Questo è un racconto che richiede pazienza e lentezza. Lo scrive Julianne Moore al piccolo protagonista di Wonderstruck ed è una raccomandazione che vale anche per lo spettatore del nuovo film di Todd Haynes, per godersi un ritmo e un passo poco in linea con la contemporaneità ma molto con il senso della scoperta che è il cuore dell’opera.

Haynes racconta due storie parallele, destinate ovviamente a unirsi, legate dal fatto che i piccoli protagonisti sono sordi: lui negli anni ’70 che dopo un fulmine perde l’udito e decide di ritrovare il padre dopo la morte della madre; lei negli anni ’20 che invece vuole allontanarsi dalla madre, un’attrice famosissima che si vergogna della figlia. Il legame è nascosto nella stanza delle meraviglie di un museo: e “La stanza delle meraviglie” è il titolo del romanzo disegnato di Brian Selznick (quello di Hugo Cabret per intendersi), anche autore della sceneggiatura di un dramma radicale e caloroso al tempo stesso.

Il regista sceglie infatti modalità di racconto non usuali e nemmeno facili per un pubblico ampio come quello che farebbe pensare il tema e l’ispirazione letteraria: due film in uno che per larghi tratti sono veri e propri film muti (quello nel passato esplicitamente tale) per accompagnare l’impossibilità di sentire dei personaggi, il cui filo conduttore e la presa narrativa sono affidati quasi completamente alla magnifica partitura di Carter Burwell e alle scelte musicali (da Bowie alla versione funk di Così parlò Zaratustra: da Space Oddity a Space Odissey) che permettono allo spettatore di focalizzarsi sul potere dell’immagine e della rappresentazione.

Certo non è facile farlo: l’andamento è calmo – anche troppo forse -, Haynes tratta le sequenze e gli snodi narrativi esattamente come una guida che al museo deve far scoprire le meraviglie agli spettatori, con calore quasi paterno e si prende tempi larghi senza problemi. Ma a stare al gioco si viene ripagati con un bellissimo finale animato e a misura di modellino che è una summa di emozione, arte narrativa, uso di luci e colori (sempre magnifico il lavoro di Ed Lachmann). E di scoperta: sarà nostalgico e museale, ma il sense of wonder del cinema americano può passare anche da questo meraviglioso sentore di polvere e bellezza analogica.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
okja-poster-1
Bong Joon-ho

Okja

7.5

La pietra dello scandalo. Il film che al recente festival di Cannes ha fatto scattare la fatwa...
locandina
David Michôd

War Machine

6

Un paio di gambe storte sorregge un corpo rigidamente costretto in una postura dall’aria innaturale: è la...
mucchio_blame_poster
Dal 20 maggio su Netflix

Blame

6.5

Almodovar, pietà. Il cinema made in Netflix è una figata. Soprattutto se recapitato per tutti, nello stesso...
8o8
Lynne Ramsay

You Were Never Really Here

7

Il cinema di Lynne Ramsay è un cinema psico-patologico, in cui il delirio dei personaggi si rispecchia...
yju545
François Ozon

L'amant double

4

Non si può dire che L’amant double, il nuovo film di François Ozon, non sia chiaro fin...
kkkk
Ben Safdie, Joshua Safdie

Good Time

7.5

La vitalità del cinema nasce spesso dalle sue contraddizioni: Good Time dei fratelli Ben e Joshua Safdie...
grrere
Eugene Jarecki

Promised land

7.5

“Mister I ain’t a boy, no I’m a man\and I believe in a promised land”. E’ il...
vfewry
Sean Baker

The Florida project

8

Dall’iPhone al 35 millimetri, per Sean Baker il sogno americano e le sue declinazioni passano anche dal...
locandina
Fabio Grassadonia, Antonio Piazza

Sicilian Ghost Story

6

In un bosco che somiglia a quello delle fiabe, due giovani adolescenti si scambiano un bacio affettuoso....
tyutyu
Robert Campillo

120 battements par minute

8

Un cuore accelerato o un ritmo travolgente che possono essere sinonimi o contrari. Per Robin Campillo i...
locandina
Todd Haynes

Wonderstruck

8

Questo è un racconto che richiede pazienza e lentezza. Lo scrive Julianne Moore al piccolo protagonista di...
locandina
Terrence Malick

Song to Song

8

«Non c’è nessuna forma d’arte come il cinema per colpire la coscienza, scuotere le emozioni e raggiungere...
622506603
Rossella Schillaci

Libere

8

La Resistenza raccontata da Rossella Schillaci in Libere, documentario in uscita il 20 aprile nelle sale italiane,...