Come-fossi-solo_large
Marco Magini

Come fossi solo

Giunti / pp. 222 / € 14
7.5

Sentite che incipit: Vorrei non dovermi ancora una volta svegliare in mia compagnia. Nella sua dipendenza fisiologica al titolo del romanzo di Marco Magini, Come fossi solo, è un attacco magnifico. La battuta d’apertura appartiene a Dirk. Il casco blu dell’Onu, la cui voce si alterna a quella di Dražen Erdemović, il soldato serbo-croato responsabile dell’uccisione di oltre 70 persone nell’eccidio di Srebrenica. L’unico del suo battaglione a farsi avanti per quel massacro, l’unico a confessare e beccarsi una risibile condanna a dieci anni (poi ridotta a cinque). In terza persona, c’è il giudice Romeo González il trait d’union filosofico chiamato a salmodiare una qualche sensatezza alla parola “giustizia”. Anche lui profeta con questo suo ingresso nel romanzo: Il fastidio è un vestito che non hai scelto, un vestito che non senti tuo. Perché, in fondo, nessuno ha davvero voglia di rivivere quella pagina di Storia.

La società attuale ci ha educato a far scattare il minimo sindacale di indignazione per le cose brutte che accadono nel mondo, anche quelle geograficamente troppo vicine a casa nostra, anestetizzando il fastidio, il tormento o il senso di colpa. Non insegna a domandarti civilmente perché è accaduto (di nuovo, dopo il “mai più” dell’Olocausto nazista), perché è stato fatto poco o nulla dalla comunità internazionale e chi ci bazzicava dietro. Oggi più che mai. Anche perché nel frattempo hanno inventato i twitter per farci sentire meglio, o “più partecipi”. Ecco quindi che il romanzo di Marco Magini più che ricordare, racconta. E al racconto non puoi negarti per sempre. Un racconto senza freni, libero e crudele. Banalmente, perché la storia del soldato Dražen è vera. Filtrata da efficacia narrativa che funziona meglio con i due soldati agli antipodi fra loro, ma unificati da un destino comune. Quasi a distanza ravvicinata. Uno redige suo malgrado liste, l’altro le resetta a colpi di fucile. Questa parte di Come fossi solo è senza dubbio la più feroce. La parte che cerchi di finire di leggere al più presto per liquidare il passato (per tornare a casa, direbbero nel romanzo). Solo a questo punto, però, il racconto di Magini si ribalta in epifania mnemonica. Qualcosa deve pur riaffiorare, anche nonostante i limiti anagrafici di età – come stupidamente imputato all’autore, nato nel 1985, troppo giovane per ricordare il dramma della guerra dei Balcani.

Qualcosa deve pur riaffiorare. La rabbia, tra le prime cose. Ma parliamo a titolo personale. E un pizzico di stupore. Di nuovo a titolo personale. Nel senso: finalmente un autore italiano che non si scrive addosso o stuzzica le parole circa la noia di vivere e tutti quei bla-bla-bla per arruffianarsi le vette dei libri più venduti. Un autore che non si erge a giudice, lasciando che gli eventi scorrano sotto gli occhi di tutti. Inesorabilmente.

Commenti

Ultime recensioni Letture / Libri
1serino
Francesco Serino

Lo spirito della scrittura

6.5

Tra i tanti mestieri che hanno a che fare direttamente con il lavoro editoriale, uno possiede un...
1fulmini
Matteo Trevisani

Il libro dei fulmini

8

Il libro dei Fulmini ha il suono dello sciabordio del tempo, il lento rincasare del presente nel...
mucchio_RicetteSignoraTokue_1
Durian Sukegawa

Le ricette della signora Tokue

7

La bottega di Sentarô vende dorayaki, i dolci tipici giapponesi farciti con confettura di fagioli rossi detta...
Luca_Quarin_Il_battito_oscuro_del_mondo
Luca Quarin

8

“E così la mia vita si ritrovò al punto di partenza, com’è tipico della vita, mi sembra”....
Massimo Padalino_il gioco
Massimo Padalino

Il gioco

7

Ne Il gioco fa da scenario la provincia veneta, ed è da lì che il romanzo parte...
1poore
Michael Poore

Reincarnation Blues

5.5

  Alcuni libri sembrano nascere per essere delle bellissime quarte di copertina. Poi, dopo l’entusiasmo iniziale, l’ultima...
arcana
Ernesto Assante

1977. Gioia e rivoluzione

7

Nell’accerchiamento, coinvolto, sebbene… Libro in libertà, multikulti, esistenziale a/traverso una Rosa al maschile (Alberto Asor), due società,...
1shak
Neil MacGregor

Il mondo inquieto di Shakespeare

7

Il mondo inquieto di Shakespeare di Neil MacGregor si legge come un raffinato percorso immaginativo fondato sulle figure;...