Tra i luoghi comuni della critica cinematografica, ma anche letteraria, forse culturale in toto, è che la sintesi sia un pregio e la prolissità un difetto. No, se il “superfluo” con cui arricchisci l’essenziale è interessante quanto se non di più dell’essenziale stesso. Questa riflessione è fondamentale lungo le tre ore e un quarto di Winter Sleep, film di Nuri Bilge Ceylan (Le tre scimmie, C’era una volta in Anatolia) in concorso a Cannes 2014 e primo grande film presentato sulla Croisette quest’anno.

Ispirato a Cechov, il film racconta di un albergo in un paesino turco, dedito al turismo, ma che durante l’inverno “riposa”. Lo gestiscono un uomo, la moglie e la di lui sorella, che devono far fronte ai rancori e ai piccoli tormenti sopiti, ma anche ai problemi della città, ai loro vicini di casa e concittadini poveri contro l’agiatezza dei tre proprietari. Scritto da Ceylan con la moglie Ebru, Winter Sleep è un dramma da camera, teatrale nel senso migliore del termine ma anche capace, come il cinema di Farhadi, di scavare la superficie delle immagini attraverso le parole.

Ceylan usa qui il letargo e la bassa stagione come metafora dei fermenti che covano sotto la neve, i rancori sopiti che prima o poi possono prendere fuoco e li trasportia dal piano semplicemente umano e psicologico a quello sociale, descrivendo l’arroganza e il paternalismo borghese nei confronti altrui: ricchi o poveri, chiaramente, ma anche colti o ignoranti, uomini o donne (risultato forse del cambio politico della Turchia degli ultimi anni). Per farlo, il regista sceglie il modo più difficile e complesso, ovvero utilizza una sorta di metodo maieutico per far emergere i caratteri e i temi, attraverso dialoghi e conflitti sempre più esacerbati, calcando la durata per creare familiarità con i luoghi, i personaggi, l’atmosfera della sceneggiatura, per far sentire lo spettatore a proprio agio come in famiglia, nel calore domestico e poi chiuderlo in una specie di gabbia, solo mentale, ma per questo più forte.

Se Ceylan non parla direttamente della Turchia e delle sue condizioni, ne svela il sottotesto politico e culturale con afflato romanzesco, rivelando la differenza tra bellezza ed estetismo (che colpiva forse i suoi primi film meno maturi), fra virtuosismo e tecnica. Quella che padroneggiano perfettamente i suoi gli attori per fare emozionare, capeggiati da un meraviglioso Haluk Bilginer e dalla bellissima Melisa Sozen.

Sommeil-Bandeau

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
okja-poster-1
Bong Joon-ho

Okja

7.5

La pietra dello scandalo. Il film che al recente festival di Cannes ha fatto scattare la fatwa...
locandina
David Michôd

War Machine

6

Un paio di gambe storte sorregge un corpo rigidamente costretto in una postura dall’aria innaturale: è la...
mucchio_blame_poster
Dal 20 maggio su Netflix

Blame

6.5

Almodovar, pietà. Il cinema made in Netflix è una figata. Soprattutto se recapitato per tutti, nello stesso...
8o8
Lynne Ramsay

You Were Never Really Here

7

Il cinema di Lynne Ramsay è un cinema psico-patologico, in cui il delirio dei personaggi si rispecchia...
yju545
François Ozon

L'amant double

4

Non si può dire che L’amant double, il nuovo film di François Ozon, non sia chiaro fin...
kkkk
Ben Safdie, Joshua Safdie

Good Time

7.5

La vitalità del cinema nasce spesso dalle sue contraddizioni: Good Time dei fratelli Ben e Joshua Safdie...
grrere
Eugene Jarecki

Promised land

7.5

“Mister I ain’t a boy, no I’m a man\and I believe in a promised land”. E’ il...
vfewry
Sean Baker

The Florida project

8

Dall’iPhone al 35 millimetri, per Sean Baker il sogno americano e le sue declinazioni passano anche dal...
locandina
Fabio Grassadonia, Antonio Piazza

Sicilian Ghost Story

6

In un bosco che somiglia a quello delle fiabe, due giovani adolescenti si scambiano un bacio affettuoso....
tyutyu
Robert Campillo

120 battements par minute

8

Un cuore accelerato o un ritmo travolgente che possono essere sinonimi o contrari. Per Robin Campillo i...
locandina
Todd Haynes

Wonderstruck

8

Questo è un racconto che richiede pazienza e lentezza. Lo scrive Julianne Moore al piccolo protagonista di...
locandina
Terrence Malick

Song to Song

8

«Non c’è nessuna forma d’arte come il cinema per colpire la coscienza, scuotere le emozioni e raggiungere...
622506603
Rossella Schillaci

Libere

8

La Resistenza raccontata da Rossella Schillaci in Libere, documentario in uscita il 20 aprile nelle sale italiane,...