anna
Niccolò Ammaniti

Anna

Einaudi / pp. 274 / € 19
7

“Questo romanzo chiude la mia serie sugli adolescenti”, ha detto Niccolò Ammaniti. Già, perché tutti ricordiamo i ragazzini protagonisti di Io non ho paura o del più recente Io e te – anche grazie alle loro versioni cinematografiche. E dunque dopo l’avventura di Michele Amitrano nel piccolo paese di Acqua Traverse (Io non ho paura) e l’intimismo “domestico” della tenera relazione sorella-fratello al centro di Io e te, Ammaniti prende una ragazzina, Anna, e le affida le chiavi del suo romanzo. Alzando ulteriormente la posta, se non altro a livello di scenario, di contesto generale.

Sì, perché in Anna entriamo in un mondo dove la popolazione adulta è stata spazzata via da un virus, il tremendo virus della Rossa. Più precisamente, siamo in Sicilia, nel 2020, e qui lei, Anna, poco più che bambina o poco meno che ragazza, costretta dall’inattesa piega degli eventi a crescere decisamente in fretta, si muove tra cadaveri, strade distrutte e sferzate dal sole, bambini che sembrano zombie, incendi e detriti, branchi di cani aggressivi, negozi e supermercati sfasciati e in rovina. A farle da guida, un piccolo memorandum lasciatole da sua madre prima che il virus la consumasse del tutto: “il quaderno delle Cose Importanti”, con brevi istruzioni assai pratiche per sopravvivere; a farle compagnia, il fratello più piccolo Astor. I due non s’allontanano quasi mai dalla casa di campagna dove vivono, se non per cercare viveri e bevande. A un certo punto però Astor si ammala – non di Rossa, al momento, e per chissà quanto ancora, incurabile – e Anna deve uscire e allontanarsi per trovare dei medicinali, e quando torna il piccolo non c’è più, l’intera casa saccheggiata. Anna non può fare altro che chiudere la porta alle spalle e mettersi di nuovo sulla strada, in cerca del fratello.

Seguendo strade e autostrade come fossero antiche piste di esploratori perduti nel tempo, la bambina-adulta incontra suoi coetanei sbandati, mentre altri organizzati per bande; la segue un cane, una bestia dalla forza spaventosa, quasi ultraterrena. Accumula voci sempre più insistenti sulla presenza, da qualche parte ben nascosta, di una non meglio precisata creatura quasi-stregonesca, la Picciriddona, sorta di guaritrice i cui poteri variano di volta in volta a seconda della versione del momento. Ci sono rincorse e fughe, vengono esplosi colpi di fucile, sentiamo il respiro affannoso di Anna e come il Bastian della Storia infinita sussultiamo con lei quando dai palazzi diroccati arrivano rumori sospetti.

Ammaniti è un narratore purissimo, nel senso che sa raccontare una storia come forse nessuno in Italia in questo momento. Con Anna non si è limitato a riprende gli adolescenti protagonisti dei suoi precedenti romanzi: Anna ne sviluppa anche i temi, dal senso di pericolo/minaccia che aleggia in Io non ho paura fino al rapporto tra fratelli di Io e te. Se è vero, dunque, che “con gli adolescenti” ha “chiuso”, questo è in tutto e per tutto il romanzo definitivo sul tema. L’asfalto sfregiato e le case a pezzi, la drastica riduzione della presenza umana, insomma la distopia apocalittica alla base del libro richiamano La strada di Cormac McCarthy, con la fondamentale differenza che la scrittura dell’americano è tutta volta alla tragedia, mentre Ammaniti è anche (soprattutto?) un brillante umorista, qui declinato quasi totalmente al nero; un autore dal passo rapido e asciutto, con l’ormai classico stile di frasi affilate e brevi.

Proprio in virtù della velocità della narrazione e della prevalenza dei fatti,  però, quasi mai gli avvenimenti lasciano il passo all’introspezione psicologica o all’intervento del narratore, più o meno mascherato. Accade qui, per esempio: “Di fronte a quei resti la bambina intuì che la vita è un insieme di attese. A volte così brevi che nemmeno te ne rendi conto, a volte così lunghe da sembrare infinite, ma con o senza pazienza hanno tutte una fine”. Ma non succede troppe altre volte, e in definitiva si può sostenere che Anna sia un potente romanzo d’avventura e di vita; ma che manca di qualcosa di così grandioso da poter riempire fino in fondo il mondo svuotato che gli è stato cucito addosso.

Commenti

Ultime recensioni Letture / Libri
1serino
Francesco Serino

Lo spirito della scrittura

6.5

Tra i tanti mestieri che hanno a che fare direttamente con il lavoro editoriale, uno possiede un...
1fulmini
Matteo Trevisani

Il libro dei fulmini

8

Il libro dei Fulmini ha il suono dello sciabordio del tempo, il lento rincasare del presente nel...
mucchio_RicetteSignoraTokue_1
Durian Sukegawa

Le ricette della signora Tokue

7

La bottega di Sentarô vende dorayaki, i dolci tipici giapponesi farciti con confettura di fagioli rossi detta...
Luca_Quarin_Il_battito_oscuro_del_mondo
Luca Quarin

8

“E così la mia vita si ritrovò al punto di partenza, com’è tipico della vita, mi sembra”....
Massimo Padalino_il gioco
Massimo Padalino

Il gioco

7

Ne Il gioco fa da scenario la provincia veneta, ed è da lì che il romanzo parte...
1poore
Michael Poore

Reincarnation Blues

5.5

  Alcuni libri sembrano nascere per essere delle bellissime quarte di copertina. Poi, dopo l’entusiasmo iniziale, l’ultima...
arcana
Ernesto Assante

1977. Gioia e rivoluzione

7

Nell’accerchiamento, coinvolto, sebbene… Libro in libertà, multikulti, esistenziale a/traverso una Rosa al maschile (Alberto Asor), due società,...
1shak
Neil MacGregor

Il mondo inquieto di Shakespeare

7

Il mondo inquieto di Shakespeare di Neil MacGregor si legge come un raffinato percorso immaginativo fondato sulle figure;...