mucchio_Dicker_cover
Joël Dicker

La verità sul caso Harry Quebert

Bompiani / pp. 784 / € 19,50
8

C’è da invidiare il ginevrino Joël Dicker. A ventotto anni ha partorito un capolavoro, e al secondo romanzo. Di solito meta privilegiata di facili cadute, dopo un esordio coi fiocchi: il suo primo romanzo Les derniers jours de nos pères nel 2010 aveva portato a casa un Prix des écrivains genevois. Da quelle parti vorrà certamente dire qualcosa. Idem in Francia dove gli tengono gli occhi puntati addosso. Leggete La verità sul caso Harry Quebert e forse converrete con noi che i miracoli esistono. I gialli ben congegnati li scrivono ancora. Fenomeno letterario o meno, Dicker appartiene alla categoria “sonora sberla in faccia”. Ovvero coloro che ti costringono a incassare quasi 800 pagine di romanzo con meccanica assuefazione, cambiando le regole del gioco in corso d’opera. Ma se l’anima del suo romanzo è di quella tonalità di colore, non sfuggirà al suo interno il senso di appartenenza al mondo dei libri e della scrittura. La verità sul caso Harry Quebert è un romanzo appassionante che ti fa dubitare di tutto e di tutti, sino all’ultimo. Tranne dell’amore.

La storia non suona migliore o peggiore di altre: una ragazzina di 15 anni, Nola Kellergan, svanisce misteriosamente alla fine dell’estate 1975, per ricomparire cadavere trent’anni più tardi nel giardino dell’uomo che segretamente l’aveva amata. Lui è un romanziere famoso e il suo discepolo, Marcus Goldman, fregato dal blocco dello scrittore proprio al secondo romanzo, inizia a indagare. Agatha Christie, mettiti comoda sulla tua nuvoletta e sta a guardare. Dicker costruisce il suo giallo magistrale ricomponendo un puzzle a incastro ambientandolo nella quieta provincia americana, a un passo dal Maine caro a Stephen King. Compie drastiche inversioni temporali a U, lisciando il passato di uomini e donne che, all’apparenza, con la vittima non c’entravano nulla. E intanto rivela, scarta, divaga da abile piazzista di emozioni, colpi di scena, improvvisi ribaltamenti. Fino a rivelarci chi-cosa-perché. Con la partecipazione straordinaria di ironia effervescente: la mamma ebrea di Marcus, le freddure dello sbirro acido e la verità sugli scrittori. Alla fine, pure loro sono dei bluff.

 

Traduzione di Vincenzo Vega

Ultime recensioni Letture / Libri
Luca_Quarin_Il_battito_oscuro_del_mondo
Luca Quarin

8

“E così la mia vita si ritrovò al punto di partenza, com’è tipico della vita, mi sembra”....
Massimo Padalino_il gioco
Massimo Padalino

Il gioco

7

Ne Il gioco fa da scenario la provincia veneta, ed è da lì che il romanzo parte...
1poore
Michael Poore

Reincarnation Blues

5.5

  Alcuni libri sembrano nascere per essere delle bellissime quarte di copertina. Poi, dopo l’entusiasmo iniziale, l’ultima...
arcana
Ernesto Assante

1977. Gioia e rivoluzione

7

Nell’accerchiamento, coinvolto, sebbene… Libro in libertà, multikulti, esistenziale a/traverso una Rosa al maschile (Alberto Asor), due società,...
1shak
Neil MacGregor

Il mondo inquieto di Shakespeare

7

Il mondo inquieto di Shakespeare di Neil MacGregor si legge come un raffinato percorso immaginativo fondato sulle figure;...
Notte ragazzi cattivi
Massimo Cacciapuoti

La notte dei ragazzi cattivi

6.5

Al suo ottavo romanzo, con La notte dei ragazzi cattivi, Massimo Cacciapuoti, dopo il fortunato esordio nel 1998...
abbecedario
Alessandro Fiori

Abbecedario degli animali

7

In ordine sparso: cani, astici, balene, oranghi, delfini. Una lettera, un’illustrazione e un breve testo per ogni...
barnes
Julian Barnes

Prima di me

6.5

“La prima volta che Graham Hendrick sorprese la moglie con un altro, non ne fece una malattia....
piscine
Enrico Gabrielli

Le piscine terminali

7.5

La stessa fantasia superiore palesata nell’arrangiamento e/o nell’esecuzione di “circa 200 dischi in 14 anni di attività”,...
mucchio_hollywood_cover
Peter Decherney

Hollywood

6.5

Sono tanti i libri dedicati a Hollywood e al suo cinema, pochi quelli di cui vale la...
lincoln nel bardo
George Saunders

Lincoln nel bardo

9

Dicevamo – qualche tempo fa devo averlo scritto, dopo averlo letto da qualche altra parte – di...