holden copertina
JD Salinger

Il giovane Holden

Einaudi / pp. 248 / € 12
9.5

Mi portavo il libro ovunque come una sorta di talismano. Mi sembrava più buffo, più commovente, più giusto nel descrivere le cose di qualunque altro libro avessi mai letto”; il libro è The Catcher In The Rye e così ne parlava Ian Hamilton, un poeta e critico letterario inglese che per anni ha inseguito J.D. Salinger, il più imprendibile degli scrittori americani del Novecento, per scriverne una biografia. E abbiamo preso Hamilton, ma vale per tanti. È valso anche per Mark David Chapman, per dire.

In Italia, quando venne pubblicato da Einaudi, al libro-talismano dettero il titolo Il giovane Holden, perché quello originale era intraducibile; c’è una nota, famosissima, che spiega tutto. Holden uscì dieci anni dopo la prima edizione americana e nove dopo la prima versione comparsa qui da noi, intitolata Vita da uomo dall’editore romano Gherardo Casini. Il libro era accompagnato da una fascetta rossa che interrogava il lettore: “Un libro scandaloso o profondamente morale”? Per Casini lo tradusse Jacopo Darca, ma fu un fiasco (non necessariamente per colpa del traduttore); la versione che abbiamo letto tutti, quella einaudiana del 1961, è quella di Adriana Motti. Adesso ci ha rimesso mano Matteo Colombo, senz’altro tra i migliori traduttori italiani contemporanei (De Lillo, Egan, Wallace, Eggers).  E ora bisogna dire questo: che come qualsiasi altra cosa, i libri possono piacere o non piacere. C’è gente che non apprezza Dostoevskij, per dire. Il giovane Holden appartiene a un’altra categoria, perché se ti piace non si limita a piacerti: succede che vien voglia di portartelo dietro, o di tenerlo sul comodino negli anni. Succede che mentre parli pensi che certe tue parole vengano fuori in corsivo, o che non riuscirai mai a sopportare la gente che se la tira troppo, o che vorresti tanto chiamare qualcuno ma proprio non ti decidi a farlo. Per questo, e per altri motivi difficili da esprimere, una nuova traduzione del libro più noto di Salinger è un evento, e adesso che J.D. non è più tra noi possiamo dirlo sapendo di non offenderlo.

In Italia, chi ha amato Holden necessariamente deve aver amato Adriana Motti (i due sono morti a pochi mesi di distanza), che ha fatto rivivere nella nostra lingua le ossessioni e i tic linguistici del giovane Caulfield. “La mia infanzia schifa”, “vattelapesca”, e tutti quei “stramaledetto” e “maledettissimo” e “col fischio!”, e “compagnia bella”, e tante cose “buffe”. Naturalmente, molti modi di dire e tante parole sono invecchiate con il passare del tempo, e delle copertine che si sono susseguite. La cosa incredibile è che sembra proprio che il libro continui ad esercitare il suo incanto; ma chi lo accosta adesso difficilmente usa vattelapesca – in effetti sospetto di non aver mai sentito nessuno dire vattelapesca. E poi quelle di Central Park sono ormai per tutti anatre, non anitre. In ogni caso, Matteo Colombo si è accostato al lavoro con grande rispetto, e con quella che definirei una certa dolcezza. Non come un chirurgo, ma come un raffinato musicista chiamato a ri-arrangiare una piccola sinfonia, e che non sta lì a volerci dimostrare quanto sia bravo (Caulfield apprezzerebbe l’approccio; almeno quanto non apprezzerebbe sapere che una scuola di scrittura è intitolata a suo nome… lui, che la scuola la odia). Nella nuova traduzione, lo slang si fa più brutale “(il didietro per terra” diventa “il culo per terra”, e ci sono più “cazzo”, e i “respigenti potentissimi” di Lillian Simmons diventano delle “bocce enormi”. “Respingenti potentissimi”. Mi ha sempre lasciato secco, in effetti). Il “biliardino automatico” adesso è un più comune “flipper”, e la cantante Estelle Fletecher – Holden cerca un suo disco per regalarlo alla sorella Phoebe – da “negra” diventa “di colore”  (e in effetti nella versione originale è una “colored girl singer”, quindi non si tratta di eccessi da politically correct). E via discorrendo: insomma: l’Holden di Colombo è lui, il caro vecchio Holden di J.D. Salinger, con un abito leggermente rinfrescato – a proposito, il “berretto” da caccia di Caulfield, adesso è un “cappello”.

Commenti

Ultime recensioni Letture / Libri
1invaders
Nona Fernández

Space Invaders

9

La memoria è una pietra che può fare male, che forse a volte qualcuno dovrebbe scagliare lontano...
Cover Libro
Piero Balzoni

Come uccidere le aragoste

7

Non conosce il vero significato degli oggetti e delle persone chi non ha mai perso qualcuno. Quella...
9788874628513-b
Jean Talon

Incontro coi selvaggi

8

Spassoso, divertente, puntiglioso e – come se non bastasse – colto, dannatamente colto. “Incontri coi selvaggi” scritto...
download
Mario Vattani

Doromizu. Acqua Torbida

7

Nell’acqua torbida galleggia e vive di tutto. Uomini e donne senza dignità, rapporti malati, violenze psicologiche e...
esorcista-light
William Peter Blatty

L'esorcista

9

“…E un uomo, le ossa di un uomo. I resti calcificati dell’angoscia cosmica che un giorno l’avevano...
Qualcosa, là fuori
Bruno Arpaia

Qualcosa, là fuori

8

Più che visionario, un romanzo attuale e allo stesso tempo impegnato civilmente. Qualcosa, là fuori di Bruno...
il-grand-slam
Charles Webb

Il grande slam

7.5

Il Grande Slam è un termine tecnico che nel tennis indica il conseguimento della vittoria in quattro tornei ma...
scala
Georges Simenon

La scala di ferro

7.5

Ètienne e Louise vivono insieme da quindici anni. Da quando, cioè, Louise irretì e convinse il giovane...
kurt
Paolo Restuccia

Io sono Kurt

6.5

Inseguimenti, denaro, donne, uomini in fuga e musica. Soprattutto tanta musica nel nuovo romanzo Io sono Kurt...
purity
Jonathan Franzen

Purity

7.5

Ti diranno che può non essere corretto scrivere in una recensione, soprattutto al principio, un’impressione personale, puramente...
voland
Edgar Hilsenrath

Orgasmo a Mosca

8

Cherchez l’homme, verrebbe voglia di dire dopo aver letto Orgasmo a Mosca, romanzo manifesto di Edgar Hilsnerath...
arreola
Juan José Arreola

Bestiario

7

Capita spesso che gli esseri umani siano paragonati agli animali, sia dal punto di vista fisico che...
mo yan
Mo Yan

Il paese dell'alcol

8

Ding Gou’er è un ispettore inviato dalla procura a indagare sulla fondatezza delle anonime accuse di cannibalismo...
miranda
Miranda July

Il primo uomo cattivo

8.5

Avete quarant’anni, su per giù. Siete questa donna dai capelli corti e la carne flaccida, per niente...