Questo è un racconto che richiede pazienza e lentezza. Lo scrive Julianne Moore al piccolo protagonista di Wonderstruck ed è una raccomandazione che vale anche per lo spettatore del nuovo film di Todd Haynes, per godersi un ritmo e un passo poco in linea con la contemporaneità ma molto con il senso della scoperta che è il cuore dell’opera.

Haynes racconta due storie parallele, destinate ovviamente a unirsi, legate dal fatto che i piccoli protagonisti sono sordi: lui negli anni ’70 che dopo un fulmine perde l’udito e decide di ritrovare il padre dopo la morte della madre; lei negli anni ’20 che invece vuole allontanarsi dalla madre, un’attrice famosissima che si vergogna della figlia. Il legame è nascosto nella stanza delle meraviglie di un museo: e “La stanza delle meraviglie” è il titolo del romanzo disegnato di Brian Selznick (quello di Hugo Cabret per intendersi), anche autore della sceneggiatura di un dramma radicale e caloroso al tempo stesso.

Il regista sceglie infatti modalità di racconto non usuali e nemmeno facili per un pubblico ampio come quello che farebbe pensare il tema e l’ispirazione letteraria: due film in uno che per larghi tratti sono veri e propri film muti (quello nel passato esplicitamente tale) per accompagnare l’impossibilità di sentire dei personaggi, il cui filo conduttore e la presa narrativa sono affidati quasi completamente alla magnifica partitura di Carter Burwell e alle scelte musicali (da Bowie alla versione funk di Così parlò Zaratustra: da Space Oddity a Space Odissey) che permettono allo spettatore di focalizzarsi sul potere dell’immagine e della rappresentazione.

Certo non è facile farlo: l’andamento è calmo – anche troppo forse -, Haynes tratta le sequenze e gli snodi narrativi esattamente come una guida che al museo deve far scoprire le meraviglie agli spettatori, con calore quasi paterno e si prende tempi larghi senza problemi. Ma a stare al gioco si viene ripagati con un bellissimo finale animato e a misura di modellino che è una summa di emozione, arte narrativa, uso di luci e colori (sempre magnifico il lavoro di Ed Lachmann). E di scoperta: sarà nostalgico e museale, ma il sense of wonder del cinema americano può passare anche da questo meraviglioso sentore di polvere e bellezza analogica.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
locandina
Paul Thomas Anderson

Il filo nascosto

9

Reynolds Woodcock è un abile sarto che veste l’aristocrazia della Londra degli anni Cinquanta. I suoi abiti...
locandina
Steven Soderbergh

Unsane

8

Ci pensava già da un paio d’anni, Steven Soderbergh, a girare un film con l’iPhone e l’occasione...
locandina
José Padilha

7 Days in Entebbe

7

La vicenda è nota: nel 1976 il Fronte per la liberazione della Palestina dirotta un aereo francese...
locandina-ver
Laura Bispuri

Figlia mia

7.5

“E perché la devi curare? É malata?” Ecco, Figlia mia sta tutto qui, in questo confronto tra due donne...
locandina
Christian Duguay

Un sacchetto di biglie

7.5

Nella Parigi invasa dai nazisti, Joseph Joffo e il fratello Maurice si divertono spensierati. Il padre Roman...
locandina
Woody Allen

La ruota delle meraviglie

4.5

“Ho qualche guaio tra fantasia e realtà”: lo diceva Alvy/Allen in Io e Annie. Era il 1977...
locandina
Julien Temple

My Life Story

7

Più che un film, My Life Story è una testimonianza di cosa sia un entertainer, di cosa...
254690
Kantemir Balagov

Closeness

7.5

Comunicare la desolazione è cosa molto differente dall’esprimere la depressione. In quella sfumatura tra mimesi piatta e...
locandina
Colin Trevorrow

Il libro di Henry

5

La recensione più breve del mondo: Il libro di Henry sucks. Lo si scrive con un po’...
locandina
Kathryn Bigelow

Detroit

9

Kathryn Bigelow sta al cinema d’azione come George Romero sta al cinema d’orrore: ha introdotto nel genere,...
locandina
Janus Metz Pedersen

Borg McEnroe

6

Si dice che il tennis sia uno sport poco adatto al cinema. Per cercare di smentire questa...
gospel_604_alk_s_binder2_016-h_2017
Jennifer Lebeau

Trouble No More

6.5

“Puoi chiamarmi Bobby, puoi chiamarmi Zimmy /Puoi chiamarmi in ogni modo ma non importa quello che tu...
v1.bTsxMjMyNzU0OTtqOzE3NTEyOzEyMDA7Mjg0OzQwNQ
Philippe Van Leeuw

Insyriated

5.5

La guerra in Siria, o in un luogo analogo, fa parte dell’oppressione quotidiana, non è una tensione...
54108
Paolo e Vittorio Taviani

Una questione privata

5

È il 1943. Sulle colline delle Langhe le brigate dei partigiani combattono i fascisti. Gli scontri sono...