È il 1943. Sulle colline delle Langhe le brigate dei partigiani combattono i fascisti. Gli scontri sono sanguinosi e violenti. Le vite umane diventano merce di scambio. Tra i giovani della resistenza, Milton si distingue per il suo carattere schivo e per la sua cultura. Vive nel ricordo del passato, quando le giornate si trascorrevano in villa con l’amata Fulvia e l’amico Giorgio. Quello è il tempo che tiene in vita Milton, un istante sospeso al quale appartengono due sentimenti potenti: l’amore per Fulvia, forse contraccambiato, e l’amicizia per Giorgio, ora anche lui partigiano. Nel presente c’è la guerra, la lotta per la vita. Tuttavia, tra la fitta nebbia, Milton intravede un appiglio per tornare a rivivere, anche solo per un attimo, quella perduta felicità. Va a cercarla in quella stessa villa, fonte di speranze mai sopite, ma invece di trovare sollievo Milton incontra il dubbio: forse Fulvia ha amato Giorgio. Forse era tutto un sogno. Forse tutto è perduto.

I fratelli Taviani, dopo Cesare deve morire e Meraviglioso Boccaccio, con Una questione privata continuano a sperimentare una scrittura e una messa in scena che mescolano teatro e cinema. Lasciando sullo sfondo una guerra che disumanizza le persone, da qualunque parte si trovino a combattere, i registi si concentrano sul dramma di Milton, un giovane di grande sensibilità e cultura che ha dovuto sostituire la penna con il fucile. I suoi pensieri e tutti i suoi sentimenti sono rivolti a Fulvia, la donna che ama e che ha dovuto vedere andar via. È per lui un’ancora di salvezza: la bussola che gli impedisce di smarrirsi nell’incomprensibilità della guerra, un faro di luce che riesce a fendere la fitta nebbia che oscura i luoghi e la mente del giovane combattente.

Ma questo potenziale introspettivo, che potrebbe sondare una grande umanità, nella scrittura dei Taviani non riesce a realizzarsi. Nel triangolo d’amore e amicizia che Fenoglio aveva così ben delineato, i personaggi di Fulvia e Giorgio sono appena accennati. Ricostruire il dramma di Milton, afflitto da un dubbio che lo porta a rasentare la follia, diventa quindi un compito arduo, estremo per chi non conosce l’omonimo romanzo. Le suggestioni stilistiche, anche visive, rimandano a un cinema d’altri tempi, lontano dalla poetica contemporanea, ma questo non sarebbe un male se la realizzazione risultasse più realistica e fluida.

La distinzione tra la dimensione del ricordo e l’attualità, ad esempio, è netta e agevolata da stilemi classici – un insistito contrasto tra colori caldi e freddi – ma non coinvolge, impedendo alla liricità del testo di emergere in tutta la sua potenza espressiva. I personaggi si mescolano indistintamente perdendo la loro identità, ma non per una sorta di metaforico livellamento: si percepisce una certa confusione di fondo, una sorta di frustrazione che somiglia al muoversi a tentoni nella foschia, elemento sul quale si insiste, troppo, e con esiti talvolta del tutto inverosimili. Quello dei Taviani è un cinema che lavora sulle certezze (registiche), ma mai come in questo caso sarebbe stato meglio abbandonarle per lasciare alla storia il tempo e lo spazio di raccontarsi. Probabilmente ottenendo un risultato migliore.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
locandina
Christopher McQuarrie

Mission: Impossible - Fallout

7

Giungono fondamentali conferme dall’ultimo episodio di Mission: Impossible. Una, neanche tanto sorprendente, riguarda il sempre gagliardo Tom...
locandina
Ari Aster

Hereditary

8

Meno male che l’hanno intuito tutti che Hereditary – Le radici del male marcia a un altro...
locandina
Gary Ross

Ocean's 8

6

Pace all’anima di Danny Ocean. In tutti i sensi. Più che giusto quindi che a ereditare il...
locandina
Rodrigo Cortés

Dark Hall

4

Il nuovo film di Rodrigo Cortés (Buried) ha un sottotitolo. Non immediatamente visibile: a volte ritornano. Un...
53917
Yorgos Lanthimos

Il sacrificio del cervo sacro

6.5

Indubbiamente l’unica salvezza di un film che pare non dare scampo a nessuno dei suoi personaggi è...
31170285_383905158779450_5862019829438873600_n
Yann Gonzalez

Knife + Heart

5

Di materiale per divertirsi nel nuovo film di Yann Gonzalez ce ne sarebbe parecchio: un assassino mascherato...
30420767-160224807978263-4557987999146023396-o_187a
Matteo Garrone

Dogman

8

In una storia che trasuderebbe vendetta, violenza, disagio mentale, atrocità fisiche degne del migliore (o peggiore) torture...
locandina (2)
Ron Howard

Solo: A Star Wars Story

7

L’universo di Star Wars è talmente pieno di immaginari – tra trilogie ufficiali, spin-off, serie animate, romanzi...
locandina
Ramin Bahrani

Fahrenheit 451

5

Saranno in molti a rimanere delusi dopo la visione di Fahrenheit 451, remake del film diretto da...
locandina (1)
Lars von Trier

The House That Jack Built

6

Primo titolo alternativo facile facile per The House that Jack Built, il nuovo film di Lars von...
Lazzaro_Felice_Poster_Film_FestivalCannes2018
Alice Rohrwacher

Lazzaro Felice

7

Il tempo si è fermato in Lazzaro felice, per Lazzaro e per la sua comunità. E il...
coverlg
Paul Dano

Wildlife

7

Montana, anni ’60. Una giovane famiglia americana come tante si è da poco trasferita in una nuova...
locandina
Asghar Farhadi

Everybody Knows

5.5

Una vecchia regola dell’analisi del film dice che dalla prima sequenza, a volte dai titoli di testa,...
loro-2-silvio-servillo
Paolo Sorrentino

Loro 2

8

“Essere buoni conviene”. Una filosofia di vita, di economia e soprattutto di politica: la bontà come merce...
121430920-a984694f-d13d-4700-a5a4-199d673d0ae0
Paolo Sorrentino

Loro 1

SV

Tutto documentato. Tutto arbitrario. Tutto vero e tutto falso. Ma anche tutto troppo. Paolo Sorrentino ci tiene...