Tra le poche certezze del cinefilo, soprattutto di quello che viene in trasferta al Torino Film Festival, c’è il livello del cinema di genere sud-coreano. Sotto la Mole, una delle fucine industriali più ricche dell’oriente presenta uno dei film horror più attesi e acclamati dell’anno: The Wailing diretto da Na Hong-jin e già presentato con successo a Cannes. Ma, come a volte capita con i prodotti dell’estremo oriente (per esempio, Sion Sono) l’aura di culto prevale sull’effettivo valore del prodotto.

Il film racconta di una strana epidemia di morti, comportamenti assurdi e gente che si putrefà in vita dentro una comunità sulle colline. Un poliziotto, che sta seguendo questi casi, si trova coinvolto in prima persona quando quello che si presume essere uno spirito s’impossessa della figlia. Da dove arriva il male? E come affrontarlo? Con l’aiuto spirituale di uno sciamano o attraverso mezzi eminentemente umani? La sceneggiatura di Na Hong-jin parte da elementi tipici dell’horror demoniaco per spostarsi con i minuti (molti, circa due ore e mezza, forse troppi) in territori più esoterici e ancestrali cercando di fondere un certo gusto antropologico con uno spirito più convenzionale e commerciale.

Na sa certamente gestire l’atmosfera: il gusto bizzarro e l’andamento buffonesco – con un protagonista che sembra Pinotto e una coppia di poliziotti non proprio acuti – lasciano lo spazio poco a poco a un tocco sempre più cupo e disperato, così come gli ambienti passano dall’urbanità alla natura che fa da sfondo allo scontro tra forze del bene e del male. E The Wailing sa come creare uno scontro apocalittico che cova sotto la quotidianità, mostrando l’umanità come frutto, spesso marcio, di ciò che avviene oltre la nostra comprensione.

I limiti principali del film, che si fa forte della competenza dietro la macchina da presa del suo autore, e di una bella cura di sonoro e montaggio, sono in un meccanismo narrativo altalenante e poco compatto e soprattutto in un tono sempre survoltato, sempre sopra le righe, in cui i crescendo – fatta eccezione per il duello a distanza tra lo sciamano e il “demone” giapponese, ottimo – sono sottolineati da urla continue, da attori che sovra-recitano senza posa, spegnendo così la tensione filmica. Non abbastanza per giustificare il culto quindi, ma sufficiente per chi cerca qualche dose di turbamento a tratti insolito.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
locandina
Woody Allen

La ruota delle meraviglie

4.5

“Ho qualche guaio tra fantasia e realtà”: lo diceva Alvy/Allen in Io e Annie. Era il 1977...
locandina
Julien Temple

My Life Story

7

Più che un film, My Life Story è una testimonianza di cosa sia un entertainer, di cosa...
254690
Kantemir Balagov

Closeness

7.5

Comunicare la desolazione è cosa molto differente dall’esprimere la depressione. In quella sfumatura tra mimesi piatta e...
locandina
Colin Trevorrow

Il libro di Henry

5

La recensione più breve del mondo: Il libro di Henry sucks. Lo si scrive con un po’...
locandina
Kathryn Bigelow

Detroit

9

Kathryn Bigelow sta al cinema d’azione come George Romero sta al cinema d’orrore: ha introdotto nel genere,...
locandina
Janus Metz Pedersen

Borg McEnroe

6

Si dice che il tennis sia uno sport poco adatto al cinema. Per cercare di smentire questa...
gospel_604_alk_s_binder2_016-h_2017
Jennifer Lebeau

Trouble No More

6.5

“Puoi chiamarmi Bobby, puoi chiamarmi Zimmy /Puoi chiamarmi in ogni modo ma non importa quello che tu...
v1.bTsxMjMyNzU0OTtqOzE3NTEyOzEyMDA7Mjg0OzQwNQ
Philippe Van Leeuw

Insyriated

5.5

La guerra in Siria, o in un luogo analogo, fa parte dell’oppressione quotidiana, non è una tensione...
54108
Paolo e Vittorio Taviani

Una questione privata

5

È il 1943. Sulle colline delle Langhe le brigate dei partigiani combattono i fascisti. Gli scontri sono...
screen-shot-2017-09-05-at-1-22-03-pm
Scott Cooper

Hostiles

7.5

È più moderno che classico Hostiles (e di sicuro non classicista), più crepuscolare che mitologico. Il film...
locandina
Andy Muschietti

It

7.5

E alla fine arrivò It. L’abbiamo sognato, temuto a lungo. Ci ha indottrinato a meraviglia grazie ai...
locandina
Jonathan Dayton, Valerie Faris

La battaglia dei sessi

6

È interessante il modo sottile, quasi “subdolo”, con cui La battaglia dei sessi racconta un personaggio per...
locandina
Leonardo Di Costanzo

L'intrusa

8

“Succede che per salvare qualcuno devi escludere altri.” E’ partito da qui Leonardo Di Costanzo, da un...
locandina
Denis Villeneuve

Blade Runner 2049

8

“Hai mai visto un miracolo?” chiede Dave Bautista a Ryan Gosling all’inizio di Blade Runner 2049. La...
Outrage-0-Coda-620x329
Takeshi Kitano

Outrage Coda

6.5

Con Outrage Coda Takeshi Kitano conclude la trilogia iniziata nel 2010 con Outrage e proseguita nel 2012 con Outrage Beyond, campione d’incassi,...