I Beatles facevano schifo, gli Stones facevano schifo e anche i Led Zeppelin. Ma noi facciamo più schifo di tutti”, parola del leader dei Ragnarok, gruppo black metal norvegese. Una delle decine di band che ogni anno si riuniscono a Wacken per dare vita al più grande festival metal del mondo. Quel festival è al centro di un documentario evento che è nelle sale per due giorni, il 24 e il 25 novembre, dal titolo Wacken – Louder than Hell, per la regia del tedesco Norbert Heitker.

Wacken è un paesino di nemmeno 2000 persone, che ogni anno dal 1990 fa arrivare decine di migliaia di persone per sentire tutto il meglio dell’hard-rock e dell’heavy metal mondiale: il film racconta il concerto del 2013 mostrando le immagini delle più importanti band sul palco (Alice Cooper, Rammstein, Deep Purple, Motorhead e molti altri), i gruppi emergenti che si sfidano nella metal battle e lo spirito del pubblico che ogni anno da tutto il mondo  va a vederlo e costruisce il suo anno nella preparazione dell’evento facendo registrare il tutto esaurito un anno prima dell’evento.

Heitker sceglie di concentrarsi sul pubblico, di far vivere il festival dal punto di vista degli spettatori: ne prende alcuni di loro e li segue nei diversi modi che ognuno di loro ha di vivere il Wacken Open Air, riuscendo così a restituire, in bilico tra spottone di lusso e reportage, il senso di un festival – il luogo, la logistica, la gente che lo frequenta, l’atmosfera – trasmettendone l’odore tipico di erba (da calpestare e da fumare), sudore, birra e gioia e soprattutto del genere musicale a cui si consacra. In quasi 2 ore, Wacken – Louder than Hell racconta cosa è l’heavy metal e perché resiste imperterrito alle crisi e alle mode. Al di là dei suoni e dei vari stili, nell’heavy metal c’è uno spirito comunitario che aiuta a superare ogni tipi di impasse creativo, culturale e finanziario, per cui vedi gli Anvil che bevono birra con degli sconosciuti musicisti dando loro dei consigli, noti i Saxon sotto il palco degli emergenti per capire cosa sarà il futuro del metal, senti Scott Ian degli Anthrax riflettere su come il metal, con la sua voglia di distruggere e ricostruire, la sua fedeltà a se stessi e ai propri ideali musicali, la capacità di sondare tutti i lati della musica, sia un salvavita.

E’ chiaro poi che al fan, sulla cui misura è costruito il film di Heitker, interessa soprattutto la musica: abbondante in ogni caso, anche per la scelta inconsueta di concentrarsi per la parte centrale sulla gara tra emergenti (segnaliamo i Barbarian Horde, metal folk dalla Romania). Ovviamente, anche per sfruttare l’altrimenti inutile stereoscopia, il meglio viene dai gruppi che uniscono musica e parte visuale, come i contundenti Rammstein (Du Hast) e il sempre grand-guignolesco Alice Cooper in una splendida versione di School’s Out che diventa Another Brick in the Wall. Ma per chi vuole due ore di suonie poetiche “estreme”, Wacken – Louder than Hell e l’ideale, a prescindere se amate il riff di Smoke on the Water, la filosofia di Henry Rollins o lo screaming di Black Messiah.

05_Wacken_Copyright ICS Festival Service GmbH, Foto_ Dirk Illing

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
locandina
Ari Aster

Hereditary

8

Meno male che l’hanno intuito tutti che Hereditary – Le radici del male marcia a un altro...
locandina
Gary Ross

Ocean's 8

6

Pace all’anima di Danny Ocean. In tutti i sensi. Più che giusto quindi che a ereditare il...
locandina
Rodrigo Cortés

Dark Hall

4

Il nuovo film di Rodrigo Cortés (Buried) ha un sottotitolo. Non immediatamente visibile: a volte ritornano. Un...
53917
Yorgos Lanthimos

Il sacrificio del cervo sacro

6.5

Indubbiamente l’unica salvezza di un film che pare non dare scampo a nessuno dei suoi personaggi è...
31170285_383905158779450_5862019829438873600_n
Yann Gonzalez

Knife + Heart

5

Di materiale per divertirsi nel nuovo film di Yann Gonzalez ce ne sarebbe parecchio: un assassino mascherato...
30420767-160224807978263-4557987999146023396-o_187a
Matteo Garrone

Dogman

8

In una storia che trasuderebbe vendetta, violenza, disagio mentale, atrocità fisiche degne del migliore (o peggiore) torture...
locandina (2)
Ron Howard

Solo: A Star Wars Story

7

L’universo di Star Wars è talmente pieno di immaginari – tra trilogie ufficiali, spin-off, serie animate, romanzi...
locandina
Ramin Bahrani

Fahrenheit 451

5

Saranno in molti a rimanere delusi dopo la visione di Fahrenheit 451, remake del film diretto da...
locandina (1)
Lars von Trier

The House That Jack Built

6

Primo titolo alternativo facile facile per The House that Jack Built, il nuovo film di Lars von...
Lazzaro_Felice_Poster_Film_FestivalCannes2018
Alice Rohrwacher

Lazzaro Felice

7

Il tempo si è fermato in Lazzaro felice, per Lazzaro e per la sua comunità. E il...
coverlg
Paul Dano

Wildlife

7

Montana, anni ’60. Una giovane famiglia americana come tante si è da poco trasferita in una nuova...
locandina
Asghar Farhadi

Everybody Knows

5.5

Una vecchia regola dell’analisi del film dice che dalla prima sequenza, a volte dai titoli di testa,...
loro-2-silvio-servillo
Paolo Sorrentino

Loro 2

8

“Essere buoni conviene”. Una filosofia di vita, di economia e soprattutto di politica: la bontà come merce...
121430920-a984694f-d13d-4700-a5a4-199d673d0ae0
Paolo Sorrentino

Loro 1

SV

Tutto documentato. Tutto arbitrario. Tutto vero e tutto falso. Ma anche tutto troppo. Paolo Sorrentino ci tiene...
Tonya-poster
Craig Gillespie

Tonya

8

Questa è la storia di Tonya Harding, pattinatrice americana, e del suo tonfo professionale avvenuto nel 1994...