per creare un suono fluido e collocare lo spettatore al punto giusto delle emozioni, un attimo prima che queste prendano a virare verso l’eccesso. E al rumor che circola in rete riguardo al fatto che The Shape of Water possa considerarsi il prequel di Hellboy, Del Toro risponde “Non più di quanto un qualunque film con giungla e gorilla debba essere un prequel di King Kong.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
locandina
Woody Allen

La ruota delle meraviglie

4.5

“Ho qualche guaio tra fantasia e realtà”: lo diceva Alvy/Allen in Io e Annie. Era il 1977...
locandina
Julien Temple

My Life Story

7

Più che un film, My Life Story è una testimonianza di cosa sia un entertainer, di cosa...
254690
Kantemir Balagov

Closeness

7.5

Comunicare la desolazione è cosa molto differente dall’esprimere la depressione. In quella sfumatura tra mimesi piatta e...
locandina
Colin Trevorrow

Il libro di Henry

5

La recensione più breve del mondo: Il libro di Henry sucks. Lo si scrive con un po’...
locandina
Kathryn Bigelow

Detroit

9

Kathryn Bigelow sta al cinema d’azione come George Romero sta al cinema d’orrore: ha introdotto nel genere,...
locandina
Janus Metz Pedersen

Borg McEnroe

6

Si dice che il tennis sia uno sport poco adatto al cinema. Per cercare di smentire questa...
gospel_604_alk_s_binder2_016-h_2017
Jennifer Lebeau

Trouble No More

6.5

“Puoi chiamarmi Bobby, puoi chiamarmi Zimmy /Puoi chiamarmi in ogni modo ma non importa quello che tu...
v1.bTsxMjMyNzU0OTtqOzE3NTEyOzEyMDA7Mjg0OzQwNQ
Philippe Van Leeuw

Insyriated

5.5

La guerra in Siria, o in un luogo analogo, fa parte dell’oppressione quotidiana, non è una tensione...
54108
Paolo e Vittorio Taviani

Una questione privata

5

È il 1943. Sulle colline delle Langhe le brigate dei partigiani combattono i fascisti. Gli scontri sono...
screen-shot-2017-09-05-at-1-22-03-pm
Scott Cooper

Hostiles

7.5

È più moderno che classico Hostiles (e di sicuro non classicista), più crepuscolare che mitologico. Il film...
locandina
Andy Muschietti

It

7.5

E alla fine arrivò It. L’abbiamo sognato, temuto a lungo. Ci ha indottrinato a meraviglia grazie ai...
locandina
Jonathan Dayton, Valerie Faris

La battaglia dei sessi

6

È interessante il modo sottile, quasi “subdolo”, con cui La battaglia dei sessi racconta un personaggio per...
locandina
Leonardo Di Costanzo

L'intrusa

8

“Succede che per salvare qualcuno devi escludere altri.” E’ partito da qui Leonardo Di Costanzo, da un...
locandina
Denis Villeneuve

Blade Runner 2049

8

“Hai mai visto un miracolo?” chiede Dave Bautista a Ryan Gosling all’inizio di Blade Runner 2049. La...
Outrage-0-Coda-620x329
Takeshi Kitano

Outrage Coda

6.5

Con Outrage Coda Takeshi Kitano conclude la trilogia iniziata nel 2010 con Outrage e proseguita nel 2012 con Outrage Beyond, campione d’incassi,...