grangè
Jean-Christophe Grangé

Il respiro della cenere

Garzanti / pp. 437 / € 18,60
6.5

Il nuovo romanzo di Jean-Christophe Grangé, Il respiro della cenere, è un po’ figlio di Fukushima. Della tragedia ha assorbito la parte contaminata e pericolosa. Talvolta, qualche pensiero sfugge al controllo ed ecco che anche il gigante tecnologico non è più l’orgia di luci al neon d’un tempo, pur restando il simulacro di un Paese che non sa dire di no, se non attraverso musi lunghi o spericolati giri di parole. Ma a quella parte del libro ci si arriva a tempo debito, dopo aver lasciato lo sbirro Olivier affrontare il nemico dichiarato, l’Ostetrico, un ermafrodita con la fissa della Fenice purificatrice e un lungo elenco di morti. I due un po’ si somigliano: stesse origini senza genitori, stessi istituti, identica pulsione a ripagare il male con il male. In realtà ne Il respiro della cenere (in originale: Kaiken, termine giapponese che indica un piccolo pugnale), Olivier è l’incarnazione ideale del ronin, samurai senza padrone né guinzaglio, disposto a tutto pur di salvare la moglie Naoko e i figli. Come sempre in Grangé l’impianto poliziesco si lascia inghiottire nel più torbido nero, dove istinti bestiali, omicidi efferati e psicologie marce si disintegrano con voluttà contro l’altro emisfero. Che però è quasi sempre popolato da personalità neutre. L’eroe buono è bandito dalle pagine dei suoi libri. Ma per qualcuno devi pur tifare e Olivier resta il meno ovvio degli individui chiamati a salvare il salvabile. Rispetto ad altre opere, il nuovo romanzo gioca con il lettore, sviandolo dalla retta via, stuzzicandolo con studiate geometrie di colpe e colpevoli. Piace anche il cordoglio emotivo per un Giappone che non c’è più. Anestetizzato dai paradigmi o dal desiderio che abbiamo di rinchiuderlo in un rassicurante perimetro di luoghi comuni. Forse per sentirci come il protagonista. Un illuso in terra straniera.

 

Ultime recensioni Letture / Libri
nove
Aldo Nove

Anteprima Mondiale

6.5

La nave fantasma di Teseo traghetta le apocalissi di Aldo Nove. Niente sia risparmiato nell’allestimento di questo...
ferrè
Léo Ferré

Benoît Misère

7.5

Ha la forza di una poesia di Villon e la potenza di un canto anarchico. È poesia...
cesura
Andrea Dei Castaldi

La cesura

7.5

Catalogo di cesure: anzitutto la grande crisi del 2008, che fa da sfondo al ritorno a casa...
copertina-Mazzoni
Lorenzo Mazzoni

Un tango per Victor

7.5

Un giovane italo-cileno, di nome Denil, vive ad Amsterdam. Lavora in un coffe shop ed è uno...
1invaders
Nona Fernández

Space Invaders

9

La memoria è una pietra che può fare male, che forse a volte qualcuno dovrebbe scagliare lontano...
Cover Libro
Piero Balzoni

Come uccidere le aragoste

7

Non conosce il vero significato degli oggetti e delle persone chi non ha mai perso qualcuno. Quella...
9788874628513-b
Jean Talon

Incontro coi selvaggi

8

Spassoso, divertente, puntiglioso e – come se non bastasse – colto, dannatamente colto. “Incontri coi selvaggi” scritto...
download
Mario Vattani

Doromizu. Acqua Torbida

7

Nell’acqua torbida galleggia e vive di tutto. Uomini e donne senza dignità, rapporti malati, violenze psicologiche e...
esorcista-light
William Peter Blatty

L'esorcista

9

“…E un uomo, le ossa di un uomo. I resti calcificati dell’angoscia cosmica che un giorno l’avevano...
Qualcosa, là fuori
Bruno Arpaia

Qualcosa, là fuori

8

Più che visionario, un romanzo attuale e allo stesso tempo impegnato civilmente. Qualcosa, là fuori di Bruno...
il-grand-slam
Charles Webb

Il grande slam

7.5

Il Grande Slam è un termine tecnico che nel tennis indica il conseguimento della vittoria in quattro tornei ma...
scala
Georges Simenon

La scala di ferro

7.5

Ètienne e Louise vivono insieme da quindici anni. Da quando, cioè, Louise irretì e convinse il giovane...
kurt
Paolo Restuccia

Io sono Kurt

6.5

Inseguimenti, denaro, donne, uomini in fuga e musica. Soprattutto tanta musica nel nuovo romanzo Io sono Kurt...
purity
Jonathan Franzen

Purity

7.5

Ti diranno che può non essere corretto scrivere in una recensione, soprattutto al principio, un’impressione personale, puramente...