lestate-di-sgt-pepper-cop
George Martin

L'estate di Sgt.Pepper

La Lepre / pp. 251 / € 14,90
7.5

C’è un disco che più di qualsiasi altro è stato capace di entrare a far parte dell’immaginario collettivo della cultura pop dello scorso secolo. Un disco che ha segnato più di una generazione di artisti, che ha scardinato ogni tipo di approccio alla musica pop e che ad oltre quarant’anni di distanza è ancora capace di far assaporare l’aria che si respirava durante i giorni del suo concepimento.
Il disco in questione, probabilmente lo avrete intuito, porta il nome di Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band.

Era l’estate del 1966, i Beatles erano all’apice del loro successo, ma allo stesso tempo sull’orlo di una crisi d’identità artistica. Erano sì la rockband più celebre e osannata dei due continenti (e non solo) ma il vestitino di showband che gli era stato cucito addosso cominciava ad andargli stretto, e i bottoni allentati rischiavano di saltare. I quattro avevano un unico desiderio, quello di tornare ad essere dei semplici musicisti, e per farlo l’unica soluzione che sembrava loro percorribile era quella di sospendere drasticamente ogni apparizione o esibizione dal vivo, chiudersi tra le mura dei mitici Abbey Road Studios e dare inizio alle danze. Così fu, e ciò che ne scaturì fu di fatto un magico affresco di quei lisergici e caleidoscopici giorni.

Quegl’incredibili quanto fretetici mesi ci vengono qui raccontati dall’unico vero quinto beatle mai esistito, colui che aveva il compito di trasformare ogni idea in suono, George Martin, che con il suo stile pungente e appasionato ripercorre, tra simpatici aneddoti sui Fab Four (capaci di strappare divertenti risate), curiose descrizioni riguardanti le inusuali e geniali (per quanto arcaiche) tecniche di registrazione e passaggi di puro romanticismo velato di nostalgia, la storia del Sergente Pepe e della sua banda dei cuori solitari.

E lasciandosi trasportare dalla prosa di Martin si ha la sensazione di essere seduti davanti ad un caminetto scoppiettante mentre sorseggiando un buon whiskey il vecchio zio, lasciandosi sopraffare dalle emozioni, ci racconta di quanto sia stata spassosa e divertente la giovinezza ai suoi tempi. Se poi questa la si condivideva con qui quattro monellacci di Liverpool, va da se che non si può non invidiare allo zio l’aver fatto parte di quell’incredibile sogno caleidoscopico.

Ultime recensioni Letture / Libri
1invaders
Nona Fernández

Space Invaders

9

La memoria è una pietra che può fare male, che forse a volte qualcuno dovrebbe scagliare lontano...
Cover Libro
Piero Balzoni

Come uccidere le aragoste

7

Non conosce il vero significato degli oggetti e delle persone chi non ha mai perso qualcuno. Quella...
9788874628513-b
Jean Talon

Incontro coi selvaggi

8

Spassoso, divertente, puntiglioso e – come se non bastasse – colto, dannatamente colto. “Incontri coi selvaggi” scritto...
download
Mario Vattani

Doromizu. Acqua Torbida

7

Nell’acqua torbida galleggia e vive di tutto. Uomini e donne senza dignità, rapporti malati, violenze psicologiche e...
esorcista-light
William Peter Blatty

L'esorcista

9

“…E un uomo, le ossa di un uomo. I resti calcificati dell’angoscia cosmica che un giorno l’avevano...
Qualcosa, là fuori
Bruno Arpaia

Qualcosa, là fuori

8

Più che visionario, un romanzo attuale e allo stesso tempo impegnato civilmente. Qualcosa, là fuori di Bruno...
il-grand-slam
Charles Webb

Il grande slam

7.5

Il Grande Slam è un termine tecnico che nel tennis indica il conseguimento della vittoria in quattro tornei ma...
scala
Georges Simenon

La scala di ferro

7.5

Ètienne e Louise vivono insieme da quindici anni. Da quando, cioè, Louise irretì e convinse il giovane...
kurt
Paolo Restuccia

Io sono Kurt

6.5

Inseguimenti, denaro, donne, uomini in fuga e musica. Soprattutto tanta musica nel nuovo romanzo Io sono Kurt...
purity
Jonathan Franzen

Purity

7.5

Ti diranno che può non essere corretto scrivere in una recensione, soprattutto al principio, un’impressione personale, puramente...
voland
Edgar Hilsenrath

Orgasmo a Mosca

8

Cherchez l’homme, verrebbe voglia di dire dopo aver letto Orgasmo a Mosca, romanzo manifesto di Edgar Hilsnerath...
arreola
Juan José Arreola

Bestiario

7

Capita spesso che gli esseri umani siano paragonati agli animali, sia dal punto di vista fisico che...
mo yan
Mo Yan

Il paese dell'alcol

8

Ding Gou’er è un ispettore inviato dalla procura a indagare sulla fondatezza delle anonime accuse di cannibalismo...
miranda
Miranda July

Il primo uomo cattivo

8.5

Avete quarant’anni, su per giù. Siete questa donna dai capelli corti e la carne flaccida, per niente...