mo yan
Mo Yan

Il paese dell'alcol

Einaudi / pp. 376 / € 21
8

Ding Gou’er è un ispettore inviato dalla procura a indagare sulla fondatezza delle anonime accuse di cannibalismo nella città cinese di Jinguo, famosa per la ricerca scientifica sui liquori e per questo motivo conosciuto come il Paese dell’Alcol e denunciare l’orrendo traffico di neonati. Ma ben presto Ding, un eroe negativo le cui passioni sono le donne, l’alcol e risolvere i casi che gli vengono assegnati, scopre che nel Paese dell’Alcol, dove abbondano bizzarre e sinistre tentazioni, l’aspetto più difficile delle indagini è tenere la mente lucida.

Durante i banchetti ufficiali ai quali è invitato dalle autorità locali tra infiniti brindisi, sempre ubriaco, l’ispettore perde il senso della realtà e non riesce più a capire se quanto gli viene imbandito è veramente la tenera, grassa e morbida carne di un neonato cucinata con una raffinatezza squisita (il “bambino brasato in salsa di soia” o il “bambino dono dell’unicorno”, che “libera un irresistibile profumo inebriante”) o una presentazione ad effetto frutto della manipolazione di alcuni ingredienti: le braccine di neonato che gli vengono offerte si rivelano gambi di fiori di loto abilmente modellati dal coltello del cuoco.

Rapidamente la scritture realista si impregna di fantastico e il sogno fa il suo ingresso nella narrazione. Di banchetto in banchetto, di desiderio in desiderio, attraverso i vapori dell’alcol e i deliri dei personaggi (un ispettore svogliato e paranoico, un diabolico nano lussurioso dai poteri sovrannaturali, un dottorando in distillazione di alcolici, una seducente camionista, un demone dalla pelle a scaglie, un vecchio rivoluzionario guardiano delle tombe dei martire, una strega insegnante di cucina) Mo Yan strega, ipnotizza, disturba.

Ci immerge in un universo allucinato e feroce, risveglia le meraviglie e i demoni dell’inconscio collettivo. Un mondo totalmente assurdo, dove il lettore non riesce a trovare gli elementi tipici della letteratura noir e si perde suo malgrado nella struttura narrativa complessa e liquida, come del resto si perde lo stesso protagonista. Mo Yan mette in scena il terrificante, l’assurdo e il comico in un miscuglio postmoderno che prende in prestito elementi della narrativa kung fu, noir, della tradizione taoista, della letteratura popolare cinese, della letteratura contemporanea e del realismo magico creando quel “realismo allucinato” che gli ha meritato il Premio Nobel e forse proprio nel Paese dell’alcol dà la miglior prova.

Nei dieci capitoli dedicati all’inchiesta sono incastonati uno scambio epistolare tra l’autore Mo Yan e Li Yidou, un aspirante giovane scrittore esperto di distillazione di alcolici e un suo racconto breve. Le storie di Li sono ogni volta più fantastiche e maligne e insinuano nella mente di Mo Yan i fantasmi di crudeli banchetti di neonati e personaggi demoniaci e di volta in volta assomigliano e influenzano la storia di Ding nel Paese dell’alcol finché le due narrazioni non coincidono e l’autore nel continuo gioco di specchi dove realtà e immaginazione, verità e menzogna si mescolano continuamente, finisce per trovarsi personaggio nel capitolo conclusivo.

Alcuni lettori potrebbero trovare che la scrittura manca di misura, ma senza dubbio con la giustapposizione di elementi terrificanti e comici, lirici e osceni, Mo Yan si prende gioco delle contraddizioni della Cina riformista e lancia un grido per l’anima persa della sua nazione. Nella Cina bulimica immaginata dell’autore, tutto quello che è consumabile, deve essere consumato: montone, manzo, porco, cane, mulo, pollo, coniglio, piccione, anatra, gambero, ratti, oca, palmi d’orso, nidi di rondine, ornitorinchi e bambini. E tutto è divorato in grande quantità, al limite del disgusto.

Il cannibalismo diventa la metafora di una società alla deriva, dove desideri e ambizioni insaziabili convivono con un materialismo disperato che distrugge l’uomo e lo riduce alle passioni primitive. Con i loro appetiti voraci e prodigiosi nessuno si sottrae alla grande abbuffata dionisiaca e ciò che ne resta è solo grottesca buffoneria e inquietante banalità. Finché “tutti gli ideali, la giustizia, il rispetto, l’onore e l’amore, tutte le cose nobili affondano nella fogna assieme all’infelice ispettore”.

Commenti

Ultime recensioni Letture / Libri
1serino
Francesco Serino

Lo spirito della scrittura

6.5

Tra i tanti mestieri che hanno a che fare direttamente con il lavoro editoriale, uno possiede un...
1fulmini
Matteo Trevisani

Il libro dei fulmini

8

Il libro dei Fulmini ha il suono dello sciabordio del tempo, il lento rincasare del presente nel...
mucchio_RicetteSignoraTokue_1
Durian Sukegawa

Le ricette della signora Tokue

7

La bottega di Sentarô vende dorayaki, i dolci tipici giapponesi farciti con confettura di fagioli rossi detta...
Luca_Quarin_Il_battito_oscuro_del_mondo
Luca Quarin

8

“E così la mia vita si ritrovò al punto di partenza, com’è tipico della vita, mi sembra”....
Massimo Padalino_il gioco
Massimo Padalino

Il gioco

7

Ne Il gioco fa da scenario la provincia veneta, ed è da lì che il romanzo parte...
1poore
Michael Poore

Reincarnation Blues

5.5

  Alcuni libri sembrano nascere per essere delle bellissime quarte di copertina. Poi, dopo l’entusiasmo iniziale, l’ultima...
arcana
Ernesto Assante

1977. Gioia e rivoluzione

7

Nell’accerchiamento, coinvolto, sebbene… Libro in libertà, multikulti, esistenziale a/traverso una Rosa al maschile (Alberto Asor), due società,...
1shak
Neil MacGregor

Il mondo inquieto di Shakespeare

7

Il mondo inquieto di Shakespeare di Neil MacGregor si legge come un raffinato percorso immaginativo fondato sulle figure;...
Notte ragazzi cattivi
Massimo Cacciapuoti

La notte dei ragazzi cattivi

6.5

Al suo ottavo romanzo, con La notte dei ragazzi cattivi, Massimo Cacciapuoti, dopo il fortunato esordio nel 1998...
abbecedario
Alessandro Fiori

Abbecedario degli animali

7

In ordine sparso: cani, astici, balene, oranghi, delfini. Una lettera, un’illustrazione e un breve testo per ogni...