Nessunacroce
Angelo Mellone

Nessuna croce manca

Baldini&Castoldi / pp. 320 / € 16
7

Qui c’è l’Italia.

Quella del cambiamento dal sistema pentapartitico all’attuale.

Ci sono audiocassette, sigarette fumate fino al filtro, contestazione, lotte tra ideali. Lotte scandite da azioni e reazioni, uguali e contrarie. Lotte contro gli altri e contro se stessi. Lotte per gli altri e per la propria città. Ci siamo tutti noi, a dispetto di qualsiasi sponda possa averci fatto da terreno “sicuro” nella nostra vita, con il nostro carico di aspettative giovanili, con le passioni brucianti e infiammanti che ci hanno carbonizzato l’anima in cui intingiamo le dita adulte, disegnando –malinconici-vecchi tracciati sulle pagine bianche dell’oggi.
E poi c’è la violenza della vita, che prende quattro ragazzi di Taranto e li percuote di felicità e dolore; un quadrilatero chiamato Dindo, Gorgo, Chiodo e Claudio, che come una testuggine avanza verso la maturità, nell’impegno politico e ideologico per poi deflagrare tra imprevisti esistenziali e curvature di realtà che separano ma non spezzano.

Nessuna croce manca ha una disperazione donchisciottesca, una forza inarrestabile nonostante tutte le avversità che vengono messe in campo durante le 323 pagine –mai statiche- di un libro che riesce a parlare un linguaggio di cronaca tricolore (raccontando dagli anni ’80 ai giorni nostri, dalla fine dell’MSI ai momenti più recenti, passando per Fiuggi e molto altro ancora) fusa con un’inedita narrativa di formazione, illuminando il vissuto di quattro ragazzi schierati a destra, che nonostante irregolarità, allontanamenti, affezioni e afflizioni, non riescono a distaccarsi da essa. Non c’è apologia, non c’è agiografia, al contrario l’autore sublima la trama da ogni presa di posizione, rendendola universale. Una storia di sentimenti, di tragico eroismo, come ognuno di noi può aver vissuto.

Romanzo necessario per capire l’odio e la comprensione utile per farne uso o abuso.
Angelo Mellone ha scritto di un gruppo di perdenti che – tra moltissimi colpi di scena – riescono a vincere solo la consapevolezza del loro essere dei ronin.

Commenti

Ultime recensioni Letture / Libri
Notte ragazzi cattivi
Massimo Cacciapuoti

La notte dei ragazzi cattivi

6.5

Al suo ottavo romanzo, con La notte dei ragazzi cattivi, Massimo Cacciapuoti, dopo il fortunato esordio nel 1998...
abbecedario
Alessandro Fiori

Abbecedario degli animali

7

In ordine sparso: cani, astici, balene, oranghi, delfini. Una lettera, un’illustrazione e un breve testo per ogni...
barnes
Julian Barnes

Prima di me

6.5

“La prima volta che Graham Hendrick sorprese la moglie con un altro, non ne fece una malattia....
piscine
Enrico Gabrielli

Le piscine terminali

7.5

La stessa fantasia superiore palesata nell’arrangiamento e/o nell’esecuzione di “circa 200 dischi in 14 anni di attività”,...
mucchio_hollywood_cover
Peter Decherney

Hollywood

6.5

Sono tanti i libri dedicati a Hollywood e al suo cinema, pochi quelli di cui vale la...
lincoln nel bardo
George Saunders

Lincoln nel bardo

9

Dicevamo – qualche tempo fa devo averlo scritto, dopo averlo letto da qualche altra parte – di...
geye
Peter Geye

Dentro l'inverno

5.5

Peter Geye forse non avrà mai letto i Sei personaggi in cerca d’autore di Luigi Pirandello. Eppure...
mucchio_Belmondo_cover
Jean-Paul Belmondo

Mille vite, la mia

7

Tutti pronti a ricordare Godard, De Sica o Melville per elogiare la strabiliante e lunghissima carriera dell’attore...
9788806233884_0_0_0_80
Mohsin Hamid

Exit West

8.5

Ci sono le stelle nel cielo e sotto le stelle ci sono la terra, le città e...
9788804664529_0_0_1537_80
Teresa Ciabatti

La più amata

7.5

Questa è la storia di Teresa Ciabatti, scritta in prima persona, senzavvirgolette e un talento per la...
bambara
Toni Cade Bambara

Gorilla, amore mio

7.5

Sebbene negli Stati Uniti sia considerata una scrittrice fondamentale nella storia della letteratura afroamericana, Gorilla, amore mio,...
animalnott

7

Che il loro habitat sia il deserto, la savana o il bosco, che si muovano sulla terra...
krull
Georges Simenon

La casa dei Krull

7

La casa dei Krull è l’estrema periferia del paese, vicino il capolinea del tram e davanti a...
la-stanza-profonda-vanni-santoni
Vanni Santoni

La stanza profonda

7.5

Chiusi in scantinati e garage, per vent’anni hanno inventato mondi via via più sofisticati, mentre il mondo...