Forse la fantascienza ha davvero smesso di dire tutto 20 o 30 anni fa, con l’apparizione del cyberpunk e dell’epica della nuova carne. Si spiegherebbe così perché il genere, al cinema o in letteratura, abbia perso forza e spessore e soprattutto capacità immaginifica. Ennesima prova, stavolta quasi lampante, è Transcendence, film con cui Wally Pfister, direttore della fotografia di Christopher Nolan (altro paladino della fantascienza contemporanea) esordisce alla regia.

Il film racconta di uno scienziato che in un futuro prossimo crea una macchina senziente capace di riprodurre la coscienza animale, come un enorme hard disk in cui immettere i dati cognitivi e non solo di un essere umano. Per questo, cade vittima di un attentato da parte di fondamentalisti. Si salverà caricando i suoi dati nella macchina, ma il nuovo sé che nascerà sarà più pericoloso che messianico.

Scritto da Jack Paglen, Transcendence è un dramma fantascientifico, dalle sfumature apocalittiche, che sembra un romanzo di Michael Crichton (il modo in cui agiscono le nano particelle ricorda Preda) infiltrato con tutte le riflessioni narrative o scientifiche degli ultimi 30 anni, partendo da un Johnny Depp in versione Max Headroom.

Cuore del film, e unica idea originale, è quella di un Internet delle persone, dopo il previsto Internet delle cose, una versione della connettività 4.0, in cui gli esseri umani attraverso intelligenze artificiali e connettori diventano un’unica rete fisica e senziente, oggettiva e soggettiva, organica e inorganica: Pfister parte dalla riproducibilità della coscienza e arriva all’essere umano totale e totalizzante.

A ben vedere però non ci si scosta dalla poetica dell’Invasione degli ultracorpi (1956, Don Siegel), non arrivando più in là di una banale e manichea contrapposizione tra natura buona e tecnologica cattiva, portando quasi a giustificare le azioni criminali dei terroristi di inizio film. Ma al di là delle carenze di approfondimento e della discutibile morale, Transcendence fallisce in sostanza perché a spunti e risvolti già visti, trattati, immagazzinati nell’immaginario non fa corrispondere un modo forte o nuovo di raccontarli, gli immaginari raccontati non si aprono a nuove possibilità, né vengono reinventati. Restano spenti e vuoti.

Esattamente come personaggi e attori, senza spina dorsale narrativa, senza vita e senza espressività, proprio come Johnny Depp, atteso al varco dopo anni di baracconate disneyane e qui costretto a (non) recitare a fare l’immagine di se stesso, la statua di cera di un attore, segno di un declino coinciso con la possibile rinascita. Una rinascita a cui nessuno, dal regista agli spettatori, hanno creduto.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
locandina
Woody Allen

La ruota delle meraviglie

4.5

“Ho qualche guaio tra fantasia e realtà”: lo diceva Alvy/Allen in Io e Annie. Era il 1977...
locandina
Julien Temple

My Life Story

7

Più che un film, My Life Story è una testimonianza di cosa sia un entertainer, di cosa...
254690
Kantemir Balagov

Closeness

7.5

Comunicare la desolazione è cosa molto differente dall’esprimere la depressione. In quella sfumatura tra mimesi piatta e...
locandina
Colin Trevorrow

Il libro di Henry

5

La recensione più breve del mondo: Il libro di Henry sucks. Lo si scrive con un po’...
locandina
Kathryn Bigelow

Detroit

9

Kathryn Bigelow sta al cinema d’azione come George Romero sta al cinema d’orrore: ha introdotto nel genere,...
locandina
Janus Metz Pedersen

Borg McEnroe

6

Si dice che il tennis sia uno sport poco adatto al cinema. Per cercare di smentire questa...
gospel_604_alk_s_binder2_016-h_2017
Jennifer Lebeau

Trouble No More

6.5

“Puoi chiamarmi Bobby, puoi chiamarmi Zimmy /Puoi chiamarmi in ogni modo ma non importa quello che tu...
v1.bTsxMjMyNzU0OTtqOzE3NTEyOzEyMDA7Mjg0OzQwNQ
Philippe Van Leeuw

Insyriated

5.5

La guerra in Siria, o in un luogo analogo, fa parte dell’oppressione quotidiana, non è una tensione...
54108
Paolo e Vittorio Taviani

Una questione privata

5

È il 1943. Sulle colline delle Langhe le brigate dei partigiani combattono i fascisti. Gli scontri sono...
screen-shot-2017-09-05-at-1-22-03-pm
Scott Cooper

Hostiles

7.5

È più moderno che classico Hostiles (e di sicuro non classicista), più crepuscolare che mitologico. Il film...
locandina
Andy Muschietti

It

7.5

E alla fine arrivò It. L’abbiamo sognato, temuto a lungo. Ci ha indottrinato a meraviglia grazie ai...
locandina
Jonathan Dayton, Valerie Faris

La battaglia dei sessi

6

È interessante il modo sottile, quasi “subdolo”, con cui La battaglia dei sessi racconta un personaggio per...
locandina
Leonardo Di Costanzo

L'intrusa

8

“Succede che per salvare qualcuno devi escludere altri.” E’ partito da qui Leonardo Di Costanzo, da un...
locandina
Denis Villeneuve

Blade Runner 2049

8

“Hai mai visto un miracolo?” chiede Dave Bautista a Ryan Gosling all’inizio di Blade Runner 2049. La...
Outrage-0-Coda-620x329
Takeshi Kitano

Outrage Coda

6.5

Con Outrage Coda Takeshi Kitano conclude la trilogia iniziata nel 2010 con Outrage e proseguita nel 2012 con Outrage Beyond, campione d’incassi,...