la-conta-chiuso
Flavia Ganzenua

La conta delle lentiggini

Caratteri Mobili / pp. 72 / € 10
6

Flavia Ganzenua scrive di aneddoti, di carrellate cinematografiche, di pose calibrate, di bozzetti lirici. Ci sono molte storie, anzi storie nelle storie. O è solo una favola. O è solo un sogno. Il dubbio rimane. Il tema fiabesco apre il rosso in copertina. Una ragazza stesa all’ingiù, occhi chiusi, corpo magro, magrissimo annega, galleggia, respira ancora. Cappuccetto rosso che diventa lupo. Una sorta di liberazione, di capovolgimento di eroi e prede. È ingombrante la scrittura di Ganzenua, femminile, corporale, volutamente emozionale. In alcuni casi istintiva, con soluzioni espressionistiche e dei colpi di coda crudeli a perdifiato. Una scrittura a tratti trincerata sempre sulla difensiva, poetica perché senza nesso e spesso senza ragione. Lapidaria e sciolta “ricorda gli occhi delle mosche: migliaia di celle, poste l’una accanto all’altra, che sbriciolano la realtà. Le mosche captano il minimo movimento, ma la visione d’insieme non è mai nitida.” Ma più ci appressiamo al termine e più le trame narrative emergono, si riscopre un tentativo di prosa. Gli ultimi racconti non perdono la vena cinematografica, come se ci fossero sempre dei ritratti ricorrenti a cui dar colore nella scrittura della Ganzenua, ma hanno una forma-racconto più composita e armonica.

Sono un buco. Tutto ci passa attraverso e forse ci si perde anche. Un buco è anche qualcosa che aspetta di essere colmato, di essere saziato. E c’è chi non mangia, mai, e nasconde le polpette nelle maniche e poi nei tovaglioli come Davide in Belfast e la manutenzione del dolore, o chi non riesce a colmare un vuoto dentro ed uno accanto ed ordina al bancone sola, due caffè. Un buco non ha fondo e non sai mai dove finisce e si prova a delimitarne i bordi. “Avevo bisogno di sentirti. Ho acceso una sigaretta. Ho scelto un punto preciso, lo stesso che avevi scelto tu, sul polso, l’ho spenta lentamente, e tutto è tornato a posto.” Tutto è stato perso, violato. I personaggi sembrano esiliati in posti mai giusti, mai felici. Leo che aspetta la mamma fuori dalla scuola che non arriva, Davide che scappa di casa, Silvia che si crea un nascondiglio.

Ed infine il titolo, contare significa forse portare alla memoria delle cose, o dimenticarsene, distrarsi dal trambusto di tutto quello che avviene, che è avvenuto, o fare ordine. Contare le lentiggini è contare quello che si è, contare solo su di sé. Ogni macchiolina aranciata è uno squarcio che si apre nella memoria e nella bocca pronta a rac(contare). L’adolescenza, come crescita impari tra la testa e il corpo, tra quello che si afferra e quello che si perde. Caos dal quale non si esce, sono un pesce in una busta di plastica.

 

 

 

 

 

Ultime recensioni Letture / Libri
1serino
Francesco Serino

Lo spirito della scrittura

6.5

Tra i tanti mestieri che hanno a che fare direttamente con il lavoro editoriale, uno possiede un...
1fulmini
Matteo Trevisani

Il libro dei fulmini

8

Il libro dei Fulmini ha il suono dello sciabordio del tempo, il lento rincasare del presente nel...
mucchio_RicetteSignoraTokue_1
Durian Sukegawa

Le ricette della signora Tokue

7

La bottega di Sentarô vende dorayaki, i dolci tipici giapponesi farciti con confettura di fagioli rossi detta...
Luca_Quarin_Il_battito_oscuro_del_mondo
Luca Quarin

8

“E così la mia vita si ritrovò al punto di partenza, com’è tipico della vita, mi sembra”....
Massimo Padalino_il gioco
Massimo Padalino

Il gioco

7

Ne Il gioco fa da scenario la provincia veneta, ed è da lì che il romanzo parte...
1poore
Michael Poore

Reincarnation Blues

5.5

  Alcuni libri sembrano nascere per essere delle bellissime quarte di copertina. Poi, dopo l’entusiasmo iniziale, l’ultima...
arcana
Ernesto Assante

1977. Gioia e rivoluzione

7

Nell’accerchiamento, coinvolto, sebbene… Libro in libertà, multikulti, esistenziale a/traverso una Rosa al maschile (Alberto Asor), due società,...
1shak
Neil MacGregor

Il mondo inquieto di Shakespeare

7

Il mondo inquieto di Shakespeare di Neil MacGregor si legge come un raffinato percorso immaginativo fondato sulle figure;...
Notte ragazzi cattivi
Massimo Cacciapuoti

La notte dei ragazzi cattivi

6.5

Al suo ottavo romanzo, con La notte dei ragazzi cattivi, Massimo Cacciapuoti, dopo il fortunato esordio nel 1998...