epepe
Ferenc Karinthy

Epepe

Adelphi / pp. 217 / € 18
8

Una delle prime cose che viene in mente leggendo “Epepe” è Kafka, oppure Chafcha, o Jakka, o Khanka. Proprio come il protagonista di questo meraviglioso e agghiacciante romanzo non sa riconoscere la pronuncia esatta del nome della bionda ragazza che ogni giorno lo accoglie in ascensore, e di cui lentamente si innamora, il lettore, pagina dopo pagina, si immerge e si confonde sempre di più: gli sovvengono altre storie distopiche – Kafka, Orwell, Saramago per citarne alcune – ma “Epepe”, sarà la stessa cosa?

La risposta è no, e per capirlo si hanno due alternative: arrivare alla fine del libro e affidarsi al proprio senso critico o leggere la – bellissima – prefazione di Emmanuel Carrère. Ciò che rende unico “Epepe” non è il racconto di una realtà che nessuno vorrebbe mai vedere reale – ritrovarsi dopo un viaggio aereo in una città sconosciuta, i soldi contati, senza saper comunicare con gli altri né a parole né a gesti – ma il tono fermo, vischioso, quasi diabolico, con cui l’autore, l’ungherese Ferenc Karinthy, descrive ogni singolo passaggio dell’avventura di Budai, il protagonista. Dall’incredulità per essersi ritrovato in una situazione più assurda che inquietante, alla crescente angoscia per i fallimenti in cui incorre cercando una via d’uscita, il dramma di Budai anticipa ogni stato d’animo del lettore e lo precipita in un incubo, come l’insetto che, entrato casualmente in casa, colpisce ripetutamente, fastidiosamente, la luce della lampada.

Sì, “Epepe” richiama un po’ l’asfissia kafkiana di un mondo che schiaccia l’individuo come una mosca, e l’incomunicabilità cui è condannato Budai è la tragica immobilità della cecità di Saramago: ma poi c’è proprio Epepe (o Edebe, Bebe ecc.), la ragazza dell’ascensore, e tutto sembra diverso. Anche se lei e Budai non riescono a parlare, e Budai penosamente non sa neanche come chiamarla, lo spiarsi furtivamente nella cabina dell’ascensore o lo sfiorarsi durante un black-out non equivale comunque a un contatto? E questo contatto è vero, sentito, o è solo quel (poco) di cui si ha bisogno per non sentirsi soli quando la tua casa, tua moglie, il tuo cane, i tuoi libri sono lontani e neanche «voglio un taxi» è una frase pronunciabile?

Il rapporto con Epepe è così familiare nella sua stravaganza che è facile ci dica qualcosa di noi, che specchiamo la nostra incomunicabilità su schermi tascabili, e il non dialogo, più che la rovina di una storia, può farne da acceleratore. È un romanzo del 1970, ma per la paura che ci fa sembra scritto ieri, o meglio oggi: quando ritrovarsi in un posto qualsiasi, reale o meno, innamorati per una settimana di una che non potremo neanche rimpiangere invocandone il nome, non ci sembra poi tanto bizzarro.

Commenti

Ultime recensioni Letture / Libri
geye
Peter Geye

Dentro l'inverno

5.5

Peter Geye forse non avrà mai letto i Sei personaggi in cerca d’autore di Luigi Pirandello. Eppure...
mucchio_Belmondo_cover
Jean-Paul Belmondo

Mille vite, la mia

7

Tutti pronti a ricordare Godard, De Sica o Melville per elogiare la strabiliante e lunghissima carriera dell’attore...
9788806233884_0_0_0_80
Mohsin Hamid

Exit West

8.5

Ci sono le stelle nel cielo e sotto le stelle ci sono la terra, le città e...
9788804664529_0_0_1537_80
Teresa Ciabatti

La più amata

7.5

Questa è la storia di Teresa Ciabatti, scritta in prima persona, senzavvirgolette e un talento per la...
bambara
Toni Cade Bambara

Gorilla, amore mio

7.5

Sebbene negli Stati Uniti sia considerata una scrittrice fondamentale nella storia della letteratura afroamericana, Gorilla, amore mio,...
animalnott

7

Che il loro habitat sia il deserto, la savana o il bosco, che si muovano sulla terra...
krull
Georges Simenon

La casa dei Krull

7

La casa dei Krull è l’estrema periferia del paese, vicino il capolinea del tram e davanti a...
la-stanza-profonda-vanni-santoni
Vanni Santoni

La stanza profonda

7.5

Chiusi in scantinati e garage, per vent’anni hanno inventato mondi via via più sofisticati, mentre il mondo...
1hadelman
Nicola Manuppelli

Merenda da Hadelman

7

Si legge questo: “«Amo i cani. È la vita a essere dura». Più tardi imparai che questo...
Groff_300_COP_0000_cover_Layout-PDF-829x1160
Lauren Groff

Fato e Furia

8

Nei ringraziamenti, Lauren Groff scrive che questo libro è per Clay, per quella volta che lo ha...
Cognetti
Paolo Cognetti

Le otto montagne

8

Facciamo finta che l’acqua sia il tempo che scorre. Se qui, nel punto del fiume dove siamo...
Tony & Susan
Austin Wright

Tony & Susan

6.5

Lampeggia nelle sale cinematografiche e nei velodromi dello streaming piratesco l’ultimo film di Tom Ford, lo stilista...
nove
Aldo Nove

Anteprima Mondiale

6.5

La nave fantasma di Teseo traghetta le apocalissi di Aldo Nove. Niente sia risparmiato nell’allestimento di questo...
ferrè
Léo Ferré

Benoît Misère

7.5

Ha la forza di una poesia di Villon e la potenza di un canto anarchico. È poesia...
cesura
Andrea Dei Castaldi

La cesura

7.5

Catalogo di cesure: anzitutto la grande crisi del 2008, che fa da sfondo al ritorno a casa...