lestate-di-sgt-pepper-cop
George Martin

L'estate di Sgt.Pepper

La Lepre / pp. 251 / € 14,90
7.5

C’è un disco che più di qualsiasi altro è stato capace di entrare a far parte dell’immaginario collettivo della cultura pop dello scorso secolo. Un disco che ha segnato più di una generazione di artisti, che ha scardinato ogni tipo di approccio alla musica pop e che ad oltre quarant’anni di distanza è ancora capace di far assaporare l’aria che si respirava durante i giorni del suo concepimento.
Il disco in questione, probabilmente lo avrete intuito, porta il nome di Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band.

Era l’estate del 1966, i Beatles erano all’apice del loro successo, ma allo stesso tempo sull’orlo di una crisi d’identità artistica. Erano sì la rockband più celebre e osannata dei due continenti (e non solo) ma il vestitino di showband che gli era stato cucito addosso cominciava ad andargli stretto, e i bottoni allentati rischiavano di saltare. I quattro avevano un unico desiderio, quello di tornare ad essere dei semplici musicisti, e per farlo l’unica soluzione che sembrava loro percorribile era quella di sospendere drasticamente ogni apparizione o esibizione dal vivo, chiudersi tra le mura dei mitici Abbey Road Studios e dare inizio alle danze. Così fu, e ciò che ne scaturì fu di fatto un magico affresco di quei lisergici e caleidoscopici giorni.

Quegl’incredibili quanto fretetici mesi ci vengono qui raccontati dall’unico vero quinto beatle mai esistito, colui che aveva il compito di trasformare ogni idea in suono, George Martin, che con il suo stile pungente e appasionato ripercorre, tra simpatici aneddoti sui Fab Four (capaci di strappare divertenti risate), curiose descrizioni riguardanti le inusuali e geniali (per quanto arcaiche) tecniche di registrazione e passaggi di puro romanticismo velato di nostalgia, la storia del Sergente Pepe e della sua banda dei cuori solitari.

E lasciandosi trasportare dalla prosa di Martin si ha la sensazione di essere seduti davanti ad un caminetto scoppiettante mentre sorseggiando un buon whiskey il vecchio zio, lasciandosi sopraffare dalle emozioni, ci racconta di quanto sia stata spassosa e divertente la giovinezza ai suoi tempi. Se poi questa la si condivideva con qui quattro monellacci di Liverpool, va da se che non si può non invidiare allo zio l’aver fatto parte di quell’incredibile sogno caleidoscopico.

Ultime recensioni Letture / Libri
Notte ragazzi cattivi
Massimo Cacciapuoti

La notte dei ragazzi cattivi

6.5

Al suo ottavo romanzo, con La notte dei ragazzi cattivi, Massimo Cacciapuoti, dopo il fortunato esordio nel 1998...
abbecedario
Alessandro Fiori

Abbecedario degli animali

7

In ordine sparso: cani, astici, balene, oranghi, delfini. Una lettera, un’illustrazione e un breve testo per ogni...
barnes
Julian Barnes

Prima di me

6.5

“La prima volta che Graham Hendrick sorprese la moglie con un altro, non ne fece una malattia....
piscine
Enrico Gabrielli

Le piscine terminali

7.5

La stessa fantasia superiore palesata nell’arrangiamento e/o nell’esecuzione di “circa 200 dischi in 14 anni di attività”,...
mucchio_hollywood_cover
Peter Decherney

Hollywood

6.5

Sono tanti i libri dedicati a Hollywood e al suo cinema, pochi quelli di cui vale la...
lincoln nel bardo
George Saunders

Lincoln nel bardo

9

Dicevamo – qualche tempo fa devo averlo scritto, dopo averlo letto da qualche altra parte – di...
geye
Peter Geye

Dentro l'inverno

5.5

Peter Geye forse non avrà mai letto i Sei personaggi in cerca d’autore di Luigi Pirandello. Eppure...
mucchio_Belmondo_cover
Jean-Paul Belmondo

Mille vite, la mia

7

Tutti pronti a ricordare Godard, De Sica o Melville per elogiare la strabiliante e lunghissima carriera dell’attore...
9788806233884_0_0_0_80
Mohsin Hamid

Exit West

8.5

Ci sono le stelle nel cielo e sotto le stelle ci sono la terra, le città e...
9788804664529_0_0_1537_80
Teresa Ciabatti

La più amata

7.5

Questa è la storia di Teresa Ciabatti, scritta in prima persona, senzavvirgolette e un talento per la...
bambara
Toni Cade Bambara

Gorilla, amore mio

7.5

Sebbene negli Stati Uniti sia considerata una scrittrice fondamentale nella storia della letteratura afroamericana, Gorilla, amore mio,...
animalnott

7

Che il loro habitat sia il deserto, la savana o il bosco, che si muovano sulla terra...
krull
Georges Simenon

La casa dei Krull

7

La casa dei Krull è l’estrema periferia del paese, vicino il capolinea del tram e davanti a...
la-stanza-profonda-vanni-santoni
Vanni Santoni

La stanza profonda

7.5

Chiusi in scantinati e garage, per vent’anni hanno inventato mondi via via più sofisticati, mentre il mondo...