Un paio di gambe storte sorregge un corpo rigidamente costretto in una postura dall’aria innaturale: è la doppia natura del generale Glen McMahon, così come lo vede il regista David Michôd nel suo War Machine. Una figura autorevole ma al tempo stesso dissociata dalla realtà, un uomo pronto a guidare una guerra, quella in Afghanistan, che prende forma nell’ossimoro di un invasore che tende una mano armata per portare pace e stabilità.

È il 2009 e il generale McMahon, meglio definito da soprannomi come “boss” o “Glenimal”, viene messo al comando della “guerra eterna”, quella che solo lui, con strategie mirate e una precisa organizzazione che i suoi fedelissimi sono pronti a seguire, pensa di poter condurre a un trionfante compimento. Ma ciò che fin dall’inizio non gli è chiaro, pur essendone completamente inconsapevole, è che cosa s’intenda, in questo caso, per vittoria. Da questo terribile misunderstanding Michôd costruisce una narrazione che si muove a metà tra la satira politica e la tragedia umana, con al centro un uomo, McMahon, che è manifestazione di entrambi questi poli.

Basato sul libro The Operators: The Wild And Terrifying Inside Story Of Americas War In Afghanistan, il film è il tentativo di decostruire con ironia la moderna mitologia militare. La volontà di fare, e di fare bene, si scontra con una politica che usa un vocabolario diverso, ma anche con una realtà crudele che fa appello alla sensibilità più intima dell’uomo nascosto sotto la divisa del generale. Michôd non sempre riesce a trovare un punto di equilibrio, e questo rende a tratti la visione un po’ faticosa (come dev’essere la corsa che McMahon affronta ogni mattina, con quel portamento goffo e ingessato), ma quando le scene lo concedono (come nell’incontro con Hamid Karzai o con la rappresentante del parlamento tedesco) l’intento satirico trova la sua perfetta collocazione, e McMahon si trasforma nel perfetto protagonista tragicomico. Un soldato grottesco e irrisolto in una guerra che gli somiglia in tutto e per tutto.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
locandina
Damiano D'Innocenzo, Fabio D'Innocenzo

La terra dell'abbastanza

6.5

Sembra uno spin-off di Gomorra, La terra dell’abbastanza, l’esordio dei gemelli D’Innocenzo presentato con un notevole riscontro all’ultimo...
locandina
Paul Thomas Anderson

Il filo nascosto

9

Reynolds Woodcock è un abile sarto che veste l’aristocrazia della Londra degli anni Cinquanta. I suoi abiti...
locandina
Steven Soderbergh

Unsane

8

Ci pensava già da un paio d’anni, Steven Soderbergh, a girare un film con l’iPhone e l’occasione...
locandina
José Padilha

7 Days in Entebbe

7

La vicenda è nota: nel 1976 il Fronte per la liberazione della Palestina dirotta un aereo francese...
locandina-ver
Laura Bispuri

Figlia mia

7.5

“E perché la devi curare? É malata?” Ecco, Figlia mia sta tutto qui, in questo confronto tra due donne...
locandina
Christian Duguay

Un sacchetto di biglie

7.5

Nella Parigi invasa dai nazisti, Joseph Joffo e il fratello Maurice si divertono spensierati. Il padre Roman...
locandina
Woody Allen

La ruota delle meraviglie

4.5

“Ho qualche guaio tra fantasia e realtà”: lo diceva Alvy/Allen in Io e Annie. Era il 1977...
locandina
Julien Temple

My Life Story

7

Più che un film, My Life Story è una testimonianza di cosa sia un entertainer, di cosa...
254690
Kantemir Balagov

Closeness

7.5

Comunicare la desolazione è cosa molto differente dall’esprimere la depressione. In quella sfumatura tra mimesi piatta e...
locandina
Colin Trevorrow

Il libro di Henry

5

La recensione più breve del mondo: Il libro di Henry sucks. Lo si scrive con un po’...
locandina
Kathryn Bigelow

Detroit

9

Kathryn Bigelow sta al cinema d’azione come George Romero sta al cinema d’orrore: ha introdotto nel genere,...
locandina
Janus Metz Pedersen

Borg McEnroe

6

Si dice che il tennis sia uno sport poco adatto al cinema. Per cercare di smentire questa...
gospel_604_alk_s_binder2_016-h_2017
Jennifer Lebeau

Trouble No More

6.5

“Puoi chiamarmi Bobby, puoi chiamarmi Zimmy /Puoi chiamarmi in ogni modo ma non importa quello che tu...
v1.bTsxMjMyNzU0OTtqOzE3NTEyOzEyMDA7Mjg0OzQwNQ
Philippe Van Leeuw

Insyriated

5.5

La guerra in Siria, o in un luogo analogo, fa parte dell’oppressione quotidiana, non è una tensione...