paradossocontrollore
Gonzalo Hidalgo Bayal

Il paradosso del controllore

Edizioni Socrates / pp. 212 / € 13,50
7

Devo essere capitato all’inferno”: questo pensa l’anonimo viaggiatore-forestiero protagonista di questo romanzo dai toni marcatamente novecenteschi, “Il paradosso del controllore”, rimasto bloccato in un paese altrettanto anonimo perché il treno su cui si muoveva è ripartito senza di lui. “Devo essere capitato all’inferno”, pensa il protagonista del libro di Gonzalo Hidalgo Bayal: perché addentando uno dei churros che ha acquistato da un bar si scotta, ed è la seconda volta che gli capita, nel giro di poche ore. Sta esplorando la città in cui è capitato, attirando occhiate sospettose, e osserva le geometrie del luogo, e si perde in riflessioni e conversazioni improvvisate. E se in un inferno è capitato, il nostro forestiero, è un inferno bizzarro e sognante, popolato da guardiani sordi, profeti alcolizzati e giovani irrisolti; tutte figure sfiorate o dominate da un certo misticismo; personaggi che attirano il forestiero come una calamita, dando la sensazione che non si trova lì per caso, che il treno ripartito senza di lui – sceso in stazione per comprare una bottiglietta d’acqua – è il pretesto della sua avventura. Un Cristo, addirittura, offrendogli vino e tapas, lo guiderà in una via crucis di osterie.

Quello che riesce meglio a Bayal, docente universitario, poeta e scrittore spagnolo, vincitore di un premio Vargas Losa – insegna a Madrid – è di tenere assieme le tensioni metafisiche che pervadono il romanzo senza scivolare in un astrattismo scontato e noioso: al contrario, Il paradosso del controllore – tradotto da Daniela Simula e Simonetta Nove – riesce a mantenere sveglia l’attenzione del lettore, che si perde nella stazione e nella città sconosciuta esattamente come il forestiero protagonista del libro, caratterizzato da tinte amare, dolcemente malinconiche.

Commenti

Ultime recensioni Letture / Libri
nove
Aldo Nove

Anteprima Mondiale

6.5

La nave fantasma di Teseo traghetta le apocalissi di Aldo Nove. Niente sia risparmiato nell’allestimento di questo...
ferrè
Léo Ferré

Benoît Misère

7.5

Ha la forza di una poesia di Villon e la potenza di un canto anarchico. È poesia...
cesura
Andrea Dei Castaldi

La cesura

7.5

Catalogo di cesure: anzitutto la grande crisi del 2008, che fa da sfondo al ritorno a casa...
copertina-Mazzoni
Lorenzo Mazzoni

Un tango per Victor

7.5

Un giovane italo-cileno, di nome Denil, vive ad Amsterdam. Lavora in un coffe shop ed è uno...
1invaders
Nona Fernández

Space Invaders

9

La memoria è una pietra che può fare male, che forse a volte qualcuno dovrebbe scagliare lontano...
Cover Libro
Piero Balzoni

Come uccidere le aragoste

7

Non conosce il vero significato degli oggetti e delle persone chi non ha mai perso qualcuno. Quella...
9788874628513-b
Jean Talon

Incontro coi selvaggi

8

Spassoso, divertente, puntiglioso e – come se non bastasse – colto, dannatamente colto. “Incontri coi selvaggi” scritto...
download
Mario Vattani

Doromizu. Acqua Torbida

7

Nell’acqua torbida galleggia e vive di tutto. Uomini e donne senza dignità, rapporti malati, violenze psicologiche e...
esorcista-light
William Peter Blatty

L'esorcista

9

“…E un uomo, le ossa di un uomo. I resti calcificati dell’angoscia cosmica che un giorno l’avevano...
Qualcosa, là fuori
Bruno Arpaia

Qualcosa, là fuori

8

Più che visionario, un romanzo attuale e allo stesso tempo impegnato civilmente. Qualcosa, là fuori di Bruno...
il-grand-slam
Charles Webb

Il grande slam

7.5

Il Grande Slam è un termine tecnico che nel tennis indica il conseguimento della vittoria in quattro tornei ma...
scala
Georges Simenon

La scala di ferro

7.5

Ètienne e Louise vivono insieme da quindici anni. Da quando, cioè, Louise irretì e convinse il giovane...
kurt
Paolo Restuccia

Io sono Kurt

6.5

Inseguimenti, denaro, donne, uomini in fuga e musica. Soprattutto tanta musica nel nuovo romanzo Io sono Kurt...
purity
Jonathan Franzen

Purity

7.5

Ti diranno che può non essere corretto scrivere in una recensione, soprattutto al principio, un’impressione personale, puramente...