quel poco d'amore
Emmanuele Bianco

Quel poco d’amore che c’è

Fandango / pp. 207 / € 16
7

Emmanuele Bianco ci conduce attraverso Quel poco d’amore che c’è, in un accumulo alternato di realtà asfaltata e ricordi appuntati come flashback, su una macchina da scrivere della memoria. Il ricordo, infatti, si fa memoria collettiva di una famiglia, in fuga prima dal Sud, poi da se stessa.
Il romanzo è scandito dalle parole di Veniero che ricuce i pezzi  di una famiglia mai esistita, Santo il padre e Maria, la madre, ormai in agonia. Il viaggio di ricongiunzione verso il letto di morte diventa il pretesto, il momento perfetto per ricordare e raffazzonare legami e parole assenti per anni. Così il ricordo lascia il posto ad una riflessione sull’assenza e sulla morte. Un’apologia del tempo che passa, inesorabile: “Le cose passano, come la luce di un’alba. Passano e sembrano lasciare ossa rotte. Le persone passano, e sembrano lasciarelividi. Ma tanto si va avanti lo stesso, amando per sempre ciò che s’è amato una volta sola. E se è vero che le cose passano esolo perché si sta ancora camminando. Un padre ed un figlio che  lambiscono un’idea di vicinanza mai provata prima, “Ti capita mai di sentirti intoccabile?”. Recuperare il tempo perduto in una manciata di ore. Salvare, grazie a quel poco d’amore che c’è ancora, un cane investito e chiamarlo come la vita che si è sognata, Bella.
Tre persone con lo stesso sangue ma che hanno perso l’orientamento e il peso di certi grovigli, e così si vaga come le tartarughe che seguono le correnti  e poi tornano al punto di partenza, lì dove sono nate – “Le tartarughe  si riassestano e ricominciano la marcia verso il mare, incredibilmente all’unisono, come fosse una  coreografia. Annaspano dietro all’istinto di sopravvivenza che gli indica la direzione da seguire. Così vulnerabili e così destinate, quasi a sorreggersi senza conoscersi, senza toccarsi, senza sapere nulla di tutto”.
Così Veniero dopo aver incasellato la sua nuova vita a Parigi ritorna in Italia, a quel letto di morte che è vita,  in un bildungsroman on the road alquanto strambo, ma riuscito, per l’utilizzo anche grafico, di una distanza temporale con il contingente di un lasso di tempo cinematografico giallognolo. Il ricordo che inscena e aiuta a conservare le sensazioni. E poi la rivelazione. Veniero soffre di  iperstimolazione dell’amigdala.

Chi malatia ti risse chi hai?
Soffro di ricordi”.

 

Ultime recensioni Letture / Libri
Notte ragazzi cattivi
Massimo Cacciapuoti

La notte dei ragazzi cattivi

6.5

Al suo ottavo romanzo, con La notte dei ragazzi cattivi, Massimo Cacciapuoti, dopo il fortunato esordio nel 1998...
abbecedario
Alessandro Fiori

Abbecedario degli animali

7

In ordine sparso: cani, astici, balene, oranghi, delfini. Una lettera, un’illustrazione e un breve testo per ogni...
barnes
Julian Barnes

Prima di me

6.5

“La prima volta che Graham Hendrick sorprese la moglie con un altro, non ne fece una malattia....
piscine
Enrico Gabrielli

Le piscine terminali

7.5

La stessa fantasia superiore palesata nell’arrangiamento e/o nell’esecuzione di “circa 200 dischi in 14 anni di attività”,...
mucchio_hollywood_cover
Peter Decherney

Hollywood

6.5

Sono tanti i libri dedicati a Hollywood e al suo cinema, pochi quelli di cui vale la...
lincoln nel bardo
George Saunders

Lincoln nel bardo

9

Dicevamo – qualche tempo fa devo averlo scritto, dopo averlo letto da qualche altra parte – di...
geye
Peter Geye

Dentro l'inverno

5.5

Peter Geye forse non avrà mai letto i Sei personaggi in cerca d’autore di Luigi Pirandello. Eppure...
mucchio_Belmondo_cover
Jean-Paul Belmondo

Mille vite, la mia

7

Tutti pronti a ricordare Godard, De Sica o Melville per elogiare la strabiliante e lunghissima carriera dell’attore...
9788806233884_0_0_0_80
Mohsin Hamid

Exit West

8.5

Ci sono le stelle nel cielo e sotto le stelle ci sono la terra, le città e...
9788804664529_0_0_1537_80
Teresa Ciabatti

La più amata

7.5

Questa è la storia di Teresa Ciabatti, scritta in prima persona, senzavvirgolette e un talento per la...
bambara
Toni Cade Bambara

Gorilla, amore mio

7.5

Sebbene negli Stati Uniti sia considerata una scrittrice fondamentale nella storia della letteratura afroamericana, Gorilla, amore mio,...
animalnott

7

Che il loro habitat sia il deserto, la savana o il bosco, che si muovano sulla terra...
krull
Georges Simenon

La casa dei Krull

7

La casa dei Krull è l’estrema periferia del paese, vicino il capolinea del tram e davanti a...
la-stanza-profonda-vanni-santoni
Vanni Santoni

La stanza profonda

7.5

Chiusi in scantinati e garage, per vent’anni hanno inventato mondi via via più sofisticati, mentre il mondo...