Russell-Banks_h_partb
Russel Banks

La deriva dei continenti

Einaudi Stile Libero / pp. 496 / € 19.50
8.5

banksRussell Banks racconta ogni volta – con ostinazione commovente anche solo per la sua programmaticità – storie di personaggi il cui destino di sconfitta sta scritto nei cromosomi sociali, in contingenze storiche e ambientali spesso banalmente scambiate per sorte. Uomini e donne le cui azioni non hanno alcun peso perché abitano luoghi dai quali le possibilità di incidere sul mondo e sulla propria vita sono nulle. Personaggi il cui unico diritto è quello di prendere atto della propria condizione di perdenti, costretti a desiderare sogni contraffatti spacciati a buon mercato, che  producono dolore, sofferenza e morte.

Continental Drift (romanzo del 1985 pubblicato quest’anno da Einaudi Stile Libero con il titolo La deriva dei continenti) è sicuramente la  più ambiziosa tra le sue opere tradotte in Italia. Quella dove il tragico senso di ineluttabilità che pesa sulla testa di ognuno dei protagonisti trova la forma di un disegno narrativo dal respiro cosmico e quasi sacro. Disegno – aperto e chiuso da anti-invocazioni a una musa ellenica svanita e ormai inutile – che si incarna, come sempre in Banks, in vicende, uno stile e una voce urgentemente terrene e contemporanee.

Forse per questa sua smisurata ambizione si presenta, se osservato in maniera asettica e crudele, come un oggetto spigoloso e non del tutto riuscito. Lo scorrere parallelo – fino alla collisione finale – di esistenze separate da mondi, dà l’idea di essere accessorio e poco organico, quasi si trattasse di due diversi romanzi. Non ci sono qui la coesione e  l’asciuttezza dei racconti de L’angelo sotto il tetto o la definizione di un universo intimo e di una progressione narrativa perfette che caratterizza Tormenta; La deriva dei continenti è in apparenza un romanzo disarmonico e imperfetto. Eppure se si lasciano entrare le viscere nello sguardo non si può non dimenticarsene, e farsi travolgere dal  violento sfiorarsi conclusivo di Bob Dubois, tecnico di bruciatori a nafta del New Hampshire, con 15 migranti Haitiani nel mezzo della loro odissea. Ognuno in maniera diversa alla ricerca di un’America che è irraggiungibile e conduce inevitabilmente alla morte, “così sulle tue ossa possono piazzare qualche condominio o un parcheggio o, perché no, un aranceto”.

Esistenze d’”altri” distanti tra loro centinaia di anni – eppure comuni nella miseria – che si scontrano, bruciano e scuotono i nostri occhi pigri con gioia e dolore, e ci liberano per un attimo dal nostro egoismo; facendo quello che per Banks dovrebbe saper fare la letteratura: sabotare, sovvertire e contribuire alla distruzione del  mondo così com’è.

Ultime recensioni Letture / Libri
1invaders
Nona Fernández

Space Invaders

9

La memoria è una pietra che può fare male, che forse a volte qualcuno dovrebbe scagliare lontano...
Cover Libro
Piero Balzoni

Come uccidere le aragoste

7

Non conosce il vero significato degli oggetti e delle persone chi non ha mai perso qualcuno. Quella...
9788874628513-b
Jean Talon

Incontro coi selvaggi

8

Spassoso, divertente, puntiglioso e – come se non bastasse – colto, dannatamente colto. “Incontri coi selvaggi” scritto...
download
Mario Vattani

Doromizu. Acqua Torbida

7

Nell’acqua torbida galleggia e vive di tutto. Uomini e donne senza dignità, rapporti malati, violenze psicologiche e...
esorcista-light
William Peter Blatty

L'esorcista

9

“…E un uomo, le ossa di un uomo. I resti calcificati dell’angoscia cosmica che un giorno l’avevano...
Qualcosa, là fuori
Bruno Arpaia

Qualcosa, là fuori

8

Più che visionario, un romanzo attuale e allo stesso tempo impegnato civilmente. Qualcosa, là fuori di Bruno...
il-grand-slam
Charles Webb

Il grande slam

7.5

Il Grande Slam è un termine tecnico che nel tennis indica il conseguimento della vittoria in quattro tornei ma...
scala
Georges Simenon

La scala di ferro

7.5

Ètienne e Louise vivono insieme da quindici anni. Da quando, cioè, Louise irretì e convinse il giovane...
kurt
Paolo Restuccia

Io sono Kurt

6.5

Inseguimenti, denaro, donne, uomini in fuga e musica. Soprattutto tanta musica nel nuovo romanzo Io sono Kurt...
purity
Jonathan Franzen

Purity

7.5

Ti diranno che può non essere corretto scrivere in una recensione, soprattutto al principio, un’impressione personale, puramente...
voland
Edgar Hilsenrath

Orgasmo a Mosca

8

Cherchez l’homme, verrebbe voglia di dire dopo aver letto Orgasmo a Mosca, romanzo manifesto di Edgar Hilsnerath...
arreola
Juan José Arreola

Bestiario

7

Capita spesso che gli esseri umani siano paragonati agli animali, sia dal punto di vista fisico che...
mo yan
Mo Yan

Il paese dell'alcol

8

Ding Gou’er è un ispettore inviato dalla procura a indagare sulla fondatezza delle anonime accuse di cannibalismo...
miranda
Miranda July

Il primo uomo cattivo

8.5

Avete quarant’anni, su per giù. Siete questa donna dai capelli corti e la carne flaccida, per niente...