Il cinema di Lynne Ramsay è un cinema psico-patologico, in cui il delirio dei personaggi si rispecchia nello stile: dopo E ora parliamo di Kevin, anche You Were Never Really Here segue e si conforma alle turbe del suo protagonista ma stavolta abbracciando il thriller e il cipiglio deviato di Joaquin Phoenix.

Il quale interpreta un reduce di guerra che si impegna a salvare le bambine coinvolte in un giro di pedofili d’alto bordo: lo fa con metodi violenti, uccidendo gli aguzzini, ma il coinvolgimento di un governatore lo metterà in crisi. Ramsey e Jonathan Ames scrivono un film violento che sembra una versione contemporanea di Taxi Driver con cui rileggere i cardini di un genere ma anche proseguire un viaggio dentro la deviazione.

Ribaltandola in questo caso di segno, ossia raccontando come la follia e la disgregazione di una personalità possa agire anche nei cardini del bene, mostrando la lotta del protagonista per catalizzare la propria rabbia verso una causa (Phoenix in un nuovo calvario recitativo): ma più che il viaggio all’inferno metropolitano, a Ramsey interessa costruire le immagini, il rapporto tra di loro e la relazione con la musica dissonante e rumoristica di Jonny Greenwood per dare consistenza visiva alla deflagrazione percettiva ed esistenziale di un uomo.

E in questo, You Were Never Really Here è un’opera interessante, affascinante, ricca di estro e inventiva: poi, costretta in qualche modo a fare i conti con le dinamiche del genere (e con la produzione Amazon), si perde e si compiace, eccede in digressioni visive ed estetiche per non perdere contatto con il proprio interesse artistico. Ma nonostante questo resta un’opera che dimostra un tocco intrigante e un talento vero, capace di giocare con la percezione dello spettatore e con un’emotività sopra le righe in modo inventivo.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
locandina
Woody Allen

La ruota delle meraviglie

4.5

“Ho qualche guaio tra fantasia e realtà”: lo diceva Alvy/Allen in Io e Annie. Era il 1977...
locandina
Julien Temple

My Life Story

7

Più che un film, My Life Story è una testimonianza di cosa sia un entertainer, di cosa...
254690
Kantemir Balagov

Closeness

7.5

Comunicare la desolazione è cosa molto differente dall’esprimere la depressione. In quella sfumatura tra mimesi piatta e...
locandina
Colin Trevorrow

Il libro di Henry

5

La recensione più breve del mondo: Il libro di Henry sucks. Lo si scrive con un po’...
locandina
Kathryn Bigelow

Detroit

9

Kathryn Bigelow sta al cinema d’azione come George Romero sta al cinema d’orrore: ha introdotto nel genere,...
locandina
Janus Metz Pedersen

Borg McEnroe

6

Si dice che il tennis sia uno sport poco adatto al cinema. Per cercare di smentire questa...
gospel_604_alk_s_binder2_016-h_2017
Jennifer Lebeau

Trouble No More

6.5

“Puoi chiamarmi Bobby, puoi chiamarmi Zimmy /Puoi chiamarmi in ogni modo ma non importa quello che tu...
v1.bTsxMjMyNzU0OTtqOzE3NTEyOzEyMDA7Mjg0OzQwNQ
Philippe Van Leeuw

Insyriated

5.5

La guerra in Siria, o in un luogo analogo, fa parte dell’oppressione quotidiana, non è una tensione...
54108
Paolo e Vittorio Taviani

Una questione privata

5

È il 1943. Sulle colline delle Langhe le brigate dei partigiani combattono i fascisti. Gli scontri sono...
screen-shot-2017-09-05-at-1-22-03-pm
Scott Cooper

Hostiles

7.5

È più moderno che classico Hostiles (e di sicuro non classicista), più crepuscolare che mitologico. Il film...
locandina
Andy Muschietti

It

7.5

E alla fine arrivò It. L’abbiamo sognato, temuto a lungo. Ci ha indottrinato a meraviglia grazie ai...
locandina
Jonathan Dayton, Valerie Faris

La battaglia dei sessi

6

È interessante il modo sottile, quasi “subdolo”, con cui La battaglia dei sessi racconta un personaggio per...
locandina
Leonardo Di Costanzo

L'intrusa

8

“Succede che per salvare qualcuno devi escludere altri.” E’ partito da qui Leonardo Di Costanzo, da un...
locandina
Denis Villeneuve

Blade Runner 2049

8

“Hai mai visto un miracolo?” chiede Dave Bautista a Ryan Gosling all’inizio di Blade Runner 2049. La...
Outrage-0-Coda-620x329
Takeshi Kitano

Outrage Coda

6.5

Con Outrage Coda Takeshi Kitano conclude la trilogia iniziata nel 2010 con Outrage e proseguita nel 2012 con Outrage Beyond, campione d’incassi,...