GianlucaMorozzi_LEtaDellOro
Gianluca Morozzi

L'età dell'oro

Italica edizioni / pp. 192 / € 15
7

Essendo un irregolare per definizione, Gianluca Morozzi non poteva che confezionare un’autobiografia imprevedibile: eccolo quindi che resta chiuso in un bar della Cirenaica; ecco che gli si materializza l’amletico fantasma di Andrea Pazienza: ed ecco che gli affida le proprie confessioni e impressioni di scrittore del suo tempo su quello che è accaduto e su quanto sta succedendo nei tempi a noi più vicini. Il baricentro è rappresentato da una città molto spesso descritta come irrimediabilmente perduta, Bologna; una posto che per anni è stato qualcosa di molto simile a una capitale, caotica e creativa (e il re indiscusso era proprio lui, Paz). E sarà capitato anche a voi di incrociare qualche amico che ha vissuto lì: gente che vi spiega, quando il discorso cade infine su quella ex-capitale, che è finito tutto, e qualcuno darà la colpa a Cofferati.

Ma Morozzi è Bologna, come Bologna è anche Paz; per Morozzi, Bologna è la propria formazione, è la squadra di calcio, è il passato e il futuro – il presente sfugge continuamente. E allora, dentro L’età dell’oro si fanno i conti con quello che è stato, disvelando mitologie e luoghi comuni: ma c’è spazio anche per le passioni personali (la musica e gli scacchi) e per il racconto sfacciato e parossistico delle difficoltà che incontra “chi vuole scrivere”. Tutte storie che “Moroz” racconta ovviamente senza indulgere nel pentolone dell’autocommiserazione, bensì virando su quell’umorismo scanzonato che i lettori dell’Era del porco e di Colui che gli dei vogliono distruggere conoscono assai bene.

L’età dell’oro è uscito in 333 copie, tutti esemplari unici e autografati come prevede la collana “L’Introvabile” di Italica edizioni, casa editrice ancora giovane, ricca di idee: una storia che è nata, sì, proprio a Bologna, che ha Enrico Brizzi “primo araldo e consigliere”, e che ha il seguente motto: “in formidabile equilibrio tra tradizione e spirito dei tempi”. Proprio il genere di spirito che riecheggia nel libro di Gianluca Morozzi.

Ultime recensioni Letture / Libri
1serino
Francesco Serino

Lo spirito della scrittura

6.5

Tra i tanti mestieri che hanno a che fare direttamente con il lavoro editoriale, uno possiede un...
1fulmini
Matteo Trevisani

Il libro dei fulmini

8

Il libro dei Fulmini ha il suono dello sciabordio del tempo, il lento rincasare del presente nel...
mucchio_RicetteSignoraTokue_1
Durian Sukegawa

Le ricette della signora Tokue

7

La bottega di Sentarô vende dorayaki, i dolci tipici giapponesi farciti con confettura di fagioli rossi detta...
Luca_Quarin_Il_battito_oscuro_del_mondo
Luca Quarin

8

“E così la mia vita si ritrovò al punto di partenza, com’è tipico della vita, mi sembra”....
Massimo Padalino_il gioco
Massimo Padalino

Il gioco

7

Ne Il gioco fa da scenario la provincia veneta, ed è da lì che il romanzo parte...
1poore
Michael Poore

Reincarnation Blues

5.5

  Alcuni libri sembrano nascere per essere delle bellissime quarte di copertina. Poi, dopo l’entusiasmo iniziale, l’ultima...
arcana
Ernesto Assante

1977. Gioia e rivoluzione

7

Nell’accerchiamento, coinvolto, sebbene… Libro in libertà, multikulti, esistenziale a/traverso una Rosa al maschile (Alberto Asor), due società,...
1shak
Neil MacGregor

Il mondo inquieto di Shakespeare

7

Il mondo inquieto di Shakespeare di Neil MacGregor si legge come un raffinato percorso immaginativo fondato sulle figure;...
Notte ragazzi cattivi
Massimo Cacciapuoti

La notte dei ragazzi cattivi

6.5

Al suo ottavo romanzo, con La notte dei ragazzi cattivi, Massimo Cacciapuoti, dopo il fortunato esordio nel 1998...