esorcista-light
William Peter Blatty

L'esorcista

Fazi / pp. 427 / € 14
9

“…E un uomo, le ossa di un uomo. I resti calcificati dell’angoscia cosmica che un giorno l’avevano costretto a chiedersi se, in fondo, la materia non fosse altro che l’annaspare di Lucifero per riconquistare i cieli del suo Dio. Ormai, però, sapeva qualcosa in più. Attratto dal profumo intenso delle piante di liquirizia e tamarisco, il suo sguardo si volse verso i papaveri sulle colline, verso le distese di giunchi, verso la strada nuda e sassosa che si precipitava nel terrore.”

Ritorna un classico, fondamentale, della letteratura orrifica, L’esorcista (1971) di William Peter Blatty, in una nuova affascinante veste all’interno della collana “Darkside” per Fazi editore. Nessuno certamente dimentica la popolare suggestione, potente, subita dopo la visione dell’eccezionale trasposizione cinematografica del libro, tuttavia, a mio avviso, l’opera di Blatty è più perturbante e intensa rispetto al lavoro del regista William Friedkin.

I fatti de L’esorcista narrano della graduale possessione demoniaca di cui sarà vittima la piccola Regan. La madre della bambina, l’attrice Chris MacNeil, scoprirà l’orrore che piano piano aggredirà la figlia, dapprima tramite l’infestazione della casa, cioè il demone stravolgerà l’ordine della dimora: scuoterà il letto, nasconderà gli oggetti; in seguito, assistendo alla totale conquista diabolica della volontà della piccola. In aiuto della signora MacNeil giungeranno due uomini diversamente vicini alla fede. Padre Karras e padre Lankester Merrin, entrambi pronti a esorcizzarla. Al di là della trama, ampiamente nota, penso sia necessario riconoscere a L’esorcista il merito di essere un lavoro di grande profondità spirituale.

Per tre ragioni.

1. Innanzitutto perché la struttura narrativa non concede possibilità di fuga: si avrà paura del Diavolo pagina dopo pagina e l’obiettivo orrifico coinvolgerà ogni senso fino a credersi coinvolti negli eventi.
2. Perché la lingua, agile, secca – per taluni versi sottilmente malefica per la sua strategia di attacco, quasi sensoriale, verso il lettore – non dispone dell’argomento demoniaco con bislacche e grossolane intenzioni stilistiche. Il linguaggio è dunque ragionato, calamitico, studiato.
3. Ultima ragione: si discute della questione del Bene e del Male, di Dio e del Diavolo, con delicatezza, nonostante alcune pagine di forte effetto.

Il lettore di fede potrà quindi porsi verso il libro con rinnovata fiducia verso il concetto cristiano di Grazia. O scegliendo la prospettiva fideistica di Karras, ovvero quella del dubbio intellettuale prima di riconoscere la beatitudine assai umile di Dio. Oppure quella, già saggiamente sicura di Dio, del più anziano Merrin: la lotta contro il Diavolo è nel tempo e non si esaurirà se non per volere dello stesso Dio. Così come potrà aprire il volume anche il lettore più scettico: pagine intere discutono, infatti, imbevute di scienza medica, della effettiva difficoltà circa la dichiarazione finale se ci si trova innanzi a una possessione demoniaca. Altre pagine, invece, daranno opportunità di studio attorno al sensibile territorio della possessione diabolica e al suo atto di espulsione che è l’esorcismo, nel libro è quello del rituale romano cattolico. Finché tutti i lettori forse si porranno la medesima domanda: “cosa dobbiamo fare in questo mondo immanente per riconoscere e sconfiggere il Male?”

Si chinò di nuovo e avvicinò la bocca all’orecchio di Karras. Aspettò. Si sforzò di sciogliere il nodo che sentiva in gola. «Sei…?». Si interruppe quando sentì la presa sul suo polso allentarsi improvvisamente. Tirò indietro la testa e vide gli occhi pieni di pace, di pace e di qualcos’altro. Qualcosa di misterioso, come una gioia, il raggiungimento di qualcosa di desiderato con tutto il cuore.”

Commenti

Ultime recensioni Letture / Libri
bambara
Toni Cade Bambara

Gorilla, amore mio

7.5

Sebbene negli Stati Uniti sia considerata una scrittrice fondamentale nella storia della letteratura afroamericana, Gorilla, amore mio,...
animalnott

7

Che il loro habitat sia il deserto, la savana o il bosco, che si muovano sulla terra...
krull
Georges Simenon

La casa dei Krull

7

La casa dei Krull è l’estrema periferia del paese, vicino il capolinea del tram e davanti a...
1hadelman
Nicola Manuppelli

Merenda da Hadelman

7

Si legge questo: “«Amo i cani. È la vita a essere dura». Più tardi imparai che questo...
Groff_300_COP_0000_cover_Layout-PDF-829x1160
Lauren Groff

Fato e Furia

8

Nei ringraziamenti, Lauren Groff scrive che questo libro è per Clay, per quella volta che lo ha...
Cognetti
Paolo Cognetti

Le otto montagne

8

Facciamo finta che l’acqua sia il tempo che scorre. Se qui, nel punto del fiume dove siamo...
Tony & Susan
Austin Wright

Tony & Susan

6.5

Lampeggia nelle sale cinematografiche e nei velodromi dello streaming piratesco l’ultimo film di Tom Ford, lo stilista...
nove
Aldo Nove

Anteprima Mondiale

6.5

La nave fantasma di Teseo traghetta le apocalissi di Aldo Nove. Niente sia risparmiato nell’allestimento di questo...
ferrè
Léo Ferré

Benoît Misère

7.5

Ha la forza di una poesia di Villon e la potenza di un canto anarchico. È poesia...
cesura
Andrea Dei Castaldi

La cesura

7.5

Catalogo di cesure: anzitutto la grande crisi del 2008, che fa da sfondo al ritorno a casa...
copertina-Mazzoni
Lorenzo Mazzoni

Un tango per Victor

7.5

Un giovane italo-cileno, di nome Denil, vive ad Amsterdam. Lavora in un coffe shop ed è uno...
1invaders
Nona Fernández

Space Invaders

9

La memoria è una pietra che può fare male, che forse a volte qualcuno dovrebbe scagliare lontano...
Cover Libro
Piero Balzoni

Come uccidere le aragoste

7

Non conosce il vero significato degli oggetti e delle persone chi non ha mai perso qualcuno. Quella...
9788874628513-b
Jean Talon

Incontro coi selvaggi

8

Spassoso, divertente, puntiglioso e – come se non bastasse – colto, dannatamente colto. “Incontri coi selvaggi” scritto...
download
Mario Vattani

Doromizu. Acqua Torbida

7

Nell’acqua torbida galleggia e vive di tutto. Uomini e donne senza dignità, rapporti malati, violenze psicologiche e...
esorcista-light
William Peter Blatty

L'esorcista

9

“…E un uomo, le ossa di un uomo. I resti calcificati dell’angoscia cosmica che un giorno l’avevano...