klay
Phil Klay

Fine missione

pp. 250 / € 19
7.5

La prima cosa che fa il sergente Price appena rientrato a casa è baciare sua moglie e accarezzare il suo cane: se lo ricordava più in forma, ma è anche vero che la vita di prima sembra lontanissima, adesso che è rientrato dalla missione. Qualche pagina dopo, porta il cane vicino al fiume e gli spara tre colpi, perché non soffra.

I dodici racconti che formano Fine missione di Phil Klay (la traduzione è di Silvia Pareschi) sono pieni di queste immagini che non possiamo capire né definire crudeli: come in una vecchia barzelletta che dice «sai quanti veterani del Vietnam servono per avvitare una lampadina? Non puoi, non eri là» non si ha risposta, e quindi il punto è ascoltare, se la guerra non l’hai vissuta e non sai cosa significa vivere sempre in codice arancione, quando riesci a scorgere una monetina in mezzo alla strada, la chimica del cervello cambia e percepisci ogni cosa. Né cosa vuol dire dover tornare al codice bianco, né che questa guerra – anzi, queste guerre – sono fatte da sparatorie e esplosioni, ma anche da periodi di freddo intenso, buche da riparare nelle strade, partite a carte e astinenza.

Gli artisti e le tipe, anche quelle pacifiste, non vogliono ascoltare questo, vogliono le lacrime o le storie che si concludono con un ghigno da pazzo e i personaggi di Klay li accontentano, perché quello che sperano di ottenere da loro è un po’ di calore, un abbraccio sul letto rifatto da parte di una ex, una lapdance più spinta ottenuta grazie alla divisa dell’esercito.

Se è vero – e ne parla in Storie di guerra – che non esiste una mitologia delle campagne in Iraq e un’iconografia post Full Metal Jacket, questo libro è, allora, una ferita non penetrante al torace e fa lo stesso male. Phil Klay fa della fiction su qualcosa che finzione non è, la riscrive come racconti, senza dire cosa succede dopo, perché forse un dopo non c’è veramente. Uno dei racconti si chiama Corpi e ci sono generali e spogliarelliste e io non ho ancora capito a quali corpi si riferisse.

Commenti

Ultime recensioni Letture / Libri
nove
Aldo Nove

Anteprima Mondiale

6.5

La nave fantasma di Teseo traghetta le apocalissi di Aldo Nove. Niente sia risparmiato nell’allestimento di questo...
ferrè
Léo Ferré

Benoît Misère

7.5

Ha la forza di una poesia di Villon e la potenza di un canto anarchico. È poesia...
cesura
Andrea Dei Castaldi

La cesura

7.5

Catalogo di cesure: anzitutto la grande crisi del 2008, che fa da sfondo al ritorno a casa...
copertina-Mazzoni
Lorenzo Mazzoni

Un tango per Victor

7.5

Un giovane italo-cileno, di nome Denil, vive ad Amsterdam. Lavora in un coffe shop ed è uno...
1invaders
Nona Fernández

Space Invaders

9

La memoria è una pietra che può fare male, che forse a volte qualcuno dovrebbe scagliare lontano...
Cover Libro
Piero Balzoni

Come uccidere le aragoste

7

Non conosce il vero significato degli oggetti e delle persone chi non ha mai perso qualcuno. Quella...
9788874628513-b
Jean Talon

Incontro coi selvaggi

8

Spassoso, divertente, puntiglioso e – come se non bastasse – colto, dannatamente colto. “Incontri coi selvaggi” scritto...
download
Mario Vattani

Doromizu. Acqua Torbida

7

Nell’acqua torbida galleggia e vive di tutto. Uomini e donne senza dignità, rapporti malati, violenze psicologiche e...
esorcista-light
William Peter Blatty

L'esorcista

9

“…E un uomo, le ossa di un uomo. I resti calcificati dell’angoscia cosmica che un giorno l’avevano...
Qualcosa, là fuori
Bruno Arpaia

Qualcosa, là fuori

8

Più che visionario, un romanzo attuale e allo stesso tempo impegnato civilmente. Qualcosa, là fuori di Bruno...
il-grand-slam
Charles Webb

Il grande slam

7.5

Il Grande Slam è un termine tecnico che nel tennis indica il conseguimento della vittoria in quattro tornei ma...
scala
Georges Simenon

La scala di ferro

7.5

Ètienne e Louise vivono insieme da quindici anni. Da quando, cioè, Louise irretì e convinse il giovane...
kurt
Paolo Restuccia

Io sono Kurt

6.5

Inseguimenti, denaro, donne, uomini in fuga e musica. Soprattutto tanta musica nel nuovo romanzo Io sono Kurt...
purity
Jonathan Franzen

Purity

7.5

Ti diranno che può non essere corretto scrivere in una recensione, soprattutto al principio, un’impressione personale, puramente...