Forse la fantascienza ha davvero smesso di dire tutto 20 o 30 anni fa, con l’apparizione del cyberpunk e dell’epica della nuova carne. Si spiegherebbe così perché il genere, al cinema o in letteratura, abbia perso forza e spessore e soprattutto capacità immaginifica. Ennesima prova, stavolta quasi lampante, è Transcendence, film con cui Wally Pfister, direttore della fotografia di Christopher Nolan (altro paladino della fantascienza contemporanea) esordisce alla regia.

Il film racconta di uno scienziato che in un futuro prossimo crea una macchina senziente capace di riprodurre la coscienza animale, come un enorme hard disk in cui immettere i dati cognitivi e non solo di un essere umano. Per questo, cade vittima di un attentato da parte di fondamentalisti. Si salverà caricando i suoi dati nella macchina, ma il nuovo sé che nascerà sarà più pericoloso che messianico.

Scritto da Jack Paglen, Transcendence è un dramma fantascientifico, dalle sfumature apocalittiche, che sembra un romanzo di Michael Crichton (il modo in cui agiscono le nano particelle ricorda Preda) infiltrato con tutte le riflessioni narrative o scientifiche degli ultimi 30 anni, partendo da un Johnny Depp in versione Max Headroom.

Cuore del film, e unica idea originale, è quella di un Internet delle persone, dopo il previsto Internet delle cose, una versione della connettività 4.0, in cui gli esseri umani attraverso intelligenze artificiali e connettori diventano un’unica rete fisica e senziente, oggettiva e soggettiva, organica e inorganica: Pfister parte dalla riproducibilità della coscienza e arriva all’essere umano totale e totalizzante.

A ben vedere però non ci si scosta dalla poetica dell’Invasione degli ultracorpi (1956, Don Siegel), non arrivando più in là di una banale e manichea contrapposizione tra natura buona e tecnologica cattiva, portando quasi a giustificare le azioni criminali dei terroristi di inizio film. Ma al di là delle carenze di approfondimento e della discutibile morale, Transcendence fallisce in sostanza perché a spunti e risvolti già visti, trattati, immagazzinati nell’immaginario non fa corrispondere un modo forte o nuovo di raccontarli, gli immaginari raccontati non si aprono a nuove possibilità, né vengono reinventati. Restano spenti e vuoti.

Esattamente come personaggi e attori, senza spina dorsale narrativa, senza vita e senza espressività, proprio come Johnny Depp, atteso al varco dopo anni di baracconate disneyane e qui costretto a (non) recitare a fare l’immagine di se stesso, la statua di cera di un attore, segno di un declino coinciso con la possibile rinascita. Una rinascita a cui nessuno, dal regista agli spettatori, hanno creduto.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
Outrage-0-Coda-620x329
Takeshi Kitano

Outrage Coda

6.5

Con Outrage Coda Takeshi Kitano conclude la trilogia iniziata nel 2010 con Outrage e proseguita nel 2012 con Outrage Beyond, campione d’incassi,...
HANNAH-Charlotte-Rampling-2017-1
Andrea Pallaoro

Hannah

5.5

Lunga vita a chi cerca nuove strade e toni originali per raccontare le storie al cinema, purchè...
lou_luttiau_shain_boumedine_ophelie_bau
Abdellatif Kechiche

Mektoub, My Love: Canto uno

7

Ci sono infiniti modi di essere curiosi della vita e di volerla esplorare cinematograficamente. Osservare i personaggi...
morelli-e-rossi-ammore-e-malavita
Manetti Bros

Ammore e malavita

7.5

‘Parigi ha la Tour Eiffel, Roma ha il Colosseo e Napoli ha le vele di Scampìa’: comincia...
sakamoto-coda
Stephen Schible

Ryuichi Sakamoto: Coda

6.5

In conferenza stampa Ryūichi Sakamoto continua a muovere le dita. A Venezia74 per presentare il docufilm girato...
coverlg
Frederick Wiseman

Ex libris

7.5

“Così può essere l’uomo: esternamente un lupo, ma nell’anima un unicorno”: siamo alla New York Public Library,...
coverlg
Paolo Virzì

The Leisure Seeker

7.5

Alla prima di The Leisure Seeker, in concorso a Venezia74, gli applausi per Paolo Virzì scattano già ai...
Lean-on-Pete-3-e1504274174891
Andrew Haigh

Lean on Pete

5

Di Lean on Pete di Andrew Haigh, film in Concorso a Venezia74, si potrebbero prevedere i punti...
DE7gkh6XcAA5Lso
Ritesh Batra

Our Souls at Night

8

Jane Fonda e Robert Redford, Leoni d’Oro alla carriera a Venezia74, sono i protagonisti di una delicata...
the-shape-of-water-trailer
Guillermo Del Toro

The Shape of Water

6

Chi lascia la sala prima della fine della proiezione e chi applaude ai titoli di coda. Il cinema...
59a6c77a88212
Alexander Payne

Downsizing

8

Avrebbe potuto rischiare di essere l’ennesimo film di fantascienza, Downsizing di Alexander Payne, se i suoi minuscoli...
okja-poster-1
Bong Joon-ho

Okja

7.5

La pietra dello scandalo. Il film che al recente festival di Cannes ha fatto scattare la fatwa...
locandina
David Michôd

War Machine

6

Un paio di gambe storte sorregge un corpo rigidamente costretto in una postura dall’aria innaturale: è la...
mucchio_blame_poster
Dal 20 maggio su Netflix

Blame

6.5

Almodovar, pietà. Il cinema made in Netflix è una figata. Soprattutto se recapitato per tutti, nello stesso...
8o8
Lynne Ramsay

You Were Never Really Here

7

Il cinema di Lynne Ramsay è un cinema psico-patologico, in cui il delirio dei personaggi si rispecchia...
yju545
François Ozon

L'amant double

4

Non si può dire che L’amant double, il nuovo film di François Ozon, non sia chiaro fin...