scala
Georges Simenon

La scala di ferro

Adelphi / pp. 179 / € 18
7.5

Ètienne e Louise vivono insieme da quindici anni. Da quando, cioè, Louise irretì e convinse il giovane commesso a diventare suo amante. Più precisamente: da quando il marito della donna aveva misteriosamente incominciato a dimagrire e in tre mesi, ridotto alla statura e al peso di un bambino di dieci anni, si era spento nel suo letto.

Rinchiusi nella loro intimità segreta, ansiosi di rendere sempre più profonda la loro solitudine, la coppia ha ridotto l’universo al loro appartamento: di giorno quello della cartoleria di cui Louise è “la padrona” e di notte, quando si scatena un desiderio per molti versi inspiegabile e famelico, la camera da letto.

Adesso però è Ètienne a stare male: negli ultimi tempi è colto da un’improvvisa sensazione di vertigine, accompagnata da “un intenso e molesto calore alla gola”, da crampi al ventre e scompensi cardiaci. Ma a sentire i medici non è malato, se non di nervi, e l’unica cosa da fare è riposare. Relegato in camera, quando è solo, ha tutto il tempo per riflettere. E sospettare di Louise.

Nel giro di poche pagine Simenon col suo stile asciutto, essenziale e implacabile ci fa precipitare dentro un soffocante universo di paranoia e angoscia. Dall’appartamento collegato al negozio attraverso una scala di ferro Ètienne ascolta Louise, la spia, si immagina la sua vita quando lui non c’è, cosa si dice al telefono con l’amica Mariette (ma sarà veramente lei?). Finché si convince che abbia un amante e che lo stia avvelenando.

Altre volte si vergogna di rimuginare quei vaghi sospetti, crede di essere malato di nervi, di impazzire: da troppo tempo sono un tutt’uno. Ha paura, eppure si sente incatenato a lei. Perché anche se certe parole non sono mai state pronunciate, è colpevole non meno di Louise e se un giorno succederà qualcosa di terribile si rende conto di averlo meritato.

Uomini soggiogati da figure femminili si trovano nella Camera azzura e nel Clan dei Mahé, come in Lettere al mio giudice o In caso di disgrazia. Ma La scala di ferro tra questi, forse, è il più personale di Simenon. C’è molto della seconda moglie Denise nei lati oscuri di Louise: manipolatrice, falsa, incontrollabile, gli avrebbe rovinato la vita (prima di finire in clinica psichiatrica abusò della figlia Marie-Jo, che una volta adulta si sarebbe tolta la vita).

Come se per un attimo, in uno dei momenti più sereni nella vita dello scrittore (si era da poco trasferito con la famiglia a Lakeville, negli Stati Uniti), l’ombra del dubbio avesse sfiorato anche lui. Purtroppo, però, così acuto nel penetrare la psicologia dei personaggi, Simenon fu cieco rispetto alle tragedie domestiche. Ecco perché il romanzo non è solo un avvincente noir.

Solo dopo averlo terminato il lettore scopre che La scala di ferro parlava del segreto e della sua possibile convenienza, del matrimonio, della ferocia dei sentimenti e del tradimento, della responsabilità di chi ha finto di non sapere e dell’impossibilità di ignorare quello che mai avremmo voluto scoprire, del sospetto e dell’ossessione.

La traduzione è di Laura Frausin Guarino.

Commenti

Ultime recensioni Letture / Libri
1serino
Francesco Serino

Lo spirito della scrittura

6.5

Tra i tanti mestieri che hanno a che fare direttamente con il lavoro editoriale, uno possiede un...
1fulmini
Matteo Trevisani

Il libro dei fulmini

8

Il libro dei Fulmini ha il suono dello sciabordio del tempo, il lento rincasare del presente nel...
mucchio_RicetteSignoraTokue_1
Durian Sukegawa

Le ricette della signora Tokue

7

La bottega di Sentarô vende dorayaki, i dolci tipici giapponesi farciti con confettura di fagioli rossi detta...
Luca_Quarin_Il_battito_oscuro_del_mondo
Luca Quarin

8

“E così la mia vita si ritrovò al punto di partenza, com’è tipico della vita, mi sembra”....
Massimo Padalino_il gioco
Massimo Padalino

Il gioco

7

Ne Il gioco fa da scenario la provincia veneta, ed è da lì che il romanzo parte...
1poore
Michael Poore

Reincarnation Blues

5.5

  Alcuni libri sembrano nascere per essere delle bellissime quarte di copertina. Poi, dopo l’entusiasmo iniziale, l’ultima...
arcana
Ernesto Assante

1977. Gioia e rivoluzione

7

Nell’accerchiamento, coinvolto, sebbene… Libro in libertà, multikulti, esistenziale a/traverso una Rosa al maschile (Alberto Asor), due società,...
1shak
Neil MacGregor

Il mondo inquieto di Shakespeare

7

Il mondo inquieto di Shakespeare di Neil MacGregor si legge come un raffinato percorso immaginativo fondato sulle figure;...
Notte ragazzi cattivi
Massimo Cacciapuoti

La notte dei ragazzi cattivi

6.5

Al suo ottavo romanzo, con La notte dei ragazzi cattivi, Massimo Cacciapuoti, dopo il fortunato esordio nel 1998...