Questo è un racconto che richiede pazienza e lentezza. Lo scrive Julianne Moore al piccolo protagonista di Wonderstruck ed è una raccomandazione che vale anche per lo spettatore del nuovo film di Todd Haynes, per godersi un ritmo e un passo poco in linea con la contemporaneità ma molto con il senso della scoperta che è il cuore dell’opera.

Haynes racconta due storie parallele, destinate ovviamente a unirsi, legate dal fatto che i piccoli protagonisti sono sordi: lui negli anni ’70 che dopo un fulmine perde l’udito e decide di ritrovare il padre dopo la morte della madre; lei negli anni ’20 che invece vuole allontanarsi dalla madre, un’attrice famosissima che si vergogna della figlia. Il legame è nascosto nella stanza delle meraviglie di un museo: e “La stanza delle meraviglie” è il titolo del romanzo disegnato di Brian Selznick (quello di Hugo Cabret per intendersi), anche autore della sceneggiatura di un dramma radicale e caloroso al tempo stesso.

Il regista sceglie infatti modalità di racconto non usuali e nemmeno facili per un pubblico ampio come quello che farebbe pensare il tema e l’ispirazione letteraria: due film in uno che per larghi tratti sono veri e propri film muti (quello nel passato esplicitamente tale) per accompagnare l’impossibilità di sentire dei personaggi, il cui filo conduttore e la presa narrativa sono affidati quasi completamente alla magnifica partitura di Carter Burwell e alle scelte musicali (da Bowie alla versione funk di Così parlò Zaratustra: da Space Oddity a Space Odissey) che permettono allo spettatore di focalizzarsi sul potere dell’immagine e della rappresentazione.

Certo non è facile farlo: l’andamento è calmo – anche troppo forse -, Haynes tratta le sequenze e gli snodi narrativi esattamente come una guida che al museo deve far scoprire le meraviglie agli spettatori, con calore quasi paterno e si prende tempi larghi senza problemi. Ma a stare al gioco si viene ripagati con un bellissimo finale animato e a misura di modellino che è una summa di emozione, arte narrativa, uso di luci e colori (sempre magnifico il lavoro di Ed Lachmann). E di scoperta: sarà nostalgico e museale, ma il sense of wonder del cinema americano può passare anche da questo meraviglioso sentore di polvere e bellezza analogica.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
31170285_383905158779450_5862019829438873600_n
Yann Gonzalez

Knife + Heart

5

Di materiale per divertirsi nel nuovo film di Yann Gonzalez ce ne sarebbe parecchio: un assassino mascherato...
30420767-160224807978263-4557987999146023396-o_187a
Matteo Garrone

Dogman

8

In una storia che trasuderebbe vendetta, violenza, disagio mentale, atrocità fisiche degne del migliore (o peggiore) torture...
locandina (2)
Ron Howard

Solo: A Star Wars Story

7

L’universo di Star Wars è talmente pieno di immaginari – tra trilogie ufficiali, spin-off, serie animate, romanzi...
locandina
Ramin Bahrani

Fahrenheit 451

5

Saranno in molti a rimanere delusi dopo la visione di Fahrenheit 451, remake del film diretto da...
locandina (1)
Lars von Trier

The House That Jack Built

6

Primo titolo alternativo facile facile per The House that Jack Built, il nuovo film di Lars von...
Lazzaro_Felice_Poster_Film_FestivalCannes2018
Alice Rohrwacher

Lazzaro Felice

7

Il tempo si è fermato in Lazzaro felice, per Lazzaro e per la sua comunità. E il...
coverlg
Paul Dano

Wildlife

7

Montana, anni ’60. Una giovane famiglia americana come tante si è da poco trasferita in una nuova...
locandina
Asghar Farhadi

Everybody Knows

5.5

Una vecchia regola dell’analisi del film dice che dalla prima sequenza, a volte dai titoli di testa,...
loro-2-silvio-servillo
Paolo Sorrentino

Loro 2

8

“Essere buoni conviene”. Una filosofia di vita, di economia e soprattutto di politica: la bontà come merce...
121430920-a984694f-d13d-4700-a5a4-199d673d0ae0
Paolo Sorrentino

Loro 1

SV

Tutto documentato. Tutto arbitrario. Tutto vero e tutto falso. Ma anche tutto troppo. Paolo Sorrentino ci tiene...
Tonya-poster
Craig Gillespie

Tonya

8

Questa è la storia di Tonya Harding, pattinatrice americana, e del suo tonfo professionale avvenuto nel 1994...
locandina
Steven Spielberg

Ready Player One

7.5

Sembra voler rispondere a una precisa domanda Ready Player One, il nuovo film di Steven Spielberg che...
locandina
Alex Garland

Annientamento

8.5

Il lavoro che Alex Garland fa sulla fascinazione in Annientamento è fortissimo, tanto da diventare un futuro...