Un paio di gambe storte sorregge un corpo rigidamente costretto in una postura dall’aria innaturale: è la doppia natura del generale Glen McMahon, così come lo vede il regista David Michôd nel suo War Machine. Una figura autorevole ma al tempo stesso dissociata dalla realtà, un uomo pronto a guidare una guerra, quella in Afghanistan, che prende forma nell’ossimoro di un invasore che tende una mano armata per portare pace e stabilità.

È il 2009 e il generale McMahon, meglio definito da soprannomi come “boss” o “Glenimal”, viene messo al comando della “guerra eterna”, quella che solo lui, con strategie mirate e una precisa organizzazione che i suoi fedelissimi sono pronti a seguire, pensa di poter condurre a un trionfante compimento. Ma ciò che fin dall’inizio non gli è chiaro, pur essendone completamente inconsapevole, è che cosa s’intenda, in questo caso, per vittoria. Da questo terribile misunderstanding Michôd costruisce una narrazione che si muove a metà tra la satira politica e la tragedia umana, con al centro un uomo, McMahon, che è manifestazione di entrambi questi poli.

Basato sul libro The Operators: The Wild And Terrifying Inside Story Of Americas War In Afghanistan, il film è il tentativo di decostruire con ironia la moderna mitologia militare. La volontà di fare, e di fare bene, si scontra con una politica che usa un vocabolario diverso, ma anche con una realtà crudele che fa appello alla sensibilità più intima dell’uomo nascosto sotto la divisa del generale. Michôd non sempre riesce a trovare un punto di equilibrio, e questo rende a tratti la visione un po’ faticosa (come dev’essere la corsa che McMahon affronta ogni mattina, con quel portamento goffo e ingessato), ma quando le scene lo concedono (come nell’incontro con Hamid Karzai o con la rappresentante del parlamento tedesco) l’intento satirico trova la sua perfetta collocazione, e McMahon si trasforma nel perfetto protagonista tragicomico. Un soldato grottesco e irrisolto in una guerra che gli somiglia in tutto e per tutto.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
31170285_383905158779450_5862019829438873600_n
Yann Gonzalez

Knife + Heart

5

Di materiale per divertirsi nel nuovo film di Yann Gonzalez ce ne sarebbe parecchio: un assassino mascherato...
30420767-160224807978263-4557987999146023396-o_187a
Matteo Garrone

Dogman

8

In una storia che trasuderebbe vendetta, violenza, disagio mentale, atrocità fisiche degne del migliore (o peggiore) torture...
locandina (2)
Ron Howard

Solo: A Star Wars Story

7

L’universo di Star Wars è talmente pieno di immaginari – tra trilogie ufficiali, spin-off, serie animate, romanzi...
locandina
Ramin Bahrani

Fahrenheit 451

5

Saranno in molti a rimanere delusi dopo la visione di Fahrenheit 451, remake del film diretto da...
locandina (1)
Lars von Trier

The House That Jack Built

6

Primo titolo alternativo facile facile per The House that Jack Built, il nuovo film di Lars von...
Lazzaro_Felice_Poster_Film_FestivalCannes2018
Alice Rohrwacher

Lazzaro Felice

7

Il tempo si è fermato in Lazzaro felice, per Lazzaro e per la sua comunità. E il...
coverlg
Paul Dano

Wildlife

7

Montana, anni ’60. Una giovane famiglia americana come tante si è da poco trasferita in una nuova...
locandina
Asghar Farhadi

Everybody Knows

5.5

Una vecchia regola dell’analisi del film dice che dalla prima sequenza, a volte dai titoli di testa,...
loro-2-silvio-servillo
Paolo Sorrentino

Loro 2

8

“Essere buoni conviene”. Una filosofia di vita, di economia e soprattutto di politica: la bontà come merce...
121430920-a984694f-d13d-4700-a5a4-199d673d0ae0
Paolo Sorrentino

Loro 1

SV

Tutto documentato. Tutto arbitrario. Tutto vero e tutto falso. Ma anche tutto troppo. Paolo Sorrentino ci tiene...
Tonya-poster
Craig Gillespie

Tonya

8

Questa è la storia di Tonya Harding, pattinatrice americana, e del suo tonfo professionale avvenuto nel 1994...
locandina
Steven Spielberg

Ready Player One

7.5

Sembra voler rispondere a una precisa domanda Ready Player One, il nuovo film di Steven Spielberg che...
locandina
Alex Garland

Annientamento

8.5

Il lavoro che Alex Garland fa sulla fascinazione in Annientamento è fortissimo, tanto da diventare un futuro...