città-amara-light
Leonard Gardner

Città Amara

Fazi / pp. 204 / € 17,50
9

Quando si parla di boxe, l’immaginario collettivo tratteggia una serie di personaggi  più o meno grandiosi che, però, hanno sempre un immancabile lato tragico. Pensando ai vari Mike Tyson, Muhammad Ali, Jake LaMotta, Sonny Liston, sappiamo che le loro vite sono un saliscendi di emozioni pregne di violenza e decadimento fisico e morale. Perché la boxe è uno sport crudele e doloroso, anche quando si vince e a volte la sconfitta coincide con la morte. Anche se il cinema ha creato un pugile che incarna appieno il sogno americano, quel Rocky Balboa che riesce a diventare un eroe partendo dal basso, capace persino di diventare campione del mondo.

Leonard Gardner in Città Amara sbriciola questo sogno immergendoci nella realtà proletaria in cui Rocky non sarebbe riuscito a sopravvivere per più di un’intera settimana. I protagonisti sono due pugili semiprofessionisti: Ernie Munger, giovane e con ancora una labile fiammella di speranza di migliorare la sua condizione che si spegnerà quando si trova quasi costretto a sposarsi e Billy Tully, disilluso quasi trentenne, sofferente  per via delle sconfitte nella vita e nella boxe, con un matrimonio alle spalle che pesa come un macigno. Entrambi sognano  la boxe possa farli  fuggire da una vita che li divora e che lentamente li fa sprofondare nell’oblio, ma come nelle sabbie mobili, più cercano di divincolarsi più affondano.

Due uomini che sopravvivono con lavori precari e mal pagati e si rifugiano in bar degradati per dimenticarsi per qualche istante della loro squallida vita. Due antieroi che si allenano su ring sporchi e sudici, con attrezzature grezze, allenatori che li buttano nella mischia, che curano le ferite con mezzi artigianali e cercando di trovare fortuna con i pugni. Poco importa se si vince o si perde, l’importante è rimanere vivi. Sono falliti, sono il rovescio della medaglia di quelli che ce l’hanno fatta, sono quelli che restano indietro e che giorno dopo giorno vedono allontanarsi le speranze di una vita migliore.

La città di Stockton, in California, diventa la scenografia perfetta dove si muovono questi personaggi . Un’America rurale e polverosa abitata da uomini di colore, messicani e bianchi, uniti nella povertà e lontana anni luce dalla ricchezza opulenta di cui siamo abituati a vedere. Dove per poter mangiare ci si deve spezzare la schiena raccogliendo cipolle o pomodori, come succederà a Billy Tully. In questo romanzo i pugni dati e ricevuti dai protagonisti sembrano colpirci direttamente sui fianchi spezzandoci il fiato, si riescono quasi a sentire gli odori di sudore, sangue e cuoio. Si è dentro il ring, si è dentro la vita. Leonard Gardner scrive un libro di culto, bilanciando perfettamente la narrazione, senza cadere in falsi moralismi e facili sentimentalismi . Scritto in terza persona con uno stile asciutto ma mai asettico, con dialoghi tanto reali da riuscire a sentirli per davvero e descrizioni estremamente accurate. Uscito per la prima volta nel 1969 ed è  unica opera di Leonard Gardner, giornalista e sceneggiatore. E poco importa se Ernie Munger e  Billy Tully riusciranno a vincere perché anche quando lo fanno, hanno già perso.

La traduzione è curata da Stefano Tummolini, che ha scritto anche un’interessante postfazione.

Commenti

Ultime recensioni Letture / Libri
barnes
Julian Barnes

Prima di me

6.5

“La prima volta che Graham Hendrick sorprese la moglie con un altro, non ne fece una malattia....
piscine
Enrico Gabrielli

Le piscine terminali

7.5

La stessa fantasia superiore palesata nell’arrangiamento e/o nell’esecuzione di “circa 200 dischi in 14 anni di attività”,...
mucchio_hollywood_cover
Peter Decherney

Hollywood

6.5

Sono tanti i libri dedicati a Hollywood e al suo cinema, pochi quelli di cui vale la...
lincoln nel bardo
George Saunders

Lincoln nel bardo

9

Dicevamo – qualche tempo fa devo averlo scritto, dopo averlo letto da qualche altra parte – di...
geye
Peter Geye

Dentro l'inverno

5.5

Peter Geye forse non avrà mai letto i Sei personaggi in cerca d’autore di Luigi Pirandello. Eppure...
mucchio_Belmondo_cover
Jean-Paul Belmondo

Mille vite, la mia

7

Tutti pronti a ricordare Godard, De Sica o Melville per elogiare la strabiliante e lunghissima carriera dell’attore...
9788806233884_0_0_0_80
Mohsin Hamid

Exit West

8.5

Ci sono le stelle nel cielo e sotto le stelle ci sono la terra, le città e...
9788804664529_0_0_1537_80
Teresa Ciabatti

La più amata

7.5

Questa è la storia di Teresa Ciabatti, scritta in prima persona, senzavvirgolette e un talento per la...
bambara
Toni Cade Bambara

Gorilla, amore mio

7.5

Sebbene negli Stati Uniti sia considerata una scrittrice fondamentale nella storia della letteratura afroamericana, Gorilla, amore mio,...
animalnott

7

Che il loro habitat sia il deserto, la savana o il bosco, che si muovano sulla terra...
krull
Georges Simenon

La casa dei Krull

7

La casa dei Krull è l’estrema periferia del paese, vicino il capolinea del tram e davanti a...
la-stanza-profonda-vanni-santoni
Vanni Santoni

La stanza profonda

7.5

Chiusi in scantinati e garage, per vent’anni hanno inventato mondi via via più sofisticati, mentre il mondo...
1hadelman
Nicola Manuppelli

Merenda da Hadelman

7

Si legge questo: “«Amo i cani. È la vita a essere dura». Più tardi imparai che questo...
Groff_300_COP_0000_cover_Layout-PDF-829x1160
Lauren Groff

Fato e Furia

8

Nei ringraziamenti, Lauren Groff scrive che questo libro è per Clay, per quella volta che lo ha...