scala
Georges Simenon

La scala di ferro

Adelphi / pp. 179 / € 18
7.5

Ètienne e Louise vivono insieme da quindici anni. Da quando, cioè, Louise irretì e convinse il giovane commesso a diventare suo amante. Più precisamente: da quando il marito della donna aveva misteriosamente incominciato a dimagrire e in tre mesi, ridotto alla statura e al peso di un bambino di dieci anni, si era spento nel suo letto.

Rinchiusi nella loro intimità segreta, ansiosi di rendere sempre più profonda la loro solitudine, la coppia ha ridotto l’universo al loro appartamento: di giorno quello della cartoleria di cui Louise è “la padrona” e di notte, quando si scatena un desiderio per molti versi inspiegabile e famelico, la camera da letto.

Adesso però è Ètienne a stare male: negli ultimi tempi è colto da un’improvvisa sensazione di vertigine, accompagnata da “un intenso e molesto calore alla gola”, da crampi al ventre e scompensi cardiaci. Ma a sentire i medici non è malato, se non di nervi, e l’unica cosa da fare è riposare. Relegato in camera, quando è solo, ha tutto il tempo per riflettere. E sospettare di Louise.

Nel giro di poche pagine Simenon col suo stile asciutto, essenziale e implacabile ci fa precipitare dentro un soffocante universo di paranoia e angoscia. Dall’appartamento collegato al negozio attraverso una scala di ferro Ètienne ascolta Louise, la spia, si immagina la sua vita quando lui non c’è, cosa si dice al telefono con l’amica Mariette (ma sarà veramente lei?). Finché si convince che abbia un amante e che lo stia avvelenando.

Altre volte si vergogna di rimuginare quei vaghi sospetti, crede di essere malato di nervi, di impazzire: da troppo tempo sono un tutt’uno. Ha paura, eppure si sente incatenato a lei. Perché anche se certe parole non sono mai state pronunciate, è colpevole non meno di Louise e se un giorno succederà qualcosa di terribile si rende conto di averlo meritato.

Uomini soggiogati da figure femminili si trovano nella Camera azzura e nel Clan dei Mahé, come in Lettere al mio giudice o In caso di disgrazia. Ma La scala di ferro tra questi, forse, è il più personale di Simenon. C’è molto della seconda moglie Denise nei lati oscuri di Louise: manipolatrice, falsa, incontrollabile, gli avrebbe rovinato la vita (prima di finire in clinica psichiatrica abusò della figlia Marie-Jo, che una volta adulta si sarebbe tolta la vita).

Come se per un attimo, in uno dei momenti più sereni nella vita dello scrittore (si era da poco trasferito con la famiglia a Lakeville, negli Stati Uniti), l’ombra del dubbio avesse sfiorato anche lui. Purtroppo, però, così acuto nel penetrare la psicologia dei personaggi, Simenon fu cieco rispetto alle tragedie domestiche. Ecco perché il romanzo non è solo un avvincente noir.

Solo dopo averlo terminato il lettore scopre che La scala di ferro parlava del segreto e della sua possibile convenienza, del matrimonio, della ferocia dei sentimenti e del tradimento, della responsabilità di chi ha finto di non sapere e dell’impossibilità di ignorare quello che mai avremmo voluto scoprire, del sospetto e dell’ossessione.

La traduzione è di Laura Frausin Guarino.

Commenti

Ultime recensioni Letture / Libri
mucchio_hollywood_cover
Peter Decherney

Hollywood

6.5

Sono tanti i libri dedicati a Hollywood e al suo cinema, pochi quelli di cui vale la...
lincoln nel bardo
George Saunders

Lincoln nel bardo

9

Dicevamo – qualche tempo fa devo averlo scritto, dopo averlo letto da qualche altra parte – di...
geye
Peter Geye

Dentro l'inverno

5.5

Peter Geye forse non avrà mai letto i Sei personaggi in cerca d’autore di Luigi Pirandello. Eppure...
mucchio_Belmondo_cover
Jean-Paul Belmondo

Mille vite, la mia

7

Tutti pronti a ricordare Godard, De Sica o Melville per elogiare la strabiliante e lunghissima carriera dell’attore...
9788806233884_0_0_0_80
Mohsin Hamid

Exit West

8.5

Ci sono le stelle nel cielo e sotto le stelle ci sono la terra, le città e...
9788804664529_0_0_1537_80
Teresa Ciabatti

La più amata

7.5

Questa è la storia di Teresa Ciabatti, scritta in prima persona, senzavvirgolette e un talento per la...
bambara
Toni Cade Bambara

Gorilla, amore mio

7.5

Sebbene negli Stati Uniti sia considerata una scrittrice fondamentale nella storia della letteratura afroamericana, Gorilla, amore mio,...
animalnott

7

Che il loro habitat sia il deserto, la savana o il bosco, che si muovano sulla terra...
krull
Georges Simenon

La casa dei Krull

7

La casa dei Krull è l’estrema periferia del paese, vicino il capolinea del tram e davanti a...
la-stanza-profonda-vanni-santoni
Vanni Santoni

La stanza profonda

7.5

Chiusi in scantinati e garage, per vent’anni hanno inventato mondi via via più sofisticati, mentre il mondo...
1hadelman
Nicola Manuppelli

Merenda da Hadelman

7

Si legge questo: “«Amo i cani. È la vita a essere dura». Più tardi imparai che questo...
Groff_300_COP_0000_cover_Layout-PDF-829x1160
Lauren Groff

Fato e Furia

8

Nei ringraziamenti, Lauren Groff scrive che questo libro è per Clay, per quella volta che lo ha...
Cognetti
Paolo Cognetti

Le otto montagne

8

Facciamo finta che l’acqua sia il tempo che scorre. Se qui, nel punto del fiume dove siamo...
Tony & Susan
Austin Wright

Tony & Susan

6.5

Lampeggia nelle sale cinematografiche e nei velodromi dello streaming piratesco l’ultimo film di Tom Ford, lo stilista...