(traduzione e postfazione di Mario Caramitti)

Quando si parla di letteratura russa vengono subito in mente nomi di mostri sacri come Gogol’, Dostoevskij, Tolstoj e Čechov. Autori che hanno rivoluzionato il concetto stesso di letteratura. Questi libri che arrivano da una nazione che in parte fa parte anche dell’Europa ma si estende quasi fino a toccare l’Alaska hanno sempre una notevole forza narrativa che riesce a essere attuale anche se sembra essere così lontana. Gli autori russi sanno raccontarci l’umanità come pochi altri sanno fare.

Anche Ljudmila Petrǔsevskaja, autrice nata a Mosca nel 1938, non è da meno negli oltre quindici libri scritti durante la sua vita da dissidente in patria. Nella raccolta di racconti intitolata “C’era una volta una donna che cercò di uccidere la figlia della vicina” l’autrice mette a nudo tutte le atroci realtà di una società complessa ed estremamente variegata come è quella russa, lo fa raccontando la povertà e il finto benessere, la gelosia e l’inettitudine dell’essere umano.

Storie che oscillano tra l’horror, il surreale e il grottesco e che a volte ricordano persino il maestro Poe e in tutti si respira un sano cinismo che sembra a volte essere la sola via di salvezza e soprattutto di sopravvivenza. Petrǔsevskaja non ha paura di addentrarsi nei terreni più impervi e paludosi della mente umana dove non è possibile immergere i suoi personaggi senza farli uscire sporchi, luridi ma tremendamente reali, reali come la fame e la malattia. Racconti molto brevi che sanno stordirti come un pugno preso di sorpresa si alternano ad altri più lunghi dove l’autrice tiene il lettore sul filo della tensione pronto a spingerlo nel momento più opportuno e farlo cadere dentro un sottotesto che fa capire molto di più di quello che dice.

La grandiosità dei racconti, suddivisi in quattro gruppi (Canti degli slavi orientali, Allegorie, Requiem e Fiabe), sta proprio in tutto ciò che non viene detto ma che l’autrice riesce a far emergere, si parla di politica, di degrado, di mancanza di umanità, di paura, di fallimento, di povertà senza parlarne mai in maniera esplicita e forse per questa ragione che fa tutto ancora più male. L’unica speranza sembra essere l’ironia e una piccola dose di umanità che l’autrice semina qua e là nella speranza che prima o poi possa crescere e coprire tutto quello schifo.

Commenti

Ultime recensioni Letture / Libri
1serino
Francesco Serino

Lo spirito della scrittura

6.5

Tra i tanti mestieri che hanno a che fare direttamente con il lavoro editoriale, uno possiede un...
1fulmini
Matteo Trevisani

Il libro dei fulmini

8

Il libro dei Fulmini ha il suono dello sciabordio del tempo, il lento rincasare del presente nel...
mucchio_RicetteSignoraTokue_1
Durian Sukegawa

Le ricette della signora Tokue

7

La bottega di Sentarô vende dorayaki, i dolci tipici giapponesi farciti con confettura di fagioli rossi detta...
Luca_Quarin_Il_battito_oscuro_del_mondo
Luca Quarin

8

“E così la mia vita si ritrovò al punto di partenza, com’è tipico della vita, mi sembra”....
Massimo Padalino_il gioco
Massimo Padalino

Il gioco

7

Ne Il gioco fa da scenario la provincia veneta, ed è da lì che il romanzo parte...
1poore
Michael Poore

Reincarnation Blues

5.5

  Alcuni libri sembrano nascere per essere delle bellissime quarte di copertina. Poi, dopo l’entusiasmo iniziale, l’ultima...
arcana
Ernesto Assante

1977. Gioia e rivoluzione

7

Nell’accerchiamento, coinvolto, sebbene… Libro in libertà, multikulti, esistenziale a/traverso una Rosa al maschile (Alberto Asor), due società,...
1shak
Neil MacGregor

Il mondo inquieto di Shakespeare

7

Il mondo inquieto di Shakespeare di Neil MacGregor si legge come un raffinato percorso immaginativo fondato sulle figure;...
Notte ragazzi cattivi
Massimo Cacciapuoti

La notte dei ragazzi cattivi

6.5

Al suo ottavo romanzo, con La notte dei ragazzi cattivi, Massimo Cacciapuoti, dopo il fortunato esordio nel 1998...