quel poco d'amore
Emmanuele Bianco

Quel poco d’amore che c’è

Fandango / pp. 207 / € 16
7

Emmanuele Bianco ci conduce attraverso Quel poco d’amore che c’è, in un accumulo alternato di realtà asfaltata e ricordi appuntati come flashback, su una macchina da scrivere della memoria. Il ricordo, infatti, si fa memoria collettiva di una famiglia, in fuga prima dal Sud, poi da se stessa.
Il romanzo è scandito dalle parole di Veniero che ricuce i pezzi  di una famiglia mai esistita, Santo il padre e Maria, la madre, ormai in agonia. Il viaggio di ricongiunzione verso il letto di morte diventa il pretesto, il momento perfetto per ricordare e raffazzonare legami e parole assenti per anni. Così il ricordo lascia il posto ad una riflessione sull’assenza e sulla morte. Un’apologia del tempo che passa, inesorabile: “Le cose passano, come la luce di un’alba. Passano e sembrano lasciare ossa rotte. Le persone passano, e sembrano lasciarelividi. Ma tanto si va avanti lo stesso, amando per sempre ciò che s’è amato una volta sola. E se è vero che le cose passano esolo perché si sta ancora camminando. Un padre ed un figlio che  lambiscono un’idea di vicinanza mai provata prima, “Ti capita mai di sentirti intoccabile?”. Recuperare il tempo perduto in una manciata di ore. Salvare, grazie a quel poco d’amore che c’è ancora, un cane investito e chiamarlo come la vita che si è sognata, Bella.
Tre persone con lo stesso sangue ma che hanno perso l’orientamento e il peso di certi grovigli, e così si vaga come le tartarughe che seguono le correnti  e poi tornano al punto di partenza, lì dove sono nate – “Le tartarughe  si riassestano e ricominciano la marcia verso il mare, incredibilmente all’unisono, come fosse una  coreografia. Annaspano dietro all’istinto di sopravvivenza che gli indica la direzione da seguire. Così vulnerabili e così destinate, quasi a sorreggersi senza conoscersi, senza toccarsi, senza sapere nulla di tutto”.
Così Veniero dopo aver incasellato la sua nuova vita a Parigi ritorna in Italia, a quel letto di morte che è vita,  in un bildungsroman on the road alquanto strambo, ma riuscito, per l’utilizzo anche grafico, di una distanza temporale con il contingente di un lasso di tempo cinematografico giallognolo. Il ricordo che inscena e aiuta a conservare le sensazioni. E poi la rivelazione. Veniero soffre di  iperstimolazione dell’amigdala.

Chi malatia ti risse chi hai?
Soffro di ricordi”.

 

Ultime recensioni Letture / Libri
9788874628513-b
Jean Talon

Incontro coi selvaggi

8

Spassoso, divertente, puntiglioso e – come se non bastasse – colto, dannatamente colto. “Incontri coi selvaggi” scritto...
download
Mario Vattani

Doromizu. Acqua Torbida

7

Nell’acqua torbida galleggia e vive di tutto. Uomini e donne senza dignità, rapporti malati, violenze psicologiche e...
esorcista-light
William Peter Blatty

L'esorcista

9

“…E un uomo, le ossa di un uomo. I resti calcificati dell’angoscia cosmica che un giorno l’avevano...
Qualcosa, là fuori
Bruno Arpaia

Qualcosa, là fuori

8

Più che visionario, un romanzo attuale e allo stesso tempo impegnato civilmente. Qualcosa, là fuori di Bruno...
il-grand-slam
Charles Webb

Il grande slam

7.5

Il Grande Slam è un termine tecnico che nel tennis indica il conseguimento della vittoria in quattro tornei ma...
scala
Georges Simenon

La scala di ferro

7.5

Ètienne e Louise vivono insieme da quindici anni. Da quando, cioè, Louise irretì e convinse il giovane...
kurt
Paolo Restuccia

Io sono Kurt

6.5

Inseguimenti, denaro, donne, uomini in fuga e musica. Soprattutto tanta musica nel nuovo romanzo Io sono Kurt...
purity
Jonathan Franzen

Purity

7.5

Ti diranno che può non essere corretto scrivere in una recensione, soprattutto al principio, un’impressione personale, puramente...
voland
Edgar Hilsenrath

Orgasmo a Mosca

8

Cherchez l’homme, verrebbe voglia di dire dopo aver letto Orgasmo a Mosca, romanzo manifesto di Edgar Hilsnerath...
arreola
Juan José Arreola

Bestiario

7

Capita spesso che gli esseri umani siano paragonati agli animali, sia dal punto di vista fisico che...
mo yan
Mo Yan

Il paese dell'alcol

8

Ding Gou’er è un ispettore inviato dalla procura a indagare sulla fondatezza delle anonime accuse di cannibalismo...
miranda
Miranda July

Il primo uomo cattivo

8.5

Avete quarant’anni, su per giù. Siete questa donna dai capelli corti e la carne flaccida, per niente...
MORRISON Prima i bambini_300X__exact
Toni Morrison

Prima i bambini

7

di Valeria Calò Ci sono alcuni personaggi che sanno vivere nella menzogna per tutta la vita. Altri...