città-amara-light
Leonard Gardner

Città Amara

Fazi / pp. 204 / € 17,50
9

Quando si parla di boxe, l’immaginario collettivo tratteggia una serie di personaggi  più o meno grandiosi che, però, hanno sempre un immancabile lato tragico. Pensando ai vari Mike Tyson, Muhammad Ali, Jake LaMotta, Sonny Liston, sappiamo che le loro vite sono un saliscendi di emozioni pregne di violenza e decadimento fisico e morale. Perché la boxe è uno sport crudele e doloroso, anche quando si vince e a volte la sconfitta coincide con la morte. Anche se il cinema ha creato un pugile che incarna appieno il sogno americano, quel Rocky Balboa che riesce a diventare un eroe partendo dal basso, capace persino di diventare campione del mondo.

Leonard Gardner in Città Amara sbriciola questo sogno immergendoci nella realtà proletaria in cui Rocky non sarebbe riuscito a sopravvivere per più di un’intera settimana. I protagonisti sono due pugili semiprofessionisti: Ernie Munger, giovane e con ancora una labile fiammella di speranza di migliorare la sua condizione che si spegnerà quando si trova quasi costretto a sposarsi e Billy Tully, disilluso quasi trentenne, sofferente  per via delle sconfitte nella vita e nella boxe, con un matrimonio alle spalle che pesa come un macigno. Entrambi sognano  la boxe possa farli  fuggire da una vita che li divora e che lentamente li fa sprofondare nell’oblio, ma come nelle sabbie mobili, più cercano di divincolarsi più affondano.

Due uomini che sopravvivono con lavori precari e mal pagati e si rifugiano in bar degradati per dimenticarsi per qualche istante della loro squallida vita. Due antieroi che si allenano su ring sporchi e sudici, con attrezzature grezze, allenatori che li buttano nella mischia, che curano le ferite con mezzi artigianali e cercando di trovare fortuna con i pugni. Poco importa se si vince o si perde, l’importante è rimanere vivi. Sono falliti, sono il rovescio della medaglia di quelli che ce l’hanno fatta, sono quelli che restano indietro e che giorno dopo giorno vedono allontanarsi le speranze di una vita migliore.

La città di Stockton, in California, diventa la scenografia perfetta dove si muovono questi personaggi . Un’America rurale e polverosa abitata da uomini di colore, messicani e bianchi, uniti nella povertà e lontana anni luce dalla ricchezza opulenta di cui siamo abituati a vedere. Dove per poter mangiare ci si deve spezzare la schiena raccogliendo cipolle o pomodori, come succederà a Billy Tully. In questo romanzo i pugni dati e ricevuti dai protagonisti sembrano colpirci direttamente sui fianchi spezzandoci il fiato, si riescono quasi a sentire gli odori di sudore, sangue e cuoio. Si è dentro il ring, si è dentro la vita. Leonard Gardner scrive un libro di culto, bilanciando perfettamente la narrazione, senza cadere in falsi moralismi e facili sentimentalismi . Scritto in terza persona con uno stile asciutto ma mai asettico, con dialoghi tanto reali da riuscire a sentirli per davvero e descrizioni estremamente accurate. Uscito per la prima volta nel 1969 ed è  unica opera di Leonard Gardner, giornalista e sceneggiatore. E poco importa se Ernie Munger e  Billy Tully riusciranno a vincere perché anche quando lo fanno, hanno già perso.

La traduzione è curata da Stefano Tummolini, che ha scritto anche un’interessante postfazione.

Commenti

Ultime recensioni Letture / Libri
1serino
Francesco Serino

Lo spirito della scrittura

6.5

Tra i tanti mestieri che hanno a che fare direttamente con il lavoro editoriale, uno possiede un...
1fulmini
Matteo Trevisani

Il libro dei fulmini

8

Il libro dei Fulmini ha il suono dello sciabordio del tempo, il lento rincasare del presente nel...
mucchio_RicetteSignoraTokue_1
Durian Sukegawa

Le ricette della signora Tokue

7

La bottega di Sentarô vende dorayaki, i dolci tipici giapponesi farciti con confettura di fagioli rossi detta...
Luca_Quarin_Il_battito_oscuro_del_mondo
Luca Quarin

8

“E così la mia vita si ritrovò al punto di partenza, com’è tipico della vita, mi sembra”....
Massimo Padalino_il gioco
Massimo Padalino

Il gioco

7

Ne Il gioco fa da scenario la provincia veneta, ed è da lì che il romanzo parte...
1poore
Michael Poore

Reincarnation Blues

5.5

  Alcuni libri sembrano nascere per essere delle bellissime quarte di copertina. Poi, dopo l’entusiasmo iniziale, l’ultima...
arcana
Ernesto Assante

1977. Gioia e rivoluzione

7

Nell’accerchiamento, coinvolto, sebbene… Libro in libertà, multikulti, esistenziale a/traverso una Rosa al maschile (Alberto Asor), due società,...
1shak
Neil MacGregor

Il mondo inquieto di Shakespeare

7

Il mondo inquieto di Shakespeare di Neil MacGregor si legge come un raffinato percorso immaginativo fondato sulle figure;...
Notte ragazzi cattivi
Massimo Cacciapuoti

La notte dei ragazzi cattivi

6.5

Al suo ottavo romanzo, con La notte dei ragazzi cattivi, Massimo Cacciapuoti, dopo il fortunato esordio nel 1998...
abbecedario
Alessandro Fiori

Abbecedario degli animali

7

In ordine sparso: cani, astici, balene, oranghi, delfini. Una lettera, un’illustrazione e un breve testo per ogni...