canali
Luca Canali

Autobiografia di un baro

Mondadori / pp. 184 / € 11
7.5

Le sale d’attesa dei grandi ospedali sono dei luoghi meravigliosi per leggere. Provare per credere.

Ritiro il tagliandino ammazzacode – ci vorrà parecchio tempo -, mi accomodo, tiro fuori dal giaccone un volumetto tascabile che mi è stato regalato a Natale e che questa mattina, chissà perché, ho deciso di portare con me.

Le informazioni preliminari su tale libretto e sull’autore le intuisco dall’immagine sul fronte (Renato Guttuso, I funerali di Togliatti). La quarta di copertina, invece, mi spiega come questa sia una nuova edizione, rivista dall’autore (Luca Canali, classe 1925, tra i maggiori latinisti italiani), di un romanzo autobiografico uscito nel 1984.

Se da un approccio superficiale l’”Autobiografia di un baro” non lascia ben sperare (noia e nosocomi, poi, sono un binomio più distruttivo di qualsiasi malattia), bastano le prime tre pagine per essere travolti dall’intensità della scrittura dell’autore e della sua esistenza da “truffatore”: dirigente di sezione comunista ma “animale impolitico quanti altri mai” radiato dal partito dopo i fatti d’Ungheria; professore universitario ma “ancora lì a barare, conoscevo poco e male le lingue, lasciavo cadere in disuso il greco, mi atteggiavo a tutore della filologia classica”; bramoso nella sessualità ma impotente di fronte all’amore e spesso a disagio con i sentimenti di figlio, amante, marito, padre.

Il libro è composto da ventiquattro capitoli più un’appendice scritta dalla moglie di Canali: ventiquattro racconti che attraverso i ritratti e le storie dei “personaggi” incontrati dall’autore nel corso degli anni finiscono per disegnare la vicenda di un uomo forse troppo severo con se stesso.

Nessuno può valutare quanto il giudizio negativo di Canali sulla propria esperienza umana sia una forma di autolesionismo legata alla grave depressione e alle nevrosi che l’hanno accompagnato per larga parte della sua vita (approssimativamente e grossolanamente, seguendo i racconti nel libro, dall’espulsione dal PCI in poi).

Mi sento di poter dire, però, che le vite raccontate dallo scrittore mi hanno coinvolto fino a farmi accantonare dopo pochi minuti l’ipocondria che mi aveva condotto in quell’affollata sala d’attesa di un grande ospedale, tanto da controllare se fosse il mio turno solamente durante alcuni fisiologici cali d’attenzione (uno, momentaneo ma terribile, sulla “Lettera al compagno di banco”).

Terminata la lettura, il mio turno era ancora di là da venire.  Allora ho barato anch’io: ho sfilato di mano il tagliandino ammazzacode ad un’adorabile vecchina assopita al mio fianco e sono andato incontro alle mie periodiche analisi del sangue.

Commenti

Ultime recensioni Letture / Libri
barnes
Julian Barnes

Prima di me

6.5

“La prima volta che Graham Hendrick sorprese la moglie con un altro, non ne fece una malattia....
piscine
Enrico Gabrielli

Le piscine terminali

7.5

La stessa fantasia superiore palesata nell’arrangiamento e/o nell’esecuzione di “circa 200 dischi in 14 anni di attività”,...
mucchio_hollywood_cover
Peter Decherney

Hollywood

6.5

Sono tanti i libri dedicati a Hollywood e al suo cinema, pochi quelli di cui vale la...
lincoln nel bardo
George Saunders

Lincoln nel bardo

9

Dicevamo – qualche tempo fa devo averlo scritto, dopo averlo letto da qualche altra parte – di...
geye
Peter Geye

Dentro l'inverno

5.5

Peter Geye forse non avrà mai letto i Sei personaggi in cerca d’autore di Luigi Pirandello. Eppure...
mucchio_Belmondo_cover
Jean-Paul Belmondo

Mille vite, la mia

7

Tutti pronti a ricordare Godard, De Sica o Melville per elogiare la strabiliante e lunghissima carriera dell’attore...
9788806233884_0_0_0_80
Mohsin Hamid

Exit West

8.5

Ci sono le stelle nel cielo e sotto le stelle ci sono la terra, le città e...
9788804664529_0_0_1537_80
Teresa Ciabatti

La più amata

7.5

Questa è la storia di Teresa Ciabatti, scritta in prima persona, senzavvirgolette e un talento per la...
bambara
Toni Cade Bambara

Gorilla, amore mio

7.5

Sebbene negli Stati Uniti sia considerata una scrittrice fondamentale nella storia della letteratura afroamericana, Gorilla, amore mio,...
animalnott

7

Che il loro habitat sia il deserto, la savana o il bosco, che si muovano sulla terra...
krull
Georges Simenon

La casa dei Krull

7

La casa dei Krull è l’estrema periferia del paese, vicino il capolinea del tram e davanti a...
la-stanza-profonda-vanni-santoni
Vanni Santoni

La stanza profonda

7.5

Chiusi in scantinati e garage, per vent’anni hanno inventato mondi via via più sofisticati, mentre il mondo...
1hadelman
Nicola Manuppelli

Merenda da Hadelman

7

Si legge questo: “«Amo i cani. È la vita a essere dura». Più tardi imparai che questo...
Groff_300_COP_0000_cover_Layout-PDF-829x1160
Lauren Groff

Fato e Furia

8

Nei ringraziamenti, Lauren Groff scrive che questo libro è per Clay, per quella volta che lo ha...