paradossocontrollore
Gonzalo Hidalgo Bayal

Il paradosso del controllore

Edizioni Socrates / pp. 212 / € 13,50
7

Devo essere capitato all’inferno”: questo pensa l’anonimo viaggiatore-forestiero protagonista di questo romanzo dai toni marcatamente novecenteschi, “Il paradosso del controllore”, rimasto bloccato in un paese altrettanto anonimo perché il treno su cui si muoveva è ripartito senza di lui. “Devo essere capitato all’inferno”, pensa il protagonista del libro di Gonzalo Hidalgo Bayal: perché addentando uno dei churros che ha acquistato da un bar si scotta, ed è la seconda volta che gli capita, nel giro di poche ore. Sta esplorando la città in cui è capitato, attirando occhiate sospettose, e osserva le geometrie del luogo, e si perde in riflessioni e conversazioni improvvisate. E se in un inferno è capitato, il nostro forestiero, è un inferno bizzarro e sognante, popolato da guardiani sordi, profeti alcolizzati e giovani irrisolti; tutte figure sfiorate o dominate da un certo misticismo; personaggi che attirano il forestiero come una calamita, dando la sensazione che non si trova lì per caso, che il treno ripartito senza di lui – sceso in stazione per comprare una bottiglietta d’acqua – è il pretesto della sua avventura. Un Cristo, addirittura, offrendogli vino e tapas, lo guiderà in una via crucis di osterie.

Quello che riesce meglio a Bayal, docente universitario, poeta e scrittore spagnolo, vincitore di un premio Vargas Losa – insegna a Madrid – è di tenere assieme le tensioni metafisiche che pervadono il romanzo senza scivolare in un astrattismo scontato e noioso: al contrario, Il paradosso del controllore – tradotto da Daniela Simula e Simonetta Nove – riesce a mantenere sveglia l’attenzione del lettore, che si perde nella stazione e nella città sconosciuta esattamente come il forestiero protagonista del libro, caratterizzato da tinte amare, dolcemente malinconiche.

Commenti

Ultime recensioni Letture / Libri
1serino
Francesco Serino

Lo spirito della scrittura

6.5

Tra i tanti mestieri che hanno a che fare direttamente con il lavoro editoriale, uno possiede un...
1fulmini
Matteo Trevisani

Il libro dei fulmini

8

Il libro dei Fulmini ha il suono dello sciabordio del tempo, il lento rincasare del presente nel...
mucchio_RicetteSignoraTokue_1
Durian Sukegawa

Le ricette della signora Tokue

7

La bottega di Sentarô vende dorayaki, i dolci tipici giapponesi farciti con confettura di fagioli rossi detta...
Luca_Quarin_Il_battito_oscuro_del_mondo
Luca Quarin

8

“E così la mia vita si ritrovò al punto di partenza, com’è tipico della vita, mi sembra”....
Massimo Padalino_il gioco
Massimo Padalino

Il gioco

7

Ne Il gioco fa da scenario la provincia veneta, ed è da lì che il romanzo parte...
1poore
Michael Poore

Reincarnation Blues

5.5

  Alcuni libri sembrano nascere per essere delle bellissime quarte di copertina. Poi, dopo l’entusiasmo iniziale, l’ultima...
arcana
Ernesto Assante

1977. Gioia e rivoluzione

7

Nell’accerchiamento, coinvolto, sebbene… Libro in libertà, multikulti, esistenziale a/traverso una Rosa al maschile (Alberto Asor), due società,...
1shak
Neil MacGregor

Il mondo inquieto di Shakespeare

7

Il mondo inquieto di Shakespeare di Neil MacGregor si legge come un raffinato percorso immaginativo fondato sulle figure;...
Notte ragazzi cattivi
Massimo Cacciapuoti

La notte dei ragazzi cattivi

6.5

Al suo ottavo romanzo, con La notte dei ragazzi cattivi, Massimo Cacciapuoti, dopo il fortunato esordio nel 1998...