grangè
Jean-Christophe Grangé

Il respiro della cenere

Garzanti / pp. 437 / € 18,60
6.5

Il nuovo romanzo di Jean-Christophe Grangé, Il respiro della cenere, è un po’ figlio di Fukushima. Della tragedia ha assorbito la parte contaminata e pericolosa. Talvolta, qualche pensiero sfugge al controllo ed ecco che anche il gigante tecnologico non è più l’orgia di luci al neon d’un tempo, pur restando il simulacro di un Paese che non sa dire di no, se non attraverso musi lunghi o spericolati giri di parole. Ma a quella parte del libro ci si arriva a tempo debito, dopo aver lasciato lo sbirro Olivier affrontare il nemico dichiarato, l’Ostetrico, un ermafrodita con la fissa della Fenice purificatrice e un lungo elenco di morti. I due un po’ si somigliano: stesse origini senza genitori, stessi istituti, identica pulsione a ripagare il male con il male. In realtà ne Il respiro della cenere (in originale: Kaiken, termine giapponese che indica un piccolo pugnale), Olivier è l’incarnazione ideale del ronin, samurai senza padrone né guinzaglio, disposto a tutto pur di salvare la moglie Naoko e i figli. Come sempre in Grangé l’impianto poliziesco si lascia inghiottire nel più torbido nero, dove istinti bestiali, omicidi efferati e psicologie marce si disintegrano con voluttà contro l’altro emisfero. Che però è quasi sempre popolato da personalità neutre. L’eroe buono è bandito dalle pagine dei suoi libri. Ma per qualcuno devi pur tifare e Olivier resta il meno ovvio degli individui chiamati a salvare il salvabile. Rispetto ad altre opere, il nuovo romanzo gioca con il lettore, sviandolo dalla retta via, stuzzicandolo con studiate geometrie di colpe e colpevoli. Piace anche il cordoglio emotivo per un Giappone che non c’è più. Anestetizzato dai paradigmi o dal desiderio che abbiamo di rinchiuderlo in un rassicurante perimetro di luoghi comuni. Forse per sentirci come il protagonista. Un illuso in terra straniera.

 

Ultime recensioni Letture / Libri
1serino
Francesco Serino

Lo spirito della scrittura

6.5

Tra i tanti mestieri che hanno a che fare direttamente con il lavoro editoriale, uno possiede un...
1fulmini
Matteo Trevisani

Il libro dei fulmini

8

Il libro dei Fulmini ha il suono dello sciabordio del tempo, il lento rincasare del presente nel...
mucchio_RicetteSignoraTokue_1
Durian Sukegawa

Le ricette della signora Tokue

7

La bottega di Sentarô vende dorayaki, i dolci tipici giapponesi farciti con confettura di fagioli rossi detta...
Luca_Quarin_Il_battito_oscuro_del_mondo
Luca Quarin

8

“E così la mia vita si ritrovò al punto di partenza, com’è tipico della vita, mi sembra”....
Massimo Padalino_il gioco
Massimo Padalino

Il gioco

7

Ne Il gioco fa da scenario la provincia veneta, ed è da lì che il romanzo parte...
1poore
Michael Poore

Reincarnation Blues

5.5

  Alcuni libri sembrano nascere per essere delle bellissime quarte di copertina. Poi, dopo l’entusiasmo iniziale, l’ultima...
arcana
Ernesto Assante

1977. Gioia e rivoluzione

7

Nell’accerchiamento, coinvolto, sebbene… Libro in libertà, multikulti, esistenziale a/traverso una Rosa al maschile (Alberto Asor), due società,...
1shak
Neil MacGregor

Il mondo inquieto di Shakespeare

7

Il mondo inquieto di Shakespeare di Neil MacGregor si legge come un raffinato percorso immaginativo fondato sulle figure;...
Notte ragazzi cattivi
Massimo Cacciapuoti

La notte dei ragazzi cattivi

6.5

Al suo ottavo romanzo, con La notte dei ragazzi cattivi, Massimo Cacciapuoti, dopo il fortunato esordio nel 1998...