Nessunacroce
Angelo Mellone

Nessuna croce manca

Baldini&Castoldi / pp. 320 / € 16
7

Qui c’è l’Italia.

Quella del cambiamento dal sistema pentapartitico all’attuale.

Ci sono audiocassette, sigarette fumate fino al filtro, contestazione, lotte tra ideali. Lotte scandite da azioni e reazioni, uguali e contrarie. Lotte contro gli altri e contro se stessi. Lotte per gli altri e per la propria città. Ci siamo tutti noi, a dispetto di qualsiasi sponda possa averci fatto da terreno “sicuro” nella nostra vita, con il nostro carico di aspettative giovanili, con le passioni brucianti e infiammanti che ci hanno carbonizzato l’anima in cui intingiamo le dita adulte, disegnando –malinconici-vecchi tracciati sulle pagine bianche dell’oggi.
E poi c’è la violenza della vita, che prende quattro ragazzi di Taranto e li percuote di felicità e dolore; un quadrilatero chiamato Dindo, Gorgo, Chiodo e Claudio, che come una testuggine avanza verso la maturità, nell’impegno politico e ideologico per poi deflagrare tra imprevisti esistenziali e curvature di realtà che separano ma non spezzano.

Nessuna croce manca ha una disperazione donchisciottesca, una forza inarrestabile nonostante tutte le avversità che vengono messe in campo durante le 323 pagine –mai statiche- di un libro che riesce a parlare un linguaggio di cronaca tricolore (raccontando dagli anni ’80 ai giorni nostri, dalla fine dell’MSI ai momenti più recenti, passando per Fiuggi e molto altro ancora) fusa con un’inedita narrativa di formazione, illuminando il vissuto di quattro ragazzi schierati a destra, che nonostante irregolarità, allontanamenti, affezioni e afflizioni, non riescono a distaccarsi da essa. Non c’è apologia, non c’è agiografia, al contrario l’autore sublima la trama da ogni presa di posizione, rendendola universale. Una storia di sentimenti, di tragico eroismo, come ognuno di noi può aver vissuto.

Romanzo necessario per capire l’odio e la comprensione utile per farne uso o abuso.
Angelo Mellone ha scritto di un gruppo di perdenti che – tra moltissimi colpi di scena – riescono a vincere solo la consapevolezza del loro essere dei ronin.

Commenti

Ultime recensioni Letture / Libri
1invaders
Nona Fernández

Space Invaders

9

La memoria è una pietra che può fare male, che forse a volte qualcuno dovrebbe scagliare lontano...
Cover Libro
Piero Balzoni

Come uccidere le aragoste

7

Non conosce il vero significato degli oggetti e delle persone chi non ha mai perso qualcuno. Quella...
9788874628513-b
Jean Talon

Incontro coi selvaggi

8

Spassoso, divertente, puntiglioso e – come se non bastasse – colto, dannatamente colto. “Incontri coi selvaggi” scritto...
download
Mario Vattani

Doromizu. Acqua Torbida

7

Nell’acqua torbida galleggia e vive di tutto. Uomini e donne senza dignità, rapporti malati, violenze psicologiche e...
esorcista-light
William Peter Blatty

L'esorcista

9

“…E un uomo, le ossa di un uomo. I resti calcificati dell’angoscia cosmica che un giorno l’avevano...
Qualcosa, là fuori
Bruno Arpaia

Qualcosa, là fuori

8

Più che visionario, un romanzo attuale e allo stesso tempo impegnato civilmente. Qualcosa, là fuori di Bruno...
il-grand-slam
Charles Webb

Il grande slam

7.5

Il Grande Slam è un termine tecnico che nel tennis indica il conseguimento della vittoria in quattro tornei ma...
scala
Georges Simenon

La scala di ferro

7.5

Ètienne e Louise vivono insieme da quindici anni. Da quando, cioè, Louise irretì e convinse il giovane...
kurt
Paolo Restuccia

Io sono Kurt

6.5

Inseguimenti, denaro, donne, uomini in fuga e musica. Soprattutto tanta musica nel nuovo romanzo Io sono Kurt...
purity
Jonathan Franzen

Purity

7.5

Ti diranno che può non essere corretto scrivere in una recensione, soprattutto al principio, un’impressione personale, puramente...
voland
Edgar Hilsenrath

Orgasmo a Mosca

8

Cherchez l’homme, verrebbe voglia di dire dopo aver letto Orgasmo a Mosca, romanzo manifesto di Edgar Hilsnerath...
arreola
Juan José Arreola

Bestiario

7

Capita spesso che gli esseri umani siano paragonati agli animali, sia dal punto di vista fisico che...
mo yan
Mo Yan

Il paese dell'alcol

8

Ding Gou’er è un ispettore inviato dalla procura a indagare sulla fondatezza delle anonime accuse di cannibalismo...
miranda
Miranda July

Il primo uomo cattivo

8.5

Avete quarant’anni, su per giù. Siete questa donna dai capelli corti e la carne flaccida, per niente...