mucchio_Dicker_cover
Joël Dicker

La verità sul caso Harry Quebert

Bompiani / pp. 784 / € 19,50
8

C’è da invidiare il ginevrino Joël Dicker. A ventotto anni ha partorito un capolavoro, e al secondo romanzo. Di solito meta privilegiata di facili cadute, dopo un esordio coi fiocchi: il suo primo romanzo Les derniers jours de nos pères nel 2010 aveva portato a casa un Prix des écrivains genevois. Da quelle parti vorrà certamente dire qualcosa. Idem in Francia dove gli tengono gli occhi puntati addosso. Leggete La verità sul caso Harry Quebert e forse converrete con noi che i miracoli esistono. I gialli ben congegnati li scrivono ancora. Fenomeno letterario o meno, Dicker appartiene alla categoria “sonora sberla in faccia”. Ovvero coloro che ti costringono a incassare quasi 800 pagine di romanzo con meccanica assuefazione, cambiando le regole del gioco in corso d’opera. Ma se l’anima del suo romanzo è di quella tonalità di colore, non sfuggirà al suo interno il senso di appartenenza al mondo dei libri e della scrittura. La verità sul caso Harry Quebert è un romanzo appassionante che ti fa dubitare di tutto e di tutti, sino all’ultimo. Tranne dell’amore.

La storia non suona migliore o peggiore di altre: una ragazzina di 15 anni, Nola Kellergan, svanisce misteriosamente alla fine dell’estate 1975, per ricomparire cadavere trent’anni più tardi nel giardino dell’uomo che segretamente l’aveva amata. Lui è un romanziere famoso e il suo discepolo, Marcus Goldman, fregato dal blocco dello scrittore proprio al secondo romanzo, inizia a indagare. Agatha Christie, mettiti comoda sulla tua nuvoletta e sta a guardare. Dicker costruisce il suo giallo magistrale ricomponendo un puzzle a incastro ambientandolo nella quieta provincia americana, a un passo dal Maine caro a Stephen King. Compie drastiche inversioni temporali a U, lisciando il passato di uomini e donne che, all’apparenza, con la vittima non c’entravano nulla. E intanto rivela, scarta, divaga da abile piazzista di emozioni, colpi di scena, improvvisi ribaltamenti. Fino a rivelarci chi-cosa-perché. Con la partecipazione straordinaria di ironia effervescente: la mamma ebrea di Marcus, le freddure dello sbirro acido e la verità sugli scrittori. Alla fine, pure loro sono dei bluff.

 

Traduzione di Vincenzo Vega

Ultime recensioni Letture / Libri
1invaders
Nona Fernández

Space Invaders

9

La memoria è una pietra che può fare male, che forse a volte qualcuno dovrebbe scagliare lontano...
Cover Libro
Piero Balzoni

Come uccidere le aragoste

7

Non conosce il vero significato degli oggetti e delle persone chi non ha mai perso qualcuno. Quella...
9788874628513-b
Jean Talon

Incontro coi selvaggi

8

Spassoso, divertente, puntiglioso e – come se non bastasse – colto, dannatamente colto. “Incontri coi selvaggi” scritto...
download
Mario Vattani

Doromizu. Acqua Torbida

7

Nell’acqua torbida galleggia e vive di tutto. Uomini e donne senza dignità, rapporti malati, violenze psicologiche e...
esorcista-light
William Peter Blatty

L'esorcista

9

“…E un uomo, le ossa di un uomo. I resti calcificati dell’angoscia cosmica che un giorno l’avevano...
Qualcosa, là fuori
Bruno Arpaia

Qualcosa, là fuori

8

Più che visionario, un romanzo attuale e allo stesso tempo impegnato civilmente. Qualcosa, là fuori di Bruno...
il-grand-slam
Charles Webb

Il grande slam

7.5

Il Grande Slam è un termine tecnico che nel tennis indica il conseguimento della vittoria in quattro tornei ma...
scala
Georges Simenon

La scala di ferro

7.5

Ètienne e Louise vivono insieme da quindici anni. Da quando, cioè, Louise irretì e convinse il giovane...
kurt
Paolo Restuccia

Io sono Kurt

6.5

Inseguimenti, denaro, donne, uomini in fuga e musica. Soprattutto tanta musica nel nuovo romanzo Io sono Kurt...
purity
Jonathan Franzen

Purity

7.5

Ti diranno che può non essere corretto scrivere in una recensione, soprattutto al principio, un’impressione personale, puramente...
voland
Edgar Hilsenrath

Orgasmo a Mosca

8

Cherchez l’homme, verrebbe voglia di dire dopo aver letto Orgasmo a Mosca, romanzo manifesto di Edgar Hilsnerath...
arreola
Juan José Arreola

Bestiario

7

Capita spesso che gli esseri umani siano paragonati agli animali, sia dal punto di vista fisico che...
mo yan
Mo Yan

Il paese dell'alcol

8

Ding Gou’er è un ispettore inviato dalla procura a indagare sulla fondatezza delle anonime accuse di cannibalismo...
miranda
Miranda July

Il primo uomo cattivo

8.5

Avete quarant’anni, su per giù. Siete questa donna dai capelli corti e la carne flaccida, per niente...