Tra le poche certezze del cinefilo, soprattutto di quello che viene in trasferta al Torino Film Festival, c’è il livello del cinema di genere sud-coreano. Sotto la Mole, una delle fucine industriali più ricche dell’oriente presenta uno dei film horror più attesi e acclamati dell’anno: The Wailing diretto da Na Hong-jin e già presentato con successo a Cannes. Ma, come a volte capita con i prodotti dell’estremo oriente (per esempio, Sion Sono) l’aura di culto prevale sull’effettivo valore del prodotto.

Il film racconta di una strana epidemia di morti, comportamenti assurdi e gente che si putrefà in vita dentro una comunità sulle colline. Un poliziotto, che sta seguendo questi casi, si trova coinvolto in prima persona quando quello che si presume essere uno spirito s’impossessa della figlia. Da dove arriva il male? E come affrontarlo? Con l’aiuto spirituale di uno sciamano o attraverso mezzi eminentemente umani? La sceneggiatura di Na Hong-jin parte da elementi tipici dell’horror demoniaco per spostarsi con i minuti (molti, circa due ore e mezza, forse troppi) in territori più esoterici e ancestrali cercando di fondere un certo gusto antropologico con uno spirito più convenzionale e commerciale.

Na sa certamente gestire l’atmosfera: il gusto bizzarro e l’andamento buffonesco – con un protagonista che sembra Pinotto e una coppia di poliziotti non proprio acuti – lasciano lo spazio poco a poco a un tocco sempre più cupo e disperato, così come gli ambienti passano dall’urbanità alla natura che fa da sfondo allo scontro tra forze del bene e del male. E The Wailing sa come creare uno scontro apocalittico che cova sotto la quotidianità, mostrando l’umanità come frutto, spesso marcio, di ciò che avviene oltre la nostra comprensione.

I limiti principali del film, che si fa forte della competenza dietro la macchina da presa del suo autore, e di una bella cura di sonoro e montaggio, sono in un meccanismo narrativo altalenante e poco compatto e soprattutto in un tono sempre survoltato, sempre sopra le righe, in cui i crescendo – fatta eccezione per il duello a distanza tra lo sciamano e il “demone” giapponese, ottimo – sono sottolineati da urla continue, da attori che sovra-recitano senza posa, spegnendo così la tensione filmica. Non abbastanza per giustificare il culto quindi, ma sufficiente per chi cerca qualche dose di turbamento a tratti insolito.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
okja-poster-1
Bong Joon-ho

Okja

7.5

La pietra dello scandalo. Il film che al recente festival di Cannes ha fatto scattare la fatwa...
locandina
David Michôd

War Machine

6

Un paio di gambe storte sorregge un corpo rigidamente costretto in una postura dall’aria innaturale: è la...
mucchio_blame_poster
Dal 20 maggio su Netflix

Blame

6.5

Almodovar, pietà. Il cinema made in Netflix è una figata. Soprattutto se recapitato per tutti, nello stesso...
8o8
Lynne Ramsay

You Were Never Really Here

7

Il cinema di Lynne Ramsay è un cinema psico-patologico, in cui il delirio dei personaggi si rispecchia...
yju545
François Ozon

L'amant double

4

Non si può dire che L’amant double, il nuovo film di François Ozon, non sia chiaro fin...
kkkk
Ben Safdie, Joshua Safdie

Good Time

7.5

La vitalità del cinema nasce spesso dalle sue contraddizioni: Good Time dei fratelli Ben e Joshua Safdie...
grrere
Eugene Jarecki

Promised land

7.5

“Mister I ain’t a boy, no I’m a man\and I believe in a promised land”. E’ il...
vfewry
Sean Baker

The Florida project

8

Dall’iPhone al 35 millimetri, per Sean Baker il sogno americano e le sue declinazioni passano anche dal...
locandina
Fabio Grassadonia, Antonio Piazza

Sicilian Ghost Story

6

In un bosco che somiglia a quello delle fiabe, due giovani adolescenti si scambiano un bacio affettuoso....
tyutyu
Robert Campillo

120 battements par minute

8

Un cuore accelerato o un ritmo travolgente che possono essere sinonimi o contrari. Per Robin Campillo i...
locandina
Todd Haynes

Wonderstruck

8

Questo è un racconto che richiede pazienza e lentezza. Lo scrive Julianne Moore al piccolo protagonista di...
locandina
Terrence Malick

Song to Song

8

«Non c’è nessuna forma d’arte come il cinema per colpire la coscienza, scuotere le emozioni e raggiungere...
622506603
Rossella Schillaci

Libere

8

La Resistenza raccontata da Rossella Schillaci in Libere, documentario in uscita il 20 aprile nelle sale italiane,...