Tra le poche certezze del cinefilo, soprattutto di quello che viene in trasferta al Torino Film Festival, c’è il livello del cinema di genere sud-coreano. Sotto la Mole, una delle fucine industriali più ricche dell’oriente presenta uno dei film horror più attesi e acclamati dell’anno: The Wailing diretto da Na Hong-jin e già presentato con successo a Cannes. Ma, come a volte capita con i prodotti dell’estremo oriente (per esempio, Sion Sono) l’aura di culto prevale sull’effettivo valore del prodotto.

Il film racconta di una strana epidemia di morti, comportamenti assurdi e gente che si putrefà in vita dentro una comunità sulle colline. Un poliziotto, che sta seguendo questi casi, si trova coinvolto in prima persona quando quello che si presume essere uno spirito s’impossessa della figlia. Da dove arriva il male? E come affrontarlo? Con l’aiuto spirituale di uno sciamano o attraverso mezzi eminentemente umani? La sceneggiatura di Na Hong-jin parte da elementi tipici dell’horror demoniaco per spostarsi con i minuti (molti, circa due ore e mezza, forse troppi) in territori più esoterici e ancestrali cercando di fondere un certo gusto antropologico con uno spirito più convenzionale e commerciale.

Na sa certamente gestire l’atmosfera: il gusto bizzarro e l’andamento buffonesco – con un protagonista che sembra Pinotto e una coppia di poliziotti non proprio acuti – lasciano lo spazio poco a poco a un tocco sempre più cupo e disperato, così come gli ambienti passano dall’urbanità alla natura che fa da sfondo allo scontro tra forze del bene e del male. E The Wailing sa come creare uno scontro apocalittico che cova sotto la quotidianità, mostrando l’umanità come frutto, spesso marcio, di ciò che avviene oltre la nostra comprensione.

I limiti principali del film, che si fa forte della competenza dietro la macchina da presa del suo autore, e di una bella cura di sonoro e montaggio, sono in un meccanismo narrativo altalenante e poco compatto e soprattutto in un tono sempre survoltato, sempre sopra le righe, in cui i crescendo – fatta eccezione per il duello a distanza tra lo sciamano e il “demone” giapponese, ottimo – sono sottolineati da urla continue, da attori che sovra-recitano senza posa, spegnendo così la tensione filmica. Non abbastanza per giustificare il culto quindi, ma sufficiente per chi cerca qualche dose di turbamento a tratti insolito.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
31170285_383905158779450_5862019829438873600_n
Yann Gonzalez

Knife + Heart

5

Di materiale per divertirsi nel nuovo film di Yann Gonzalez ce ne sarebbe parecchio: un assassino mascherato...
30420767-160224807978263-4557987999146023396-o_187a
Matteo Garrone

Dogman

8

In una storia che trasuderebbe vendetta, violenza, disagio mentale, atrocità fisiche degne del migliore (o peggiore) torture...
locandina (2)
Ron Howard

Solo: A Star Wars Story

7

L’universo di Star Wars è talmente pieno di immaginari – tra trilogie ufficiali, spin-off, serie animate, romanzi...
locandina
Ramin Bahrani

Fahrenheit 451

5

Saranno in molti a rimanere delusi dopo la visione di Fahrenheit 451, remake del film diretto da...
locandina (1)
Lars von Trier

The House That Jack Built

6

Primo titolo alternativo facile facile per The House that Jack Built, il nuovo film di Lars von...
Lazzaro_Felice_Poster_Film_FestivalCannes2018
Alice Rohrwacher

Lazzaro Felice

7

Il tempo si è fermato in Lazzaro felice, per Lazzaro e per la sua comunità. E il...
coverlg
Paul Dano

Wildlife

7

Montana, anni ’60. Una giovane famiglia americana come tante si è da poco trasferita in una nuova...
locandina
Asghar Farhadi

Everybody Knows

5.5

Una vecchia regola dell’analisi del film dice che dalla prima sequenza, a volte dai titoli di testa,...
loro-2-silvio-servillo
Paolo Sorrentino

Loro 2

8

“Essere buoni conviene”. Una filosofia di vita, di economia e soprattutto di politica: la bontà come merce...
121430920-a984694f-d13d-4700-a5a4-199d673d0ae0
Paolo Sorrentino

Loro 1

SV

Tutto documentato. Tutto arbitrario. Tutto vero e tutto falso. Ma anche tutto troppo. Paolo Sorrentino ci tiene...
Tonya-poster
Craig Gillespie

Tonya

8

Questa è la storia di Tonya Harding, pattinatrice americana, e del suo tonfo professionale avvenuto nel 1994...
locandina
Steven Spielberg

Ready Player One

7.5

Sembra voler rispondere a una precisa domanda Ready Player One, il nuovo film di Steven Spielberg che...
locandina
Alex Garland

Annientamento

8.5

Il lavoro che Alex Garland fa sulla fascinazione in Annientamento è fortissimo, tanto da diventare un futuro...