C’è vita sulle sponde del Tevere, e non sono solo le nutrie che offrono il loro simpatico spettacolo naturale. Sulle sponde del fiume, nel tratto in cui è attraversato dalla circonvallazione meridionale del GRA, vivono gli ultimi “anguillari” (che hanno fatto del loro mestiere in estinzione una sorta di sbiadita attrazione turistica), insieme ad altri outsider di una metropoli che li ha spinti ai margini dell’urbanizzazione. Vivono tutti su chiatte, o in baracche, piccoli prefabbricati, grosse tubature in cemento riadattate a castelletti da cronache del dopobomba, e il loro centro di aggregazione è una piccola e precaria trattoria, L’Anaconda. Tra loro c’è un uomo, che ha rinunciato al suo nome, Ippolito, e che tutti chiamano “il dottore”, perché si prende cura di chi sta male in questa comunità.
È giusto obbedire alla notte, quarto libro di Matteo Nucci, è la storia di quest’uomo, la ricostruzione della sua caduta e del suo tentativo di resurrezione. Passando di continuo da uno strenuo realismo alla fabula posturbana, facendo convivere forme diverse di dolore, e diversi modi di riuscire ad anestetizzarlo. Da un lato una scrittura ambiziosa e densissima, che sa dosare il registro epico, nel senso più ellenico del termine, dall’altro una capacità descrittiva di meticolosa attenzione al dettaglio, che assegna a paesaggi e scenari, oggetti e persone, la stessa dignità narrativa: Nucci incrocia una struttura romanzesca in terza persona a schegge di prospettive in soggettiva, costringendo il lettore sulle spine di una prosa mai consolatoria e sempre pronta agli smottamenti e agli scarti laterali. Così, tanto nel discorso indiretto quanto nei dialoghi, in cui l’oralità è mimeticamente riprodotta sia nei ritmi sia nelle costruzioni sintattiche, e ogni personaggio possiede una voce propria e inconfondibile, quello che emerge è una scrittura caparbia ma levigata, muscolare ma in perfetto equilibrio, letteraria ma capace di emozionare, per gli strappi che lacerano, ma anche per l’abilità di catturare bellezza.

Pubblicato sul Mucchio n. 755

Commenti

Ultime recensioni Letture / Libri
1serino
Francesco Serino

Lo spirito della scrittura

6.5

Tra i tanti mestieri che hanno a che fare direttamente con il lavoro editoriale, uno possiede un...
1fulmini
Matteo Trevisani

Il libro dei fulmini

8

Il libro dei Fulmini ha il suono dello sciabordio del tempo, il lento rincasare del presente nel...
mucchio_RicetteSignoraTokue_1
Durian Sukegawa

Le ricette della signora Tokue

7

La bottega di Sentarô vende dorayaki, i dolci tipici giapponesi farciti con confettura di fagioli rossi detta...
Luca_Quarin_Il_battito_oscuro_del_mondo
Luca Quarin

8

“E così la mia vita si ritrovò al punto di partenza, com’è tipico della vita, mi sembra”....
Massimo Padalino_il gioco
Massimo Padalino

Il gioco

7

Ne Il gioco fa da scenario la provincia veneta, ed è da lì che il romanzo parte...
1poore
Michael Poore

Reincarnation Blues

5.5

  Alcuni libri sembrano nascere per essere delle bellissime quarte di copertina. Poi, dopo l’entusiasmo iniziale, l’ultima...
arcana
Ernesto Assante

1977. Gioia e rivoluzione

7

Nell’accerchiamento, coinvolto, sebbene… Libro in libertà, multikulti, esistenziale a/traverso una Rosa al maschile (Alberto Asor), due società,...
1shak
Neil MacGregor

Il mondo inquieto di Shakespeare

7

Il mondo inquieto di Shakespeare di Neil MacGregor si legge come un raffinato percorso immaginativo fondato sulle figure;...
Notte ragazzi cattivi
Massimo Cacciapuoti

La notte dei ragazzi cattivi

6.5

Al suo ottavo romanzo, con La notte dei ragazzi cattivi, Massimo Cacciapuoti, dopo il fortunato esordio nel 1998...
abbecedario
Alessandro Fiori

Abbecedario degli animali

7

In ordine sparso: cani, astici, balene, oranghi, delfini. Una lettera, un’illustrazione e un breve testo per ogni...