cugia
Diego Cugia

Tango alla fine del mondo

2013 / Mondadori / pp. 550 / € 14.50
7.5

Palermo, 1894: una protesta contro le tasse finisce in tumulto, represso nel sangue. Ai Maggio, lì presenti, a cui i carabinieri sequestrano ogni cosa, fa visita Tano, agente marittimo che promette a padre, madre e due figlie una terra dove “il pane è d’argento”, in cambio di qualche migliaio di lire per ricominciare daccapo; al porto però manca un biglietto e una delle figlie rimane a terra. Basterà vendere un vitellino per pagarle il viaggio: questo è il pensiero di  Michele Maggio, protagonista del romanzo. Scoprirà ben presto che il pane d’argento rompe i denti di chi prova a mangiarlo: l’Argentina non mantiene nemmeno una delle promesse fatte, restituendo solo odore di palude, di pesce del porto e sangue di mattatoio, per fortuna. Ma se mancano pane e denti, restano le mani almeno, per continuare a lavorare, per provare a riportare quella figlia davvero nei guai a una casa, e… per suonare. Dopo notti insonni per abituarsi a quello strumento così simile alla fisarmonica, una sera viene alla luce il tango, ballo di passione, ribellione, di scoperta. Tutta la storia sembra seguire il ritmo della danza, in una trama dai colpi di scena frenetici come i giri di note sulla bottoniera del bandeneòn, perché il tango è “vita, sa chi siamo” e implicitamente non gli si può sfuggire, inarrestabile come l’amore.

Diego Cugia scrive un romanzo di fine Ottocento all’inizio del millennio, abbandonando la prosa affilata come un coltello di Un amore all’inferno e Nero24, a favore di uno stile opulento e ricco come la Sicilia e l’Argentina, come lo spagnolo e il siciliano uniti in un pastiche linguistico che strizza l’occhio alla moda per la neodialettalità. Alla fine del mondo eppure vicino, la mente silenziosa del fu Jack Folla riesce ancora una volta a narrarci storie, violente come solo la vita umana sa essere, ostinata ieri come oggi a inseguire passioni e ideali senza un perché. Come il tango, del resto: le figure non si imparano, si inventano nel momento stesso in cui si vive.

Ultime recensioni Letture
mucchio_RicetteSignoraTokue_1
Durian Sukegawa

Le ricette della signora Tokue

7

La bottega di Sentarô vende dorayaki, i dolci tipici giapponesi farciti con confettura di fagioli rossi detta...
Luca_Quarin_Il_battito_oscuro_del_mondo
Luca Quarin

8

“E così la mia vita si ritrovò al punto di partenza, com’è tipico della vita, mi sembra”....
Massimo Padalino_il gioco
Massimo Padalino

Il gioco

7

Ne Il gioco fa da scenario la provincia veneta, ed è da lì che il romanzo parte...
1poore
Michael Poore

Reincarnation Blues

5.5

  Alcuni libri sembrano nascere per essere delle bellissime quarte di copertina. Poi, dopo l’entusiasmo iniziale, l’ultima...
arcana
Ernesto Assante

1977. Gioia e rivoluzione

7

Nell’accerchiamento, coinvolto, sebbene… Libro in libertà, multikulti, esistenziale a/traverso una Rosa al maschile (Alberto Asor), due società,...
1shak
Neil MacGregor

Il mondo inquieto di Shakespeare

7

Il mondo inquieto di Shakespeare di Neil MacGregor si legge come un raffinato percorso immaginativo fondato sulle figure;...
Notte ragazzi cattivi
Massimo Cacciapuoti

La notte dei ragazzi cattivi

6.5

Al suo ottavo romanzo, con La notte dei ragazzi cattivi, Massimo Cacciapuoti, dopo il fortunato esordio nel 1998...
abbecedario
Alessandro Fiori

Abbecedario degli animali

7

In ordine sparso: cani, astici, balene, oranghi, delfini. Una lettera, un’illustrazione e un breve testo per ogni...
barnes
Julian Barnes

Prima di me

6.5

“La prima volta che Graham Hendrick sorprese la moglie con un altro, non ne fece una malattia....
piscine
Enrico Gabrielli

Le piscine terminali

7.5

La stessa fantasia superiore palesata nell’arrangiamento e/o nell’esecuzione di “circa 200 dischi in 14 anni di attività”,...
mucchio_hollywood_cover
Peter Decherney

Hollywood

6.5

Sono tanti i libri dedicati a Hollywood e al suo cinema, pochi quelli di cui vale la...